giovedì 26 novembre 2020

Le lotte dell’industria della cannabis potrebbero essere un’ottima notizia per queste aziende

                                                                 

Le scorte di pentole nordamericane sono in difficoltà, ma le compagnie di cannabis in altre parti del mondo hanno ancora buone prospettive.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Non c’è mai stato un momento più pericoloso per investire in cannabis di adesso. Le azioni in vaso stanno precipitando e le aziende stanno esaurendo la liquidità, rendendo inevitabili consolidamenti e fallimenti nel prossimo futuro.

Una grande ragione per la lotta ritorna di volta in volta agli alti prezzi del settore legale. Che si tratti di tasse, costi generali o solo di burocrazia costosa, le aziende di cannabis stanno lottando per rimanere competitive contro il mercato nero. Sfortunatamente, conquistare quote di mercato dal mercato nero è un obiettivo a lungo termine per l’industria legale e in questo momento ci sono seri problemi a breve termine che gli investitori non possono ignorare. E mentre il Nord America può essere particolarmente rischioso oggi, altre parti del mondo possono offrire giochi in vaso più sicuri.

Le compagnie di cannabis in climi più caldi potrebbero fare investimenti migliori?

Un grande svantaggio per il Nord America è che i suoi inverni freddi limitano le opportunità di coltivazione di cannabis, specialmente all’aperto. Ma in luoghi come l’Uruguay o Israele, dove la temperatura è piuttosto calda tutto l’anno, questi stessi problemi non esistono. L’Uruguay, in particolare, è un’opzione interessante in quanto è stato il primo paese a legalizzare l’uso ricreativo della marijuana.

Non solo è possibile coltivare cannabis più frequentemente, ma è probabile che anche i costi, inclusi i salari, siano molto più piccoli. I costi più bassi rendono più probabile per un’azienda colpire il pareggio.

Una società canadese, Silverpeak Life Sciences Uruguay, ha una consociata in Uruguay che i suoi progetti colpiranno il flusso di cassa libero di pareggio quest’anno. Silverpeak è una società privata ma mira a diventare pubblica ad un certo punto in futuro. Il CEO Jordan Lews ha dichiarato: “Vogliamo andare sui mercati dei capitali quando le condizioni sono favorevoli”, osservando che “l’obiettivo è avere il lusso di decidere quando andare”.

Fonte immagine: Getty Images.

Non aver bisogno di raccogliere fondi è un concetto straniero per molti produttori nordamericani. Ed è il tipo di stabilità che gli investitori desiderano ardentemente per evitare di soffrire di diluizione delle azioni e calo dei prezzi delle azioni. Sfortunatamente, il flusso di cassa rimane una grande preoccupazione nel Nord America e, essendo più competitivi sul prezzo, i produttori al di fuori del Nord America possono godere di vantaggi significativi, rendendole aziende più investibili a lungo termine.

Un produttore di cannabis che si è espanso in climi più caldi è Aphria ( NYSE: APHA ) . Attraverso l’acquisizione di LATAM Holdings, la società ha ottenuto licenze in mercati chiave dell’America Latina, tra cui Colombia, Argentina e Giamaica. Certo, è ancora un gioco a lungo termine per l’azienda. Nel suo anno fiscale 2019, la società ha generato un modesto 4 milioni di canadesi dollari dal suo segmento latinoamericano. Quello era solo l’1,7% delle entrate dell’azienda che ammontavano a CA $ 237 milioni per l’intero anno.

Cercare di essere più competitivi in ​​Nord America è una strategia praticabile?

Dopo tagliando la sua guida in ottobre per fiscalità 2020, HEXO ( NYSE: HEXO ) ha affermato che avrebbe cercato di tagliare il mercato nero offrendo prodotti a prezzi più bassi. La società ha annunciato che il suo nuovo marchio, “Original Stash”, sarebbe arrivato a un prezzo inferiore non solo al prezzo legale medio della cannabis in Canada, ma anche al di sotto dei prezzi del mercato nero.

È una strategia aggressiva per cercare di conquistare quote di mercato, ma potrebbe non essere praticabile data la necessità di massimizzare i margini piuttosto che eliminarli. Nei risultati trimestrali più recenti della società, che HEXO ha pubblicato a dicembre, ha riportato un margine lordo negativo di CA $ 21 milioni dopo rettifiche di valore equo. Ciò è dovuto principalmente alle svalutazioni dell’inventario. Ma anche prima di tutti gli aggiustamenti, il margine lordo della società sarebbe stato ancora molto modesto 31%. E le cose non andavano ancora meglio nell’affermazione poiché la perdita operativa di HEXO di CA $ 56 anche il milione è cresciuto in modo significativo dal negativo CA $ 14 .7 milioni nel trimestre dell’anno precedente. Mentre può essere allettante provare a conquistare quote di mercato, concentrarsi su articoli a basso costo può fare più danni che benefici per i finanziari della società e il suo prezzo delle azioni.

Cosa dovrebbero fare gli investitori?

Che si tratti di investimenti in cannabis o in qualsiasi altra attività, è importante che gli investitori si concentrino sui fondamenti di un’azienda per garantire che il suo modello di business sia solido e che generi profitti e flussi di cassa gratuiti positivi. Per le compagnie nordamericane di cannabis, questa non è una realtà per molti di loro. E trovare aziende che possono rimanere costantemente nel nero è difficile da fare.

Ecco perché investire nel mondo della marijuana in parti del mondo in cui è più probabile il raggiungimento della redditività è un investimento molto più sicuro da effettuare a lungo termine. Se Silverpeak o altri produttori al di fuori del Nord America diventassero pubblici, potrebbero offrire opportunità di investimento molto più sicure per gli investitori che sono stanchi della volatilità che hanno visto dal Nord America pentole .

                                                                                                                                                                                                                 David Jagielski non ha alcuna posizione in alcun degli stock citati. Il Motley Fool raccomanda HEXO. Il Motley Fool ha una politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

Articolo originale di Fool.com