sabato 17 aprile 2021

Le azioni di Chargepoint sono un’opportunità interessante nel lungo termine

Recentemente gli investitori sembrano preoccupati per le azioni dei veicoli elettrici (EV). Chargepoint (NYSE: CHPT ) non fa eccezione. Il 9 febbraio, lo stock di Chargepoint (sebbene all’epoca fosse ancora SBE) ha chiuso a $ 41. 33. Ora, circa tre settimane da allora, è stato rifiutato del 30%.

Ancora una volta, abbiamo assistito a una svendita a livello di settore, che va dai produttori ai fornitori agli sviluppatori di stazioni di ricarica come Chargepoint. Non è del tutto chiaro il motivo per cui si è verificata quella svendita.

La valutazione è un possibile colpevole. Il settore è ancora giovane, il che significa che le entrate attuali sono basse e i profitti sono rari.

La presa di profitto è un’altra. Il settore ha avuto un torrido rally dalla fine di ottobre, in parte grazie alle vittorie del Partito Democratico a novembre. Una volta che CHPT e altri nomi di veicoli elettrici sono stati annullati, alcuni azionisti potrebbero aver cercato di bloccare i profitti.

Qualunque sia la causa, gli investitori dovrebbero, come sempre, concentrarsi sul lungo termine. Le correzioni per i settori caldi non sono la fine del mondo. In effetti, sono comuni e sani.

Certo, con le azioni di Chargepoint ad alcuni dei livelli più bassi da novembre, mantenere la calma è più facile a dirsi che a farsi. Ma è importante ricordare che nulla è veramente cambiato. L’opportunità a lungo termine per il CHPT rimane intatta. E i guadagni, dovuti a marzo 11, forniscono un potenziale catalizzatore.

Il mercato EV e Chargepoint

Quando ho parlato di azioni SBE e Switchback Energy in precedenza, con cui Chargepoint si è fusa in un accordo con una società di acquisizione di scopo speciale (SPAC), ho evidenziato il semplice, potente caso toro per il titolo.

Tutto ciò che deve accadere affinché il mercato di Chargepoint si sviluppi è che l’adozione dei veicoli elettrici cresca. Più veicoli elettrici significa più richiesta di stazioni di ricarica. Semplicemente non c’è altra alternativa. E quindi ciò che rende intrigante il titolo Chargepoint è che gli investitori non devono scegliere i vincitori nello spazio. Non importa chi produce i veicoli elettrici o quali sono i loro margini di profitto. Questa è essenzialmente una scommessa diretta.

Ora, ovviamente, Chargepoint deve vincere nel proprio mercato. E al momento non mancano i rivali. Inoltre, è probabile che sia in arrivo più concorrenza.

Ma Chargepoint ha chiaramente il vantaggio iniziale. Al momento dell’annuncio della fusione, la società ha dichiarato di prevedere entrate 2020 di $ 135 milioni. Inoltre, ritiene che le entrate raggiungeranno $ 1 miliardo quando la penetrazione dei veicoli elettrici raggiungerà solo il 3% (Pagina 11).

Entrambe queste cifre sono impressionanti nel contesto del settore. Ci sono altri sviluppatori che caricano veicoli elettrici con valutazioni da miliardi di dollari i cui ricavi 2020 saranno una frazione di quelli di CHPT. Man mano che la linea superiore cresce, i margini di profitto dovrebbero espandersi, grazie sia alle economie di scala che a una percentuale maggiore di entrate ricorrenti basate sul software.

Tutto sommato, Chargepoint sembra facilmente il miglior potenziale vincitore nello spazio al momento. E i buoni risultati del quarto trimestre di questa settimana, insieme a una prospettiva positiva per 2021, potrebbero ricordare agli investitori questo fatto.

Cosa potrebbe andare storto

Ora, c’è un piccolo problema. Chargepoint sembra essere un probabile vincitore, ma lo stock di Chargepoint ha ancora un prezzo come tale.

Anche con il pullback, la società ha una capitalizzazione di mercato di $ 8,1 miliardi. È più di 30 volte la proiezione dei ricavi originale della società di $ 198 milioni per l’anno fiscale 2022 (che scade il prossimo gennaio).

Ci sono azioni in questo mercato che scambiano con quel tipo di multiplo alle vendite. Ma la maggior parte di questi titoli sono riproduzioni software semplici, che hanno margini lordi molto più alti, spesso superiori 70%. Al contrario, Chargepoint punta a margini lordi nei bassi 30 su una percentuale base anche tra cinque anni.

Quindi, anche se il CHPT si è ritirato, c’è la possibilità che lo stock sia ancora piuttosto costoso. Dopotutto, qui ci sono dei rischi. L’adozione di veicoli elettrici potrebbe inciampare, anche se sarebbe una sorpresa a questo punto. Inoltre, la concorrenza sarà dura. Il successo dell’azienda non è garantito. Nell’investire, niente lo è.

Linea di fondo

Detto questo, sempre al di sotto di $ 30, stock di Chargepoint sta iniziando a sembrare che valga la pena pagare. Se c’è stata una lezione nel mercato degli ultimi anni, è che pagare per il leader in un settore in crescita è la strategia corretta. No, quelle scelte generalmente non sono state economiche. Ma date le opportunità future, loro non dovrebbero essere.

Chargepoint si inserisce saldamente in quel framework. Sappiamo che la domanda di veicoli elettrici aumenterà. Sappiamo che le stazioni di ricarica andranno bene. E, almeno finora, il CHPT sembra dominare lo spazio.

È una combinazione attraente, sufficiente per mettere le azioni di ChargePoint oltre $ 40 prima. Per gli investitori con pazienza e volontà di superare una possibile volatilità, vale la pena scommettere che il titolo può tornare di nuovo a quel livello – e forse presto.