giovedì 26 maggio 2022

Le azioni Carvana, fortemente in difficolà, balzano di quasi il 25%

Le Azioni Carvana sono salite giovedì nel mezzo di una sessione di negoziazione selvaggia in cui sono spuntati diversi titoli fortemente short.

Il titolo ha chiuso in rialzo 24.7%. Il trading è stato interrotto almeno quattro volte giovedì. Il prezzo delle azioni di Carvana aveva toccato un nuovo minimo di due anni all’inizio della sessione.

È probabile che le azioni con un alto interesse allo scoperto facciano registrare rialzi del mercato, poiché alcuni investitori che hanno scommesso contro questi è probabile che le società coprano le loro posizioni corte riacquistando titoli presi in prestito. Questo può portare a ciò che è noto come short squeeze.

Quasi 29% delle azioni Carvana disponibili per la negoziazione sono venduti allo scoperto, secondo FactSet, tra i rapporti più alti sui mercati statunitensi.

All’inizio della sessione di giovedì, il titolo principale le medie hanno tentato una rimonta da una feroce svendita guidata dai titoli tecnologici.

L’impennata di Carvana arriva quando altri nomi con grandi scommesse short contro di loro sono spuntati durante la sessione. Le azioni di GameStop, AMC e veicoli elettrici sono state scambiate in forte rialzo.

Carvana ha scambiato oltre 41 milioni di azioni oggi, rispetto al suo 29-volume medio giornaliero di circa 9 milioni.

La società, le cui azioni sono in calo di oltre 83% quest’anno, ha affrontato un sentimento molto negativo ultimamente a Wall Street. Carvana ha ricevuto il downgrade da Stifel, Morgan Stanley e Wells Fargo a maggio.

“Il deterioramento delle condizioni del mercato dei capitali e il peggioramento delle tendenze nel settore dei veicoli usati hanno eroso la nostra convinzione nel percorso affinché Carvana si assicuri il capitale necessario per realizzare una scala sufficiente e uno stato di autofinanziamento”, ha affermato Scott Devitt di Stifel in una nota di ricerca martedì.

Carvana ad aprile ha riportato risultati trimestrali deludenti con un perdita per azione più ampia del previsto.

Fonte: CNBC