martedì 24 novembre 2020

Le azioni a basso costo che potrebbero essere un’occasione

Il crollo del mercato di marzo ha creato alcune incredibili opportunità di acquisto di cui molti investitori si pentono di non aver approfittato.

Ma con la pandemia di coronavirus che pesa ancora sui mercati, quest’anno potrebbe verificarsi un altro crollo. E in tal caso, gli investitori potrebbero attuare ancora alcuni buoni investimenti.Vediamo due titoli che meritano attenzione nell’ipotesi di un ritorno di coronavirus.

Costco

Costco (COST) potrebbe non avere il potenziale di crescita di un titolo azionario, ma è una scelta stabile che gli investitori possono semplicemente acquistare e dimenticare. In effetti, la sua stabilità è uno dei motivi per cui lo stock non è in vendita così spesso. Da inizio anno, le azioni di Costco sono aumentate del 3% circa, mentre l’S & P 500 è sceso del 3%. E anche a marzo, quando i mercati stavano crollando, le azioni di Costco erano scese solo del 7% circa fino ad oggi al loro minimo (l’S & P 500, tuttavia, era diminuito di oltre il 30%).

La società ha dimostrato di essere resistente durante la pandemia di coronavirus, e questo è uno dei grandi motivi per cui Costco è un titolo a lungo termine che può adattarsi a qualsiasi portafoglio. Anche con l’economia in una fase di recessione, i consumatori continuano a rivolgersi a Costco.

Il 3 giugno, la società con sede a Washington ha pubblicato i suoi dati di vendita più recenti. Le sue vendite nette sono ammontate a $ 12,6 miliardi a maggio, con un aumento del 7,5% rispetto allo scorso anno. Questo è anche in linea con la crescita del fatturato del 7,7% che Costco ha visto nelle ultime 39 settimane. La società sta inoltre andando particolarmente bene nel commercio elettronico, poiché le vendite comparabili per il periodo di quattro settimane conclusosi il 31 maggio sono aumentate del 106,2% su base annua e del 37,5% su un periodo di 39 settimane.

Che sia online o in negozio, la domanda dei prodotti Costco è ancora presente. Il titolo è un acquisto sicuro che paga anche un dividendo trimestrale di $ 0,70 che oggi produce circa lo 0,9%. Sebbene sia inferiore alla media S&P 500 del 2%, è una buona spinta in aggiunta ai rendimenti superiori alla media del titolo.

Village Farms International

Village Farms International (VFF) è sceso a $ 2,07 durante il crollo del mercato di marzo, e le azioni della società di cannabis sono più che raddoppiate da quando ha toccato quel punto basso. Potrebbe non raggiungere di nuovo quel livello, ma se i mercati mandano le azioni di Village Farms verso il basso vicino a quel prezzo, gli investitori non dovrebbero esitare ad acquistarlo.

L’azienda è migliore del tuo stock medio di pentole perché la redditività non è un sogno irrealizzabile per il produttore di cannabis. Village Farms detiene una partecipazione del 58,7% in Pure Sunfarms (Emerald Health detiene il restante 41,7% della joint venture delle società). I bassi costi della serra con sede nella Columbia Britannica contribuiscono a rendere redditizie le sue operazioni e spesso danno una grande spinta ai finanziari di Village Farms.

Nel primo trimestre del 2020, il costo di coltivazione di Pure Sunfarms è stato di soli $ 0,64 al grammo, che era sceso da $ 1,04 al grammo di un anno fa. Con la serra che opera a un livello superiore, Pure Sunfarms ha potuto beneficiare di maggiori economie di scala. Nel primo trimestre, la società ha registrato una crescita delle vendite del 22% e il suo reddito netto di $ 6,2 milioni è aumentato del 40% su base annua.

La linea di cima di Village Farms era piatta rispetto al periodo dell’anno precedente, ma la società è stata in grado di registrare un profitto di $ 4,2 milioni, che includeva la sua quota di guadagni da Pure Sunfarms. Era la terza volta in cinque quarti che Village Farms generava un profitto.

Le azioni in vaso redditizie non sono poi così comuni, ed è per questo che se le azioni di Village Farms torneranno in vendita, potrebbe essere un affare rubato.