domenica 29 novembre 2020

Lavorare in remoto: ecco tutte le regole da conoscere, compreso gli eventuali problemi fiscali

Se desideri trasformare la tua cucina o la tua casa sulla spiaggia nel tuo ufficio permanente, pensa a cosa potrebbe significare per le tue tasse.

Gli ordini di allontanamento sociale alla luce della pandemia di coronavirus hanno costretto le aziende a mandare a casa i lavoratori e farli lavorare da remoto.

La tendenza potrebbe continuare.

In effetti, 3 funzionari finanziari e 4 dirigenti finanziari su 4 stanno valutando di trasferire almeno il 5% della loro forza lavoro in loco in posizioni remote permanentemente dopo la pandemia, secondo l’indagine di Gartner su 317 dirigenti finanziari a marzo 30.
A seconda di dove sarà basato il tuo ufficio remoto, potrebbero esserci ulteriori oneri fiscali in serbo per te e il tuo datore di lavoro.

Esiste una complessità ancora maggiore per le persone che potrebbero risiedere in uno stato ma fuggire in un’altra posizione – diciamo, la residenza di un parente o in una seconda casa – per lavorare a distanza durante la pandemia.

“Ci sono alcuni stati in cui non appena inizi a lavorare lì, devi dei soldi”, ha dichiarato Eileen Sherr, CPA e senior manager per la politica fiscale e la difesa dell’American Institute of CPAs. “Questi stati ti faranno presentare un reso non residente e avranno trattenute.”
Tax nexus
La presenza fiscale o il nesso, come è noto nei circoli contabili, è al centro della determinazione del modo in cui gli Stati riscuotono società e lavoratori.

Per le società, ci sono tre fattori che determinano il nesso: proprietà, buste paga e vendite

Quindi, i dipendenti di telelavoro – l’elemento di gestione stipendi – con sede in uno stato diverso potrebbero dare una presenza al datore di lavoro lì, ha detto. Ciò potrebbe imporre alla società di imporre requisiti di registrazione fiscale sui salari e di imposte sul reddito delle società.

Per i dipendenti, ciò potrebbe significare che sono soggetti a ritenuta fiscale nello stato in cui lavorano da remoto, così come potenziali documenti di dichiarazione dei redditi non residenti, Sherr ha detto.

Questo dipenderà dallo stato in cui si trovano e dal fatto che soddisfano le soglie in base al reddito generato o al tempo trascorso lì.
In genere, paghi le tasse in base a dove lavori o guadagni.

Altro anche due stati possono essere coinvolti nel mix. Considera che Covid – 19 ha spinto alcuni lavoratori a fuggire in tutto il paese per stare con i parenti.

“È una cosa se qualcuno che normalmente lavora a New York ora sta lavorando fuori dal New Jersey perché stanno lavorando da casa “, ha detto Jared Walczak, direttore della politica fiscale statale presso la Tax Foundation” Ma quel dipendente potrebbe dire: “Devo andare in Arizona per essere con la famiglia. “”

“Introduce questo elemento fiscale casuale”, ha detto.
Multi -stati accordi
I lavoratori che possono svolgere il proprio lavoro da casa sono costretti a farlo il coronavirus e molti di questi lavoratori si sentono fortunati, anche se sentono di lavorare di più.

Miguel Pereira | Getty Images
Lavorare mentre si è via
Se hai intenzione di lavorare in remoto a lungo termine, capisci come lo stato da cui stai lavorando tratterà le entrate.

Se tu finisci per recarti in uno stato completamente diverso per aspettare la pandemia, scopri per quanto tempo puoi rimanere lì prima di essere soggetto agli obblighi di rendicontazione fiscale.

“Diversi stati hanno trattamenti fiscali diversi “, ha detto Sherr. “La tua imposta sul reddito può variare in base allo stato in cui ti trovi per motivi di lavoro.”