mercoledì 25 novembre 2020

Le azioni DexCom fuori dai radar di Wall Street. Occasione di acquisto?

Il produttore di dispositivi medici DexCom sembra essere fuori dai radar degli analisti di Wall Street, ma è giusto che sia così?

DexCom (DXCM) ha avuto un mese difficile. Dopo che Wall Street lo ha visto scendere a causa di alcune valutazioni di analisti, il titolo è sceso nei successivi 30 giorni, con la maggior parte del movimento al ribasso che si è verificato nell’ultima settimana di ottobre. Per una società che ha raggiunto il suo massimo storico all’inizio di luglio, questa contrazione potrebbe essere solo l’inizio di una correzione dei prezzi più ampia, ma pochi sembrano averlo notato.

Mentre è vero che il mercato è stato molto volatile di recente, le azioni di DexCom non sembrano essere pronte per un crollo. L’ultimo rapporto sugli utili dell’azienda, infatti, è stato estremamente favorevole. La sua storia recente è quella di guadagnare trazione, aumentare le entrate e iterazione di successo sul suo prodotto principale. E batte regolarmente le stime di consenso sugli utili prodotte dagli analisti di Wall Street. Quindi, se il suo prezzo continua a scendere, potrebbe essere una buona scelta di portafoglio. Esaminiamo la traiettoria dell’azienda per capire perché.

Le azioni DexCom e la pandemia

DexCom non è l’unica azienda a realizzare CGM, né sono un’invenzione nuova di zecca. In effetti, quasi il 40% delle persone con diabete di tipo 1 negli Stati Uniti utilizza un CGM. Tuttavia, DexCom ha registrato una domanda significativa per i suoi prodotti e recentemente ha raddoppiato la sua capacità di produzione per i suoi CGM G6. Nel terzo trimestre, la società ha registrato una crescita del fatturato trimestrale anno su anno del 26,4%, infrangendo le previsioni di Wall Street.

Quest’anno, le azioni di DexCom sono aumentate di valore di oltre il 42%. Se tutto andrà secondo i piani, l’azienda continuerà ad avanzare nel processo di sperimentazione clinica e ad aumentare la propria capacità di produzione per il G7. Sebbene sia vero che l’azienda dovrà affrontare la concorrenza di altri produttori di CGM, al momento c’è molto spazio in un mercato ancora in crescita.