lunedì 30 novembre 2020

Le aziende tecnologiche odorano una nuova opportunità da miliardi di dollari: aiutare i datori di lavoro a rintracciare il coronavirus

Immagini Eroe | Immagini di eroi | Getty Images

Società tecnologiche che vanno dai principali professionisti le società di servizi alle startup scadenti stanno costruendo app e dispositivi indossabili per le aziende per monitorare e bloccare la diffusione del coronavirus tra i dipendenti sul posto di lavoro.

La tecnologia si chiama tracciabilità dei contatti digitali, e sebbene pochi le grandi organizzazioni si sono impegnate pubblicamente a utilizzare gli strumenti finora, le aziende tecnologiche vedono la nuova categoria come una grande opportunità alla riapertura degli uffici e spesso stanno riproponendo la tecnologia esistente per concentrarsi su Covid – 19 tracking.

La traccia dei contatti digitali per l’impresa è un nuovo campo, ha affermato Laura Becker, analista che copre l’esperienza dei dipendenti e i vantaggi per IDC. Ma la tracciabilità dei contatti digitali per le aziende potrebbe valere miliardi, stima, poiché le aziende riaprono gli uffici e cercano modi per garantire che i dipendenti siano al sicuro.

“Guardando le organizzazioni più grandi che probabilmente sarebbero più propense a istituire qualcosa del genere, come le organizzazioni che impiegano oltre 1000 persone, e se prendo una percentuale di coloro che non aderiscono, anche con tutte queste ipotesi, sto ancora guardando come un potenziale mercato da 4,3 miliardi di dollari per questo “, ha detto Becker.

Apple e Google, tra i gruppi no profit, stanno anche creando software per la traccia dei contatti, ma il loro sistema è mirato al pubblico e verrà utilizzato da funzionari della sanità pubblica in Europa per creare app gratuite di tracciabilità dei contatti che lavorare su scala nazionale. Il software di Apple e Google non verrà acquistato e venduto, rendendo le app di tracciamento aziendale il probabile mercato in cui le persone guadagneranno con questa tecnologia.

Potrebbe anche funzionare meglio in luoghi di lavoro, perché più persone utilizzano queste app, più sono efficaci e i datori di lavoro possono teoricamente imporle, ottenendo una copertura completa negli uffici e nei campus.

PwC, che sta sviluppando un’app di tracciamento dei contatti, afferma che quasi un quarto dei CFO intervistati ha dichiarato di voler valutare la tecnologia come parte della strategia di riapertura dell’ufficio.

Alcune domande rimangono ancora prima che le grandi aziende inizino a tagliare i controlli per la tecnologia Covid – 19, incluso se rende i dipendenti si sentono più sicuri, se è legale e appropriato implementarli, e se la tecnologia funziona su larga scala sul campo.

“La tracciabilità e il collaudo dei contatti elettronici sono utili. sono condizioni necessarie, ma insufficienti per il controllo sul posto di lavoro “, ha affermato Mark Barnes, socio sanitario di Ropes e Gray, uno studio legale. “Ho avuto un problema nel cercare di spiegare ai datori di lavoro che è più complicato che adottare semplicemente un’app obbligatoria e test obbligatori”.

La tecnologia di tracciamento dei contatti aziendali può decifrare dove è stato un dipendente e con chi è stato in contatto, consentendo alle aziende di dire loro di tornare a casa e isolare se sono ad alto rischio per venire giù con Covid – 19, potenzialmente in via di uscita da uno scoppio più grande.

Barnes ha scritto all’inizio di questo mese che è probabilmente legale per i datori di lavoro privati ​​negli Stati Uniti imporre che i dipendenti utilizzino un’app di tracciamento dei contatti come condizione per l’impiego. In un’intervista ha affermato che ogni singolo prodotto è diverso e che le questioni, tra cui il monitoraggio delle persone e il fatto che i dipendenti si dichiarino positivi per il virus, sono fondamentali.

Riutilizzando la tecnologia esistente

Molti di le aziende che hanno annunciato i nuovi strumenti di tracciamento Covid – 19 hanno riproposto la tecnologia e i sistemi esistenti per concentrarsi sulla ricerca del coronavirus.

Un esempio è Kinexon, una società tecnologica privata tedesca, che originariamente ha sviluppato sensori a banda ultra larga per raccogliere dati per gli atleti, ad esempio, per monitorare il volo di un pallone da calcio. Ora sta vendendo un prodotto che può garantire il distanziamento sociale e la traccia delle infezioni utilizzando gli stessi sensori, ha affermato Mehdi Bentanfous, amministratore delegato statunitense di Kinexon.

“Quando vieni a il tuo turno o ti metti al lavoro, metti il ​​sensore a te dedicato nel tuo braccialetto in una clip o in tasca “, ha detto Bentanfous. “Il primo obiettivo è non appena due sensori si avvicinano troppo l’uno all’altro, vedrai la luce accesa sul sensore, che diventa rossa e in pratica lampeggia in modo da sapere” In realtà sono troppo vicino a qualcun altro. “”

I sensori di Kinexon possono essere usati per garantire social distanza dai piani di fabbrica.

Kinexon

Kinexon vende i sensori tra $ 140 e $ 200 insieme a una tariffa software-as-a-service da $ 1 a $ 2 per sensore. Prevede che il prodotto “SafeZone” sia utilizzato sui pavimenti delle fabbriche ed è in fase di test con clienti attuali, tra cui un importante produttore automobilistico in Germania e un produttore alimentare negli Stati Uniti, ha dichiarato Bentanfous.

La startup di Chicago Proxfinity sta vendendo un prodotto di tracciamento Covid chiamato smart badge Rescue che è stato originariamente progettato per aiutare le persone in rete in occasione di grandi eventi. “Siamo in grado di fornire informazioni altamente specifiche sull’interazione da persona a persona, senza dipendere da app, telefono, GPS o realmente richiedere dettagli personali”, ha dichiarato Lisa Carrel, CEO di Proxfinity.

ESRI, una società di tecnologia privata con sede a Redlands, in California, ha aggiunto funzionalità specifiche di Covid ai suoi prodotti di mappe per interni che utilizzano i segnali Wi-Fi e Bluetooth ricevuti dagli smartphone per triangolare dove si trova qualcuno e creare una mappa in tempo reale. I suoi principali clienti target sono le grandi istituzioni come ospedali e aeroporti, ma ora sta vendendo lo stesso software alle aziende che vogliono riaprire i loro uffici.

“La prima reazione di alcuni dei miei sviluppatori Il vantaggio era dire che cosa dovremmo fare con questo prodotto in questo momento, nessuno è sul posto di lavoro “, ha detto Brian Cross, direttore dei servizi professionali dell’ESRI. “Quindi circa due giorni dopo, è stato come aspettare un secondo, tutti torneranno in ufficio. E pensiamo che questo strumento sia perfettamente adatto per aiutare le persone a gestire gli adattamenti dello spazio e del comportamento dei dipendenti.”

Cross ha affermato che le mappe di ESRI potrebbero essere utilizzate per rintracciare chi potrebbe essersi infettato qualcuno che si è rivelato positivo e ha affermato che ESRI vorrebbe che i suoi clienti optassero sia a livello di datore di lavoro che a livello di dipendente per quel tipo di caratteristica. Potrebbe anche essere utilizzato dagli impiegati per scambiare banchi, chiamati “hot desking”, o ondate scaglionate di impiegati che ritornano in ufficio.

La privacy emerge molto nelle conversazioni con queste società, che dicono tutte che proteggono i dati sensibili come quelli a rischio di contrarre il virus e li rendono disponibili solo alle persone autorizzate, come un funzionario delle risorse umane. Barnes, l’avvocato, ha affermato che il miglior design dal punto di vista della privacy per le app aziendali è simile al sistema Apple-Google per i funzionari della sanità pubblica.

“Il design ottimale dal punto di vista della privacy di queste app sarebbero telefoni cellulari e smartphone che dialogano tra loro con la tecnologia Bluetooth e il datore di lavoro non ha accesso al server che memorizza tali informazioni “, ha detto Barnes.

Articolo originale di CNBC