Entra in contatto con noi

Lifestyle

L'assunzione di vitamine aiuta quando si ha il COVID?

Pubblicato

il

Con la natura in continua evoluzione di tutto ciò che riguarda il COVID, unita alla bufera di disinformazione che c’è là fuori, è difficile stare al passo con i modi migliori per prendersi cura di se stessi quando si è malati di coronavirus.

Una delle cose che può essere difficile da analizzare è se è sicuro assumere vitamine quando si ha a che fare con SARS-CoV-2. Ad un certo punto, gli esperti hanno pensato che potesse essere pericoloso assumere alcuni integratori, come la vitamina D, quando infetti, temendo che potesse far andare in tilt il sistema immunitario. Ma le prove hanno presto scoperto che è vero il contrario: la vitamina D può effettivamente aiutare le persone a riprendersi più agevolmente infezioni delle vie respiratorie superiori come COVID.

Quindi, qual è il consenso ora? Va bene continuare a prendere le vitamine quando hai il COVID o è meglio sospendere gli integratori per qualche giorno mentre ti riprendi?

Come le vitamine interagiscono con le infezioni da COVID

Vitamine può sicuramente influenzare il tuo sistema immunitario, ma se dovresti o meno continuare a prendere le tue vitamine quando sei malato dipende davvero da cosa stai prendendo e da cosa sei infetto. Questo è secondo Dana Ellis Hunnesdietista clinico, assistente professore alla UCLA Fielding School of Public Health e autore di “Ricetta per la sopravvivenza.”

Advertisement

Ad esempio, è noto che ferro da stiro gli integratori possono complicare le infezioni batteriche e contribuire all’infiammazione in alcuni pazienti, ha detto Hunnes. E vari casi clinici una tantum hanno scoperto che alcuni integratori a base di erbe, come l’echinacea, potenzialmente innescavano riacutizzazioni in persone precedentemente diagnosticate con disturbi autoimmuni quando ingerivano detto integratore per un’infezione delle vie respiratorie superiori.

Durante la pandemia, alcuni esperti di salute hanno affermato che in realtà non vuoi “rafforzare il tuo sistema immunitario” quando stai combattendo un’infezione infiammatoria come COVID. Ma secondo Hannah Schröderun medico residente in medicina generale presso la Sonoran University che si concentra sulla medicina naturopatica, è improbabile che le tue vitamine quotidiane, ai dosaggi corretti, stimolino eccessivamente la tua risposta immunitaria.

“Anche se ha senso che le vitamine e gli integratori immunostimolanti sembrino potenzialmente troppo stimolanti, in generale, questo non sembra innescare reazioni eccessive del sistema immunitario per la maggior parte del tempo”, ha detto Schroeder.

A dosaggi tipici, le tue vitamine probabilmente non avranno un effetto dannoso sulla tua risposta immunitaria, ha spiegato Hunnes. In effetti, per molte persone, integratori – come acidi grassi omega-3 e probioticie persino echinacea – aiuta a migliorare Funzione immunitaria combattendo i virus e riducendo l’infiammazione. Vitamina Dad esempio, è costantemente associato a migliori risultati COVID, secondo Schroeder.

Advertisement

Studi hanno indicato che le persone con COVID grave o ricoverate in ospedale per la loro infezione, in generale, avevano livelli più bassi di vitamina D nel sangue. Ricerca ha anche scoperto che quando le persone carenti di vitamina D assumevano integratori di vitamina D, avevano esiti meno gravi e degenze ospedaliere più brevi.

Detto questo, prendendo vitamina D – o qualsiasi altro supplemento, del resto, probabilmente non può impedirti di farlo che ha contratto il virus innanzitutto.

“La maggior parte delle prove finora sembra suggerire che la vitamina D stessa non sia preventiva o protettiva contro COVID, ma che può aiutare a ridurre la gravità dei sintomi”, ha detto Schroeder.

Maryna Terletska tramite Getty Images

Advertisement

Alcuni integratori possono avere interazioni negative con i trattamenti COVID.

Cosa dovresti fare con le vitamine quando contrai il COVID

Molti studi clinici sono in corso per valutare gli effetti che gli integratori hanno sul COVID. Ma al momento non ci sono prove concrete che suggeriscano che sia troppo rischioso continuare a prendere le vitamine e i multivitaminici quotidiani quando sei malato di virus. Come accennato in precedenza, molte vitamine, dagli acidi grassi omega-3 e probiotici allo zinco e alla melatonina, possono aiutare con il recupero. Puoi trovare una guida utile del National Institutes of Health su integratori e COVID qui.

Tieni presente che alcuni integratori possono simulare quanto bene il tuo corpo assorbe o metabolizza alcuni farmaci, quindi se prendi farmaci per COVID – che si tratti di Paxlovid, antibiotici o un farmaco da banco come la guaifenesina o il paracetamolo – chiedi al tuo medico se ci sono controindicazioni. Uno da tenere presente: l’erba di San Giovanni e Paxlovid non dovrebbe essere preso allo stesso tempo.

Inoltre, non vuoi aumentare inutilmente il tuo regime vitaminico quando sei malato. Potresti prendere in considerazione l’aggiunta di un po’ di zinco alla tua dieta: è stato dimostrato abbreviare la durata dei sintomi – ma dovresti essere intenzionale riguardo ai dosaggi che stai consumando. Una dose troppo forte può causare spiacevoli effetti collaterali, come insonnia, battito cardiaco accelerato, diarrea e crampi allo stomaco. In quantità molto elevate, può portare a tossicità.

Advertisement

“Più non è sempre meglio”, ha detto Hunnes. Puoi saperne di più sui dosaggi ideali per diverse vitamine qui.

Se decidi di interrompere l’assunzione delle vitamine per circa una settimana, che è la durata delle tipiche malattie invernali, il rischio è probabilmente minimo.

“Per la maggior parte delle persone, specialmente se stai assumendo qualcosa di basilare come un multivitaminico quotidiano o una vitamina ‘pelle-capelli-unghie’, vitamina B12, vitamina C, non c’è alcun pericolo significativo nel mettere in pausa l’assunzione di queste vitamine per alcuni giorni o settimane mentre era malato”, ha detto Schroeder.

Se prendi vitamine per gravi carenze vitaminiche o minerali o un disturbo di malassorbimento sottostante, come la sindrome dell’intestino corto, la sindrome dell’intestino irritabile o la malattia infiammatoria intestinale, Hunnes e Schroeder consigliano entrambi di parlare con il medico prima di sospendere il regime.

Advertisement

“Queste cose dovrebbero essere considerate caso per caso dal medico”, ha detto Schroeder. “Ciò che è sicuro e indicato per te potrebbe non essere ciò che è sicuro e indicato per qualcun altro.”

Gli esperti stanno ancora imparando a conoscere COVID-19. Le informazioni in questa storia sono ciò che era noto o disponibile al momento della pubblicazione, ma la guida può cambiare man mano che gli scienziati scoprono di più sul virus. Per favore controlla i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per le raccomandazioni più aggiornate.

Advertisement

Trending