mercoledì 21 aprile 2021

Le azioni hanno avuto un giro selvaggio. Ecco cosa potrebbe dettare dove andranno i mercati successivi

Un trader alla Borsa di New York (NYSE) a Wall Street a New York City.

JOHANNES EISELE | AFP via Getty Images

Vendi a maggio e andare via è un adagio comune nei mercati.

Ma il mercato azionario, come tutto il resto, è stato interrotto dallo scoppio del coronavirus quest’anno.

Le azioni erano ai massimi record all’inizio dell’anno, per poi essere inviate come Covid – 19 i casi hanno iniziato a crescere drammaticamente in tutto il mondo. I mercati sono tornati indietro nel mese di aprile, con la manifestazione S&P 500 25% da metà-marzo bassi.

Mentre gli investitori si avvicinano alla seconda metà dell’anno, sono desiderosi di determinare se la recente ripresa sarà fugace o un presagio di un rally nel corso dell’anno.

Alcuni dei fattori chiave che guidano l’ottimismo nei mercati azionari mondiali sono i seguenti –

  • Prospettive di ripresa – Alcuni partecipanti al mercato sperano che con una riapertura graduale e un allentamento delle misure di blocco, il processo di ripresa inizierà presto. Goldman Sachs in una nota del mese scorso ha dichiarato che si aspetta una crescita del prodotto interno lordo degli Stati Uniti del 4% in 2021 e del 3% in 2022 e che il recente raduno riflette l’ottimismo di un’inversione di tendenza economica.
  • Una cura per Covid – 19 – Il dott. David Ho, direttore del Centro di ricerca sull’AIDS di Aaron Diamond a New York City, che ha aperto la strada ai trattamenti per L’HIV, in una recente intervista con la CNBC, ha affermato che “la scienza verrà fuori” nel trovare una cura per Covid – 19. Nel frattempo, i governi dovranno concedere un po ‘di tempo, ma i partecipanti al mercato sperano che alcuni degli sforzi di ricerca e sviluppo in atto a livello globale per trovare un trattamento o un vaccino nel prossimo futuro possano dare i loro frutti.
  • Stimolo della Fed – Non combattere la Fed. Il vecchio cliché è oggi più vero che mai. Gli analisti ritengono che l’enorme stimolo annunciato dalla Fed dovrebbe compensare parzialmente la perdita della produzione economica dovuta a Covid – 19 . Il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato alla fine del mese scorso che sono necessari ulteriori stimoli per garantire una solida ripresa economica dall’epidemia di coronavirus.
  • Stabilizzazione dei prezzi del petrolio – Gli analisti del petrolio prevedono che la domanda di petrolio aumenterà nei prossimi mesi a causa di una ripresa dell’attività economica. Una domanda più forte unita a tagli dell’offerta già annunciati dai principali produttori dovrebbe sostenere i prezzi del petrolio in futuro. Uno degli uomini d’affari più ricchi del Regno Unito, GP Hinduja ha dichiarato a CNBC in un’intervista esclusiva che il petrolio potrebbe tornare a $ 40 – 50 per barile a lungo termine. Un altro miliardario, Naguib Sawiris dall’Egitto, era ancora più rialzista, chiedendo che il petrolio raggiungesse $ 100 al barile in mesi.

Mentre il mese di maggio potrebbe diventare il periodo cruciale per valutare la qualità e il quantum di questo rimbalzo economico mentre le economie iniziano a riaprire, gli analisti avvertono che ci sono ancora alcune bandiere rosse a cui prestare attenzione –

  • Tensioni USA-Cina – I mercati speravano che le scaramucce tra Stati Uniti e Cina si ritirassero dopo la firma della Fase 1 dell’accordo commerciale tra i due paesi. Tuttavia, la diffusione globale di Covid – 19, in particolare negli Stati Uniti che ora ha più casi di qualsiasi altro paese in il mondo, oltre all’effetto dannoso che ha avuto sulla crescita economica globale, ha riacceso le preoccupazioni che le relazioni bilaterali USA – Cina potrebbero deteriorarsi. “In un anno elettorale negli Stati Uniti, i rischi politici e le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina sembrano qualcosa che aumenterà. Questa è probabilmente la preoccupazione numero uno nel mercato quando parliamo con investitori e analisti dal punto di vista delle vendite”, ha affermato Zhiwei Zhang, presidente ed economista capo presso Pinpoint Asset Management.
  • Incombente rischio di default Con grandi rivenditori come J Crew e JC Penney che segnalano le loro preoccupazioni in merito al debito e un’ondata di fallimenti nelle compagnie aeree, nel settore petrolifero, nel settore alberghiero, nei viaggi e nel turismo e nei settori del commercio al dettaglio in tutto il mondo, gli analisti temono che ciò potrebbe innescare un contagio che si tradurrebbe in significative perdite di posti di lavoro e inadempienze del debito. Jan Kniffen, CEO di J Rogers, ha dichiarato a CNBC alla fine di aprile, “Penso che abbiamo un vero problema in arrivo. Quel discorso su uno tsunami di fallimenti sia nei ristoranti che nella vendita al dettaglio è reale ed è inevitabile. Se ce ne sono 6, 00, 00 Oltre a 0 ristoranti abbiamo potuto vedere 1, 00, 00 0 chiudi, se ne abbiamo 5, 00, 00 0 negozi che possiamo vedere 30, 00 0 si chiude abbastanza rapidamente. “
  • Rischio dell’onda 2 nd – Alcuni paesi stanno facendo meglio di altri nell’affrontare Covid – 19. Ma in un mondo interconnesso, il rischio di una seconda ondata è reale. Syra Madad, specialista di agenti patogeni, ha dichiarato alla CNBC la scorsa settimana che, indipendentemente dal processo di mutazione, “vedremo più onde perché il virus è ancora là fuori”.

Date tutte le forze compensative in gioco, gli investitori hanno difficoltà a definire la direzione a breve termine per i mercati.

“A questo punto il mercato si è radunato tanto quanto sta andando mentre stiamo aspettando il ritmo della riapertura e il rischio di una seconda ondata. I mercati hanno valutato un bel po ‘di buone notizie e dovremo vedere ulteriori conferme prima di poter andare oltre “, ha dichiarato Jurrien Timmer, direttore di Global Macro, Fidelity Investments.

Articolo originale di Cnbc.com