mercoledì 27 gennaio 2021

L’Arabia Saudita “è pronta” a sostenere il Libano oppresso dal debito, ma prima vuole vedere un piano di riforma, dice il ministro delle finanze

L’Arabia Saudita è disposta a sostenere il Libano colpito dalla crisi, ma vuole vedere prima un piano di riforma realistico, ha detto il suo ministro delle finanze durante il G – 20 Vertice di Riyad di domenica.

Chiesto se il regno offrirebbe un aiuto finanziario al Libano, che è in preda a un debito , crisi bancaria e valutaria causata da decenni di cattiva gestione finanziaria e corruzione, il ministro delle finanze saudita Mohammed al Jadaan ha dichiarato che sta monitorando la situazione mentre si sviluppa.

“L’Arabia Saudita è stata un forte sostenitore di Il Libano per decenni, non è nuovo, ma stiamo guardando cosa sta succedendo in questo momento “, ha detto Hadley Gamble della CNBC. “Stiamo parlando con il FMI e altri – vogliamo vedere un piano di riforma che sia fattibile e fattibile e poi prenderemo provvedimenti.”

“Vorrei vedere un chiaro piano di riforma attuabile, praticabile, accettato dall’FMI e dai paesi di supporto, e ovviamente lo valuteremo e saremo pronti. “

I commenti arrivano nella peggiore crisi finanziaria del Libano in 30 anni, con il suo sistema bancario sottoposto a una tensione maggiore rispetto a quella del paese 1975 – 1990 guerra civile.

Il Libano è stato colpito con un doppio declassamento durante il fine settimana da due delle più grandi agenzie di rating del mondo, portando il paese a sei milioni più avanti nel territorio spazzatura. Moody’s e S&P Global Rating hanno declassato il rating a lungo termine del Libano a Ca e CC, rispettivamente – entrambi con dieci gradini al di sotto dell’investment grade – prefigurando ciò che ora gli investitori si aspettano essere il primo default obbligazionario del paese. )

Solo nell’ultima settimana, la Banca mondiale ha avvertito di una “implosione” e il rendimento degli eurobond del Libano che hanno maturato a marzo ha superato uno strabiliante 1 000%. I funzionari del governo stanno ora discutendo con i consulenti del Fondo monetario internazionale su come procedere, incluso come gestire i suoi $ 30 miliardi di obbligazioni internazionali, uno- il terzo dei quali è detenuto da investitori stranieri. Il resto è detenuto da obbligazionisti locali.

È probabile che un default spazzerà via il capitale della maggior parte delle banche locali, secondo gli analisti, più o meno 70% delle attività delle banche libanesi sono strumenti di debito sovrani e delle banche centrali. In un rapporto della scorsa settimana, Moody’s ha previsto che un piano di ristrutturazione del debito per il Libano avrebbe probabilmente incluso svalutazioni di obbligazioni per il 35% a 65% del valore nominale.

Il paese ha il rapporto debito / PIL più alto del mondo intorno a

% e ha sofferto per anni di bassa crescita, alta disoccupazione e corruzione dilagante. Anche “ingegneria finanziaria” da parte della banca centrale è da incolpare, dicono molti economisti, che ha comportato l’attrazione di depositi in dollari da banche locali a tassi di interesse elevati per finanziare la spesa del governo. La lira, ufficialmente ancorata al dollaro, è precipitata 40% sul mercato nero mentre le banche locali razionano i dollari necessari per le importazioni di cibo, medicine e altri beni essenziali beni.

Gli investitori si aspettano sempre più un default sul pagamento di eurobond di $ 1,2 miliardi dovuto il 9 marzo. Questa è una delle molte decisioni urgenti per Prime Il ministro Hassan Diab, nominato a fine gennaio dopo mesi di proteste popolari in tutta la nazione, ha costretto l’ex primo ministro Saad Hariri a dimettersi a ottobre.

Il processo decisionale del Libano è legato al suo sistema di governo di consenso, che divide la leadership tra le molte sette religiose del paese ed è spesso accusato di blocco politico e patrocinio. Il partito più potente del paese è Hezbollah, il gruppo politico e militante sciita appoggiato dall’Iran, arcivale rivale dell’Arabia Saudita.

Alla domanda se la regione potesse permettersi il Libano come stato fallito, al Jadaan rispose: “È nel nostro interesse assicurarci di non avere stati falliti in questa regione, purtroppo ne abbiamo alcuni, e stiamo lavorando con loro per garantire che quel numero non aumenti ma che quelli che sono nei guai siano effettivamente aiutati e la loro gente è aiutata a raggiungere il loro potenziale. “

Al Jadaan ha detto a CNBC durante un’intervista all’inizio 2019 che il regno era dietro il Libano “fino in fondo” in termini di supporto in tempi di necessità finanziaria. Domenica, il ministro delle finanze ha ribadito tale sostegno, sebbene con un tono più riservato, sottolineando la necessità di un piano chiaro e fattibile da parte del governo libanese per ripulire le pratiche finanziarie che l’hanno portato a questo punto.

“Siamo dietro il popolo libanese fino in fondo e continueremo – voglio dire che ospitiamo decine di migliaia di libanesi in Arabia Saudita e continueremo”, ha detto al Jadaan. “Vogliamo vedere qual è il programma di riforme che il governo sta proponendo, è praticabile, e quindi lavoriamo con i nostri partner per valutarlo.”

Articolo originale di CNBC