domenica 13 giugno 2021

Lavorare in remoto a causa del coronavirus? Questa tecnologia del tuo datore di lavoro è la chiave

Una donna indossa una maschera a Chinatown in seguito allo scoppio del romanzo coronavirus, a Chicago, Illinois, USA gennaio 30, 2020.

Kamil Krzaczynski | Reuters

Will VPN aziendali – reti private virtuali – essere in grado di gestire lo stress causato da migliaia di dipendenti di telelavoro? Potremmo essere in procinto di scoprirlo, poiché le aziende prevedono che i loro dipendenti rimangano a casa per evitare la diffusione del coronavirus.

VPN, che proteggono le informazioni inviate tra dipendenti e aziende, sono connessioni Web protette utilizzate da più di 400 milioni di aziende e consumatori in tutto il mondo, secondo GlobalWebTKIndex . Le VPN aiutano le aziende a crittografare i dati e scansionare i dispositivi alla ricerca di malware per prevenire minacce di pirateria informatica. Il mercato VPN globale, valutato a $ 10 miliardi di 2016, è destinato a crescere da una stima di $ 20. 6 miliardi in 2018 a quasi $ 36 miliardi in 2022 , previsioni Orbis Research e Statista.

Il 3 marzo, Bloomberg News ha riferito che aveva chiesto JPMorgan Chase 10 % del suo approssimativamente 127, 000 impiegati che lavorano da casa , permettendo così alla società di testare il suo piano per la chiusura di uffici. Il giorno successivo, Yahoo Finance ha riferito che Amazon aveva chiesto ai suoi dipendenti di controllare le loro connessioni VPN effettuando l’accesso in remoto.

Questi test riveleranno se le VPN aziendali esistenti sono all’altezza della sfida di supportare improvvisamente una grande forza lavoro remota. Daryl Plummer, vicepresidente, analista e collega Gartner presso la società di ricerca e consulenza Gartner, ha affermato che in alcuni casi le VPN potrebbero essere sovraccaricate da picchi di traffico.

“Molti le aziende utilizzano VPN dipendenti dal traffico su Internet pubblico, un trasporto inaffidabile che può sviluppare problemi in quanto le connessioni vengono effettuate da diverse parti del mondo “, ha detto. “Questo si traduce in rallentamenti e riduzione della qualità del servizio in generale.”

Matias Katz, CEO della società di sicurezza degli endpoint Byos, ha affermato che per la maggior parte, le VPN sono progettate per essere utilizzato da un sottogruppo di dipendenti. Non sono destinati a essere utilizzati da intere società, tutte in una volta.

“If Amazon ‘S 750,000 tutti i dipendenti si collegano simultaneamente alla VPN aziendale, essa probabilmente andrà in crash “, ha detto.

L’ultimo stress test

Josh Bohls, CEO di Inkscreen, che crea tecnologia per proteggere i contenuti sensibili, ha affermato che le aziende più piccole potrebbero sperimentare i propri problemi di crescita anche se una parte considerevole dei loro dipendenti è tenuta al telelavoro.

“Gli account VPN sono concessi in licenza, quindi una società che aggiunge gruppi di utenti sperimenterà un aumento dei costi e dei tempi per impostare e informare i nuovi utenti”, ha detto. “Puoi scommettere che il traffico Internet sarà molto, molto più lento del solito.”

Katz di Byos ha dichiarato che in determinate circostanze, tutta la produttività potrebbe arrestarsi bruscamente.

“Il problema più grave include la mancata possibilità di utilizzare la tecnologia perché è stata sovraccaricata e danneggiata”, ha detto.

Katz ha anche detto che c’è un altro potenziale problema. Le VPN crittografano i dati in transito dal punto A al punto B, ma non proteggono il dispositivo del dipendente remoto, dove vivono i dati stessi. Se un hacker accede a quel dispositivo, i dati possono essere utilizzati per accedere alla rete e ai server del datore di lavoro.

mapodile | E + | Getty Images

“Lavorare da casa espone i dispositivi dei dipendenti e, attraverso di essi, la rete dell’azienda, alle minacce che esistono sulle reti Wi-Fi pubbliche sporche”, ha affermato Katz. “Alcune delle molte minacce ai dispositivi contro le quali le VPN non sono in grado di proteggere sono intercettazioni, exploit e diffusione laterale di aggressori e malware.”

Secondo Tech Radar, le migliori VPN sono quelle che offrono agli utenti la maggior “velocità, privacy e sblocco” dei siti Web. La pubblicazione ha dato a ExpressVPN il massimo riconoscimento per questi attributi.

Una VPN non è l’unica tecnologia le cui abilità stanno per essere messe alla prova. Il software di teleconferenza , che dovrà sostituirsi alle tradizionali riunioni faccia a faccia, sarà fare un allenamento che può mettere a dura prova più di quanto possa sopportare. Il Plummer di Gartner ha affermato che questa tecnologia potrebbe anche essere sottoposta a stress test, a condizione che coloro che effettuano i test sappiano cosa cercare.

“La difficoltà nel fissare qualcosa di simile è in determinare dove saranno i colli di bottiglia nell’uso della rete “, ha detto. “È la VPN, o i server, o il trasporto tra i server che sarà maggiormente interessato?”

Resta da vedere se le grandi aziende saranno in grado di gestire richieste di una forza lavoro di telelavoro. Tuttavia, entità come governi, scuole, organizzazioni sanitarie e organizzazioni no profit hanno almeno una società dalla loro parte in questa situazione. LogMeIn , che crea prodotti di lavoro a distanza, annunciato il febbraio 28 che avrebbe fornito la loro tecnologia a queste entità gratuitamente in risposta al coronavirus .

Il settore privato, nel frattempo, dovrà affrontare il programma da solo, secondo Plummer.

“Le aziende che non si sono preparate a questo [will be forced] per aggiornare le attrezzature per alleviare lo stress”, ha detto. Ma mentre ammetteva che molte aziende avrebbero avuto del lavoro da fare per accelerare la loro tecnologia, ha detto che non c’era motivo di temere il tipo di scenari del giorno del giudizio che alcuni hanno ospitato prima di Y2K.

“Le crisi basate sulla performance sono andate e sono andate avanti nel corso degli anni, con un impatto prevalentemente temporaneo”, ha detto. “Per decenni le persone hanno predetto che Internet si sarebbe arrestato in modo anomalo, o che il lavoro a distanza – dal 9 / 11 a N1H1 a Ebola – causerebbe così tanto stress da rendere il lavoro remoto troppo difficile da fare. Eppure nulla di tutto ciò è avvenuto. “

I rappresentanti di JPMorgan Chase hanno rifiutato di commentare questo articolo. I rappresentanti di Amazon non hanno risposto alle richieste di commento.

Articolo originale di CNBC