mercoledì 25 novembre 2020

Le proteste del fine settimana in USA suscitano preoccupazioni per l’aumento delle infezioni

Il numero di contagi globali confermati del coronavirus che causa COVID-19 lunedì ha superato i 6 milioni, dopo un fine settimana dominato dalle proteste negli Stati Uniti alla morte di un uomo nero disarmato per mano di un agente di polizia bianco a Minneapolis la scorsa settimana.

Scene di proteste nelle città gemellate del Minnesota, New York, Los Angeles, Atlanta e Detroit, tra le altre città, è apparsa in primo piano nei programmi TV e sui social media, dopo che la morte di George Floyd è stata catturata in video dagli astanti. Floyd morì dopo che un ufficiale di polizia gli si inginocchiò sul collo mentre era ammanettato a terra, sostenendo ripetutamente che non riusciva a respirare. L’ufficiale è stato arrestato e accusato di omicidio di terzo grado.

Vi è stato un ampio sostegno internazionale per le proteste, con dimostranti riuniti a Londra, Berlino, Vancouver, Parigi, Dublino e altre città per chiedere la fine della brutalità della polizia contro i neri.

Alcune immagini hanno sollevato preoccupazioni in merito al fatto che i manifestanti potrebbero inavvertitamente diffondere la malattia, poiché molti non indossavano una copertura per il viso o pochi osservavano le distanze sociali.

“La grande folla di manifestanti … aumenta il rischio di diffondere il coronavirus”, ha dichiarato Charles Campbell, amministratore delegato e specialista di trading presso MKM, in una nota di lunedì.

Le proteste si svolgono come tutte 50 Gli stati statunitensi avanzano con le loro riaperture e revocano le restrizioni ai movimenti, compresi gli stati che continuano a mostrare un numero crescente di infezioni, contro il parere del pubblico esperti di salute.

Un sondaggio del Washington Post – ABC News pubblicato lunedì ha trovato quasi 6 in 10 Americani hanno avuto un successo economico da COVID – 19, ma la maggior parte dice ancora che contenere lo spread è più importante che cercare di riavviare l’economia . Circa tre americani su quattro neri, che hanno sofferto di molte più morti per il virus rispetto agli americani bianchi, affermano che è più importante contenere la malattia che riaprire l’economia.