lunedì 30 novembre 2020

Le azioni e le obbligazioni possono avere entrambe ragione? Dare un senso alle azioni in aumento e ai rendimenti del Tesoro ultra bassi

I mercati azionari e obbligazionari concordano su zero in questo momento. Ciò significa che non sono in disaccordo su tutto, ma che sono d’accordo a zero è dove la Federal Reserve manterrà i tassi di interesse a breve termine per il prossimo futuro.

Il modo in cui i prezzi delle azioni e dei titoli di stato incorporano questo consenso sui tassi zero fa sembrare a molti come se i mercati azionari e del reddito fisso offrano messaggi divergenti sulle prospettive economiche. Eppure c’è una disconnessione minore di quanto potrebbe essere ovvio.

L’effetto sui rendimenti obbligazionari è piuttosto semplice. Le aspettative del mercato per i tassi ufficiali zero a tempo indeterminato stanno ancorando i rendimenti del Tesoro, con la nota a due anni a un minimo record dello 0,1% della scorsa settimana e alcuni contratti futures su fondi Fed in una prospettiva di tassi overnight negativi sull’orizzonte più distante.

Questa realtà rende difficile imputare all’insediamento di obbligazioni gran parte di un segnale su come appare una ripresa oltre ciò che è noto: The Covid – 19 lo shock e il rigonfiamento della disoccupazione manterranno l’economia al di sotto del potenziale per un po ‘, eliminando le pressioni inflazionistiche.

È diventato comprensibilmente popolare contrastare questo messaggio di lotta prolungata con la relativa resilienza nei terreni di equità, dove è in crescita l’S & P 500 33% in sette settimane ed è inferiore a 14% di sconto sul suo massimo record, mentre il Nasdaq è positivo per l’anno.

Ma non è poi così difficile conciliare le implicite visioni del mondo degli investitori in azioni e obbligazioni.

Crescita del dominio azionario

È prima di tutto abbastanza importante definire ciò che il mercato azionario rappresenta ora. L’S & P 500 è ora influenzato in modo insolito da un piccolo numero di enormi aziende tecnologiche con aziende dominanti e redditività stabile.

Come è stato ampiamente rilevato, Microsoft, Apple, Amazon, Alphabet e Facebook insieme ammontano a più di un quinto dell’S & P 500 valore e compongono 40% del Nasdaq. Il Nasdaq 100 ha sovraperformato il settore industriale dell’S & P 500 di oltre 20 punti percentuali quest’anno. Lo stock mediano nell’ampio S&P 1500 è ancora in calo più di 30% dal suo massimo.

Lo stratega di SunTrust Keith Lerner nota che i settori della crescita e della difesa rappresentano 62% dell’attuale S&P 500, un peso molto più elevato nelle società non cicliche rispetto al passato.

In altre parole, il mercato azionario ha registrato le scarse prospettive economiche in cui ha la massima rilevanza, nelle aree più cicliche, che hanno meno influenza sul benchmark.

E le stesse forze deflazionistiche e lo zero dei tassi di interesse che hanno il 10 – Anno del tesoro bloccato inferiore allo 0,7% si traduce anche in un forte premio posto sulla scarsa offerta di flussi di cassa affidabili a lungo termine rappresentati da grandi società in crescita.

Ciò non significa che il Nasdaq sia valutato in modo attraente o corretto adesso. Non cambia il fatto che la sovraperformance dei titoli in crescita rispetto ai titoli di valore si sia estesa a un estremo storico e la tendenza sembra un po ‘vulnerabile a una rapida inversione. Ma la robusta performance degli indici a grande capitalizzazione grazie a questo gruppo significa che “il mercato azionario” non sta scontando uno scenario economico allegro che sta per svolgersi. In effetti, le ultime due settimane sono emerse provvisoriamente segnali di un passaggio ai titoli a ciclo precoce, suggerendo un ritmo economico in miglioramento, se non soddisfacente.

Le tendenze comportamentali ben radicate di i mercati sostengono anche che le azioni e le obbligazioni non sono attualmente in forte disaccordo.

Da “molto cattivo” a “meno cattivo”

Nel corso della storia, le azioni hanno fatto meglio quando le condizioni economiche stanno passando da “molto male” a “meno male”. Ad esempio, secondo Ned Davis Research, i migliori rendimenti annuali per lo S&P 500 sono arrivati ​​quando le richieste di disoccupazione erano molto alte ma in calo (come hanno fatto stato nelle ultime settimane – anche se ultimamente ha dato una nuova devastante definizione a “molto alto”.

Le azioni tendono a cercare di guardare avanti diversi mesi e guidare la direzione di un cambiamento incrementale delle condizioni. Nel frattempo, è probabile che il mercato obbligazionario inizi a riprezzare i rendimenti in modo aggressivo se si osserva questo miglioramento incrementale che rende la Fed meno accomodante o fa aumentare le aspettative di inflazione. Eppure, anche a livelli assoluti così bassi, lo spread tra i rendimenti del Tesoro a breve e lungo termine si è notevolmente ampliato, tipico di una manovra di mercato per un miglioramento economico incrementale.

E quando gli investitori hanno subito uno shock e una liquidazione urgente delle attività a rischio, come hanno fatto a marzo, il volo risultante in contanti e psicologia cauta tende a mantenere buone le offerte del Tesoro sostenendo al contempo le valutazioni azionarie.

Bank of America nota che un altro $ 55 miliardi sono entrati nei fondi del mercato monetario nell’ultima settimana – portando il loro patrimonio a dieci -anno elevato rispetto alla capitalizzazione totale del mercato azionario – poiché i fondi azionari hanno visto il loro deflusso più grande dal crollo di marzo.

Questa difensiva costante, anche se le azioni sono aumentate piacevolmente dai loro minimi, è anche nettamente evidente nel sondaggio condizionale dell’American Association of Individual Investors della scorsa settimana, che mostra che gli intervistati ribassisti hanno superato i tori con il margine più ampio dall’inizio 2016. Questo è abbastanza raro da vedere dopo che le scorte sono state in rialzo per settimane e serve da segnale rialzista contrarian che il pubblico rimane scettico su questo mercato.

Fonte: AAII

Tutto ciò aiuta a spiegare come sono arrivate le azioni e perché ciò non significa che ignorino allegramente i negativi che sono alla base prezzi obbligazionari di oggi. Ma non esprime chiaramente dove si dirigono le scorte nel momento immediato.

L’S & P ha un po ‘di più da dimostrare su una base tecnica, bloccato nella fascia alta di un intervallo di più settimane e la scorsa settimana fallendo in diversi tentativi di tornare al massimo post-crash di aprile di 2955.

Resta vicino ai livelli che ha tenuto il nastro in cattività per sei mesi l’anno scorso e la media mobile del giorno 200 è appena sopra a 3000.

Le valutazioni sembrano ricche di quasi tutte le misure, con le previsioni sugli utili che collassano e inviano il rapporto prezzo / utili a termine sopra 20 per la prima volta da allora 2002. I mercati del credito sono notevolmente migliorati dal panico di marzo, ratificando la ripresa iniziale, ma non si sono rafforzati sensibilmente nelle ultime settimane. E mentre il sentimento tradizionale degli investitori è pauroso, gli indicatori di trading a breve termine indicano un eccesso di fiducia in denaro caldo che striscia di qua e di là. e azioni cicliche che si riappropriano in modo intermittente rispetto ai colossi della crescita tecnologica. Ma questo ritorno non è ancora assicurato.

Quindi, anche se le azioni e le obbligazioni possono andare d’accordo per un po ‘nelle loro posizioni attuali – e se la difesa radicata tra gli investitori dovrebbe tamponare il mercato azionario contro qualcosa di troppo brutto aspetto negativo: questo rimane un mercato “mostrami” che ha solo parzialmente recuperato il beneficio del dubbio.

Articolo originale di CNBC