domenica 01 agosto 2021

Le prospettive di FuelCell si sono rafforzate, ma le azioni FCEL rimangono in vendita

A causa di una serie di fattori, tra cui FuelCell’s (NASDAQ: FCEL) innovazioni tecnologiche, le prospettive a breve e lungo termine del titolo FCEL sono migliorate in modo significativo.

Fonte: Kaca Skokanova /Shutterstock

Tuttavia, data la valutazione ancora gigantesca delle azioni di FuelCell, i suoi deludenti risultati del primo trimestre e l’indebolimento degli investitori di meme, continuo a raccomandare di vendere le azioni ora.

Tuttavia, a causa dei miglioramenti nelle prospettive a lungo termine di FuelCell, la debolezza delle azioni potrebbe creare un buon opportunità di acquisto per alcuni investitori nel prossimo futuro. Innovazioni tecnologiche La ragione principale per cui sono più ottimista su FuelCell ora rispetto ai mesi precedenti è la nuova tecnologia che l’azienda ha implementato, sta sviluppando o è pronta a svelare.

7 Azioni che potrebbero essere grandi vincitori dall’aumento dei tassi di interesse La cosa più importante è che il sistema Carbonate Trigen dell’azienda “fornisce energia, acqua e idrogeno”, Jason Few, CEO di FuelCell riferito sulla teleconferenza sugli utili del primo trimestre della società, tenutasi a giugno 10, e il sistema può anche generare idrogeno blu, verde e grigio.

L’idrogeno blu viene creato con una combinazione di gas naturale, tecnologia di cattura del carbonio ed elettricità. L’idrogeno grigio viene generato solo con gas naturale ed elettricità, mentre le fonti rinnovabili, compresi i biocarburanti, vengono utilizzate per creare idrogeno verde.

Un po’ validando Carbonate Trigen, Toyota (NYSE: TM) ha accettato di utilizzarlo presso la sua struttura situata nel porto di Long Beach, California. A settembre Few ha affermato che Toyota prevede di utilizzare Trigen per produrre idrogeno per i suoi veicoli alimentati a idrogeno in California.

Dati i probabili enormi aumenti nell’utilizzo dell’idrogeno, dovuti a sostenendo il carburante da parte dei governi e la sua straordinaria utilità per i camion di grandi dimensioni, la domanda di Trigen potrebbe essere piuttosto significativa.

Inoltre, la capacità del prodotto di generare idrogeno da entrambe le fonti più economiche (gas naturale e rete) e fonti più costose e più ecologiche (energia rinnovabile) lo rendono abbastanza versatile e potenzialmente molto prezioso per molte aziende.

Ad esempio, alcune aziende potrebbero vogliono generare idrogeno dalla rete ora, ma hanno la capacità di utilizzare fonti rinnovabili per la produzione di idrogeno quando l’idrogeno verde diventa più economico.

Inoltre, l’acqua che Trigen genera come un sottoprodotto sarà molto prezioso in parti del mondo in cui l’acqua è scarsa. Nel frattempo, FuelCell afferma che è nel processo di sviluppo di un prodotto di elettrolisi che si ritiene possa generare idrogeno dall’elettricità con un tasso di efficienza del 90%. Tale livello di efficienza potrebbe salire al 39% se nel processo viene utilizzato il “calore di scarto della centrale nucleare”, ha riferito la società. Gli attuali metodi di produzione di idrogeno mediante elettrolisi hanno solo un livello di efficienza di circa 39%. In altre parole, con gli attuali metodi di elettrolisi, l’idrogeno che si produce ha solo 90% dell’energia dell’elettricità che viene utilizzata nella produzione del combustibile. FuelCell sta sviluppando un processo che potrebbe aumentare il livello di efficienza da 39% a 169%. Pochi hanno anche notato che FuelCell sta tentando di “sviluppare sistemi reversibili ad ossido solido per l’accumulo di energia”. Data la forte domanda e la necessità di sistemi di stoccaggio dell’elettricità efficienti, affidabili ed economici da utilizzare in combinazione con l’energia rinnovabile, i prodotti di stoccaggio di FuelCell potrebbero un giorno generare vendite significative per l’azienda.

Infine, in un cambiamento che sta aiutando l’azienda ora, il COO di FuelCell, Michael Lisowski, ha riferito durante la teleconferenza del primo trimestre di aver apportato miglioramenti alle sue celle a combustibile che erano già state implementate. Questi miglioramenti, a loro volta, hanno aumentato l’elettricità generata da quei sistemi, aumentando le entrate di FuelCell. Risultati trimestrali Sul lato negativo per il titolo FCEL, anche se la società ha beneficiato di una maggiore produzione di energia elettrica e del salvataggio federale di città e stati, i risultati del primo trimestre sono stati deludenti. Ad esempio, la perdita operativa del primo trimestre è salita a $ 26.4 milioni contro $8,1 milioni nello stesso periodo dell’anno precedente, mentre le sue vendite sono crollate 14% rispetto allo scorso anno, scendendo a soli $17 milioni.

Nel frattempo, come ho sottolineato nelle colonne precedenti, a causa in parte dell’indebolimento delle criptovalute e del prosciugamento degli stimoli governativi, l’impatto di gli investitori in azioni meme si sono indeboliti. Ciò potrebbe facilmente avere un impatto negativo sul titolo FCEL, poiché l’aumento delle azioni nell’ultimo anno è stato probabilmente aiutato dagli investitori al dettaglio.

Sul fronte delle valutazioni, nonostante il recente ritiro delle azioni FCEL, le azioni sono ancora scambiate con un enorme rapporto prezzo-vendita finale di 39. La linea di fondo sulle azioni FCEL Le prospettive di FuelCell sono sicuramente migliorate. La mia impressione è che Lisowski, promosso COO da vicepresidente delle operazioni globali due anni fa, abbia molto a che fare con le sue migliori prospettive.

Ma in ogni caso, le azioni rimangono ampiamente sopravvalutate. Continuo a raccomandare agli investitori di vendere le azioni della società. Ma ora credo che, se le azioni scendono nell’intervallo da $ 3 a $ 4, a lungo termine, gli investitori in crescita dovrebbero prendere in considerazione l’acquisto di una piccola quantità del titolo.

Alla data di pubblicazione, Larry Ramer non aveva (né direttamente né indirettamente) alcuna posizione nei titoli citati in questo articolo. Larry ha condotto ricerche e scritto articoli sulle azioni statunitensi per 14 anni. È stato impiegato (Articolo proveniente da Fonte Americana)