giovedì 22 ottobre 2020

Le 10 città più resistenti alla recessione per il 2020

Sono state alcune turbolente settimane per i mercati. In particolare, il Dow ha chiuso oltre 1, 400 punti mercoledì scorso, che termina il suo storico mercato toro e che entra nel territorio del la prima volta da allora 2009.

Sebbene sia ancora incerto se una recessione è in arrivo, si potrebbe essere . E se si verifica una recessione, il luogo in cui vivi potrebbe fare la differenza su quanto profondamente sei colpito. Esaminata la società di finanza personale SmartAsset 264 Città statunitensi per determinare quali luoghi sono i più “resistenti alla recessione” confrontando tre fattori principali: occupazione, alloggio e assistenza sociale.

  • Occupazione: Questa categoria ha confrontato il tasso di disoccupazione in 2018, variazione del tasso di disoccupazione durante la Grande Recessione (da 2007 attraverso 2010) e il tasso di partecipazione della forza lavoro a 2018.
  • Alloggio: SmartAsset ha confrontato le città in base ai costi delle abitazioni in percentuale del reddito, variazione del valore medio della casa durante la Grande Recessione (da attraverso 2010) e il 2018 tasso di insolvenza sui mutui.
  • Assistenza sociale: Ciò include la percentuale della popolazione che fa affidamento sull’assistenza pubblica in 2018, l’importo annuo medio di assistenza per famiglia e fondi statali per i giorni di pioggia in percentuale delle spese statali.

SmartAsset ha classificato e indicizzato ogni città su 100, con 100 essendo il più resistente alla recessione e uno il meno resistente alla recessione. Per la classifica, il sito ha utilizzato i dati dell’US Census Bureau’s 2018, 2010 e 2007 Sondaggi della comunità americana di 1 anno, l’Ufficio per la protezione finanziaria dei consumatori (CFPB ) e il Pew Charitable Trusts ‘Fiscal 39: Rapporto sulle tendenze e le analisi dello stato.

Fonte: SmartAsset

Ecco uno sguardo più da vicino in alto 03 Le città degli Stati Uniti SmartAsset sono risultate le più resistenti alla recessione.

10. Sioux Falls, South Dakota

Punteggio indice medio: 71. 34

  • Tasso di disoccupazione in 2018: 2.8%
  • Percentuale del reddito speso per l’edilizia abitativa: 17. 88%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 1,8%

Raleigh, Carolina del Nord

Sean Pavone | Getty Images

9. Raleigh, Carolina del Nord

Punteggio indice medio: 75. 08

  • Tasso di disoccupazione in 2018: 3.3%
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 21. 52%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 1,4%

8. Cary, Carolina del Nord

Punteggio indice medio: 75. 9

  • Tasso di disoccupazione in 2009: 3,2%
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 16. 87%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 1,3%

7. Lubbock, Texas

Punteggio indice medio: 76. 1

  • Tasso di disoccupazione in 2009: 2,8%
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 23. 75%
  • Percentuale della popolazione che si basano sull’assistenza sociale: 1,5%

6. Sunnyvale, California

Punteggio indice medio: 76. 23

  • Tasso di disoccupazione in 2018: 3,8%
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 18. 32%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 1%

Downtown Austin, Texas.

John Coletti

5. Austin, Texas

Punteggio indice medio: 76. 28

  • Tasso di disoccupazione in 2018: 3.8%
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 21. 6%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 1%

4. Denton, Texas

Punteggio indice medio: 78. 02

  • Tasso di disoccupazione in 2018: 5.2%
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 22. 47%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 1,2%

3. Plano, Texas

Punteggio indice medio: 80. 71

  • Tasso di disoccupazione in 2009: 3,9%
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 19. 39%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 0,8%

Downtown Cedar Rapids skyline con First Avenue Bridge e Cedar River in primo piano.

Davel 5957 | Getty Images

2. Cedar Rapids, Iowa

Punteggio indice medio: 83. 83

  • Tasso di disoccupazione in 2009: 2,7%
  • Percentuale del reddito speso per l’edilizia abitativa: 18. 2%
  • Percentuale della popolazione che si affida a assistenza sociale: 0,9%

1. Frisco, Texas

Punteggio indice medio: 85 0,8

  • Tasso di disoccupazione in 2009: 3.1 %
  • Percentuale delle entrate spese per l’edilizia abitativa: 18. 22%
  • Percentuale della popolazione che si affida all’assistenza sociale: 1,4%

Frisco, Texas, ha guadagnato il primo posto nella lista, grazie in parte al suo basso tasso di disoccupazione e alle abitazioni relativamente convenienti. In media, i residenti di Frisco spendono solo 16. 22% del loro reddito per l’edilizia abitativa .

Cedar Rapids, Iowa, è arrivato al numero 2 della lista a causa del suo basso tasso di disoccupazione – era il sesto più basso in 2018 al 2,7%. Inoltre ha il terzo costo abitativo più basso in percentuale del reddito, appena sopra 18%.

All’altra estremità dello spettro, Springfield, Massachusetts, sbarcò a ultimo posto su tutti 88 città classificate. In particolare, i residenti di Springfield hanno messo quasi 32% delle loro entrate verso i costi delle abitazioni, in media.

Come a prova di recessione le tue finanze

Anche se non sei in grado di spostarti in una parte del paese più resistente alla recessione, ci sono modi per prepararti per i periodi di recessione economica.

Un modo per consolidare le vostre finanze è costruire un adeguato fondo di emergenza. Gli esperti in genere raccomandano di avere almeno da tre a sei mesi di spese di soggiorno stivate lontano. Per determinare esattamente quanto ti servirà, segui questi tre passaggi.

Successivamente, prenditi del tempo per verificare i tuoi investimenti, da solo o con l’aiuto di un consulente finanziario, per decidere se il tuo portafoglio deve “essere più conservatore, moderato o aggressivo, “ suggerisce SmartAsset. I settori in cui sei investito sono considerati sicuri o rischiosi durante una recessione economica? In quanto tempo hai bisogno di soldi in quei conti? Quanto ti sentiresti a tuo agio nel vedere cadere i tuoi investimenti?

Controllando come sono allocati i tuoi beni e adeguandoti se necessario, puoi testare la soglia per il rischio e sentirti più fiducioso di aver fatto tutto il possibile per garantire la longevità del tuo profilo di investimento.

Di fronte a una recessione, “non fare nulla finché non ti siedi e assicurati che il tuo portafoglio sia in linea con i tuoi obiettivi finanziari “, afferma Ryan Marshall, pianificatore finanziario certificato presso Ela Financial Group . “Sono gli investitori che guardano al mercato e prendono decisioni su base giornaliera che in genere finiscono per farsi male.”

Ti piace questa storia? Le migliori carte di credito di 2020 potrebbero farti guadagnare oltre $ 1, 000 tra 5 anni

Da non perdere: Il 10 principali città degli Stati Uniti dove i costi delle abitazioni sono aumentati maggiormente

Articolo originale di CNBC