venerdì 30 ottobre 2020

Le previsioni ritirate di Twitter sono un segnale minaccioso per gli annunci online mentre la crisi del coronavirus si approfondisce

Il 5 settembre 2018, il COO di Facebook Sheryl Sandberg e il CEO di Twitter Jack Dorsey testimoniano durante un’audizione del Comitato di intelligence del Senato a Capitol Hill sull’influenza straniera utilizzo delle piattaforme di social media da parte delle operazioni.

Drew Angerer | Getty Images

Come la crisi che circonda il COVID – 19 la pandemia di coronavirus si approfondisce e più stati degli Stati Uniti dicono ai residenti di rimanere a casa, i consumatori si affollano sempre più Twitter per aggiornamenti sulla ricaduta sanitaria, politica ed economica.

Twitter tende a prosperare in momenti di difficoltà e caos a causa dei modi in cui il sito consente ai suoi milioni di utenti di leggere e rispondere alle ultime notizie. Ma il motore economico dell’azienda è la pubblicità, che è spesso uno dei primi elementi che le aziende tagliano durante una recessione finanziaria.

Lunedì, Twitter ha ritirato le previsioni di entrate e profitti per il primo trimestre come nonché le sue previsioni sui costi per l’intero anno, citando il potenziale impatto della diffusione del coronavirus sulla domanda degli inserzionisti. Mentre Twitter non ha detto quali tipi di società si stanno ritirando, la società sta preparando il mercato per un potenziale forte calo e gli investitori presteranno molta attenzione nei prossimi giorni e settimane per i commenti di

Google , Facebook , Snap e Pinterest .

In California, New York e altri stati, ristoranti e hotel hanno chiuso o ridotto drasticamente le loro operazioni. Secondo quanto riferito, le compagnie aeree stanno considerando una chiusura volontaria , eventi e concerti sono stati cancellati e i rivenditori hanno chiuso i loro negozi e spostato tutti commercio online. A livello generale, sono in arrivo perdite di posti di lavoro di massa, con Bank of America che prevede un totale di 3 milioni richieste di sussidi di disoccupazione settimanali quando il numero viene rilasciato giovedì.

Il rinvio delle Olimpiadi estive di Tokyo porterà a un enorme successo nella spesa pubblicitaria. Comcast NBCUniversal, che ha annunciato una partnership l’estate scorsa con Twitter per il 2020 Olimpiadi, ha detto all’inizio di questo mese che ha venduto più di $ 1. 25 miliardi nella pubblicità nazionale per i giochi, un nuovo record.

Nel mercato pubblicitario digitale statunitense, che eMarketer si aspettava di superare $ 150 miliardi di quest’anno, il settore della vendita al dettaglio è il più grande spender. Il viaggio avrebbe dovuto superare quest’anno i beni di consumo confezionati come mercato n. 4 per gli annunci digitali, con l’intrattenimento al nono posto.

“Le vendite e il marketing sono la cosa più semplice da disattivare”

Twitter ha chiarito che il problema sono gli inserzionisti, non l’uso – le persone stanno arrivando a il sito e l’app.

Quello che Twitter chiama gli utenti attivi giornalieri monetizzabili, o gli utenti a cui possono essere offerti annunci pubblicitari, è salito 19% finora questo quarto da un anno prima a 40 milioni. La crescita media nei precedenti quattro trimestri è stata 03%.

“Lo scopo di Twitter è di servire la conversazione pubblica e in questi tempi difficili il nostro lavoro non è mai stato più critico”, CEO Jack Dorsey ha detto in lunedì dichiarazione . “Stiamo assistendo a un aumento significativo delle persone che usano Twitter e i nostri team stanno dimostrando un’incredibile capacità di adattamento a questo ambiente senza precedenti.”

Ma Twitter ha descritto l’impatto finanziario del coronavirus come “in rapida evoluzione e difficile da misurare”. Questo perché non è ancora chiaro quanto drammaticamente gli inserzionisti risponderanno e quanto durerà la crisi.

“Quando si verifica una crisi, le vendite e il marketing sono la cosa più semplice da spegnere , soprattutto in digitale “, ha affermato Sam Zietz, CEO di Grubbrr , che costruisce chioschi per ristoranti in alternativa all’ordinamento counter-based. “Posso premere un pulsante. La reazione istintiva è quella di premere quel pulsante e tutto va a zero.”

Gli analisti di Wedbush hanno dichiarato in una nota martedì mattina che la decisione di Twitter di ritirare la guida riflette un ambiente in cui più impressioni potrebbero non tradursi in una crescita delle entrate. Cina Baidu e siti Weibo entrambi ha avvertito gli investitori di potenziali carenze di entrate nonostante l’aumento del traffico e il Il New York Times ne ha tagliato previsione all’inizio di marzo.

Jay Dunn, il capo responsabile marketing dell’azienda di marketing strategico Chief Outsiders , ha affermato che, sulla base delle conversazioni con la sua rete di agenzie digitali e dirigenti del settore della vendita al dettaglio e dell’e-commerce, la spesa in pay-per-click e sui social media è stata ampiamente disattivata. Ciò che rimane della spesa digitale è altamente mirato e focalizzato sulla generazione di vendite da “pubblico percepito ad alto intento”, ha detto Dunn in un messaggio di posta elettronica. dipendenti a bordo il più possibile “, ha scritto Dunn. “Taglia le spese non produttive, in particolare il marketing, e mantieni le luci accese.”

Cosa segnala questo per la spesa digitale

In un rapporto ai clienti dopo L’annuncio di Twitter, Michael Levine di Pivotal Research, ha stimato che la società “stia calando” 30% per 40% “per marzo ed è probabilmente fuori da 10% o più dalla sua guida. All’inizio di febbraio, Twitter ha detto che le vendite del primo trimestre sarebbero state tra $ 825 milioni e $ 885 milioni.

Mentre Facebook e Google probabilmente andranno meglio di Twitter, Pivotal proietta problemi in vista del intero gruppo.

“Sulla base di ciò che abbiamo ascoltato nel canale, non saremmo sorpresi se questo probabilmente dà un tono a cosa aspettarsi nel trimestre di giugno per la pubblicità online “, ha scritto Levine, che ha pubblicato valutazioni su Twitter e Alphabet e una raccomandazione di vendita su Facebook. Martedì ha aggiunto in una nota che a breve termine, le entrate della pubblicità TV saranno “relativamente meglio isolate rispetto alle entrate online”.

Media Radar, una società di analisi degli annunci online, ha detto lunedì che i marchi vengono considerati “a rischio” a causa del virus speso $ 2,6 miliardi in pubblicità in tutti i formati nel secondo trimestre dell’anno scorso. La categoria “a rischio” comprende film, alloggio, turismo e concessionari auto e il più grande spender di un anno fa erano i ristoranti, principalmente grandi catene, che hanno sborsato 1,2 miliardi di dollari nel secondo trimestre.

Media Radar ha dichiarato di non aver visto un grande cambiamento nella spesa del ristorante, ma i viaggi sono diminuiti 30% dalla prima settimana di febbraio alla prima settimana di marzo.

Una via principale solitamente frequentata a Livingston, nel Montana, dopo che il governatore Steve Bullock ha ordinato la chiusura di ristoranti, bar e teatri a marzo 20, 2020 in risposta a la pandemia di coronavirus.

William Campbell | Corbis | Getty Images

Il calo della spesa è avvenuto rapidamente , un forte riflesso dell’improvvisa crisi.

Aaron Goldman, direttore marketing della società di informatica e tecnologia di marketing 4C Insights, ha affermato che per la prima metà di marzo, il suo la società ha visto la spesa attraverso le piattaforme – Twitter, Facebook (e Instagram), Pinterest, Snap, Amazon e LinkedIn – aumento 25% rispetto all’anno precedente, in linea con la crescita di gennaio e febbraio. Goldman ha detto che si aspetta che la crescita da allora abbia rallentato.

Informativa: NBCUniversal è la società madre di CNBC.

OROLOGIO: La grande tecnologia potrebbe perdere le entrate pubblicitarie durante la crisi del coronavirus, dice l’analista

Articolo originale di CNBC