lunedì 19 aprile 2021

Le proteste diventano violente per il secondo giorno nella capitale del Libano

BEIRUT – Le forze di sicurezza libanesi hanno sparato domenica lacrimogeni, proiettili di gomma e cannoni ad acqua per disperdere centinaia di manifestanti per un secondo giorno consecutivo, ponendo fine a ciò che è iniziato come una manifestazione pacifica a dispetto della più dura repressione delle manifestazioni antigovernative in due mesi.

La violenza arriva alla vigilia di un incontro tra il presidente e i blocchi parlamentari in cui si è dimesso il Primo Ministro Saad Hariri ampiamente previsto per essere rinominato nel post. La tensione riflette anche l’approfondimento delle divisioni nel paese che è alle prese con una grave liquidità e una stretta della valuta estera.

Hariri si è dimesso a ottobre 29 in mezzo alle proteste a livello nazionale che hanno accusato l’intera élite politica di corruzione e cattiva gestione nella peggiore crisi economica del Libano degli ultimi decenni. I manifestanti affermano che non accetteranno Hariri come primo ministro, chiedendo un capo di governo indipendente non affiliato ai partiti esistenti.

“Saad, Saad, Saad, non lo sognano più , “I manifestanti hanno cantato domenica.

Dopo settimane di litigi, i partiti politici non sono riusciti a proporre nomi indipendenti, la maggior parte di loro ha insistito per mantenere la loro parte politica nel governo.

Le proteste di domenica sono state in gran parte pacifiche, ma alcuni manifestanti hanno lanciato bottiglie d’acqua e petardi contro le forze di sicurezza a guardia del parlamento. Dopo un paio d’ore, le forze di sicurezza hanno scacciato i manifestanti, usando manganelli e gas lacrimogeni. I manifestanti si sono dispersi nel centro di Beirut. A un certo punto, qualcuno ha dato fuoco a due tende allestite dai manifestanti in Piazza dei Martiri, l’epicentro delle proteste antigovernative per 60 giorni.

Dopo ore di scontri, l’esercito si dispiegò attorno al centro di Beirut, mettendo fine alle battaglie campali lanciate. La difesa civile libanese ha dichiarato di aver trasferito 20 feriti negli ospedali mentre ha curato i manifestanti 70 sul posto . Tra i feriti c’era un giornalista.

L’esercito si era inizialmente schierato per separare i manifestanti e i sostenitori rivali dei gruppi politici, secondo quanto riferito da al-Jadeed. La stazione televisiva locale ha filmato i soldati costringendo i manifestanti a ritirarsi dalle piazze centrali di Beirut.

La tensione è emersa tra manifestanti e sostenitori dei gruppi sciiti Hezbollah e Amal, dopo le successive critiche respinte dei loro leader. Nel frattempo, i manifestanti si sono arrabbiati per quello che hanno detto essere la dura repressione delle forze di sicurezza sui loro raduni mentre camminavano leggermente quando avevano a che fare con i sostenitori dei potenti gruppi politici.

Lascia che le nostre notizie incontrino la tua casella di posta. Le notizie e le storie che contano hanno prodotto mattine nei giorni feriali.

Sono emerse anche divisioni tra i manifestanti che si sono radunati nel centro di Beirut. Alcuni hanno promosso lo scontro con le forze di sicurezza per esprimere rabbia per la repressione e l’approccio “business asituale” del governo. Molti manifestanti vennero preparati con elmetti e gas lacrimogeni e usarono vasi e cassonetti per lanciare una barricata in strada.

“Abbiamo rivendicato il nostro paese da questa occupazione”, uno arrabbiato manifestante ha detto a LBC TV, riferendosi a quello che ha chiamato un governo corrotto in atto per decenni. Un altro ha detto ad Al-Jadeed che domenica i manifestanti hanno iniziato l’attrito “come reazione all’ingiusta repressione” il giorno prima.

Migliaia di persone si erano radunate pacificamente domenica prima dispersa di sera.

Le forze di sicurezza hanno inseguito i manifestanti nel centro di Beirut, sparando gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Alcuni manifestanti si sono nascosti nella zona commerciale che circonda il parlamento e altri in maschere con gli uomini addossati alle pietre.

I manifestanti avevano cantato contro la repressione della sicurezza. Uno ha sollevato un poster dicendo che il gas lacrimogeno non li terrà lontani. “Stiamo già piangendo”, ha aggiunto, in un colpo alla profonda crisi economica che i libanesi stanno affrontando.

Le strade che portano al parlamento erano piene di uomini, donne e persino bambini. Alcuni rannicchiati in gruppi più piccoli, mentre altri sono stati sollevati sulle spalle cantando in megafoni.

“Sono tornato oggi per fare pressione sul parlamento per fare la scelta giusta domani e scegliere un primo ministro al di fuori del politico partiti. Se non sceglieranno qualcuno accettabile, torneremo ancora e ancora per le strade “, ha detto Chakib Abillamah, un uomo d’affari che stava dimostrando sabato quando è scoppiata la violenza.

Un altro manifestante, Huda Kerbagi, ha affermato di aspettarsi proteste violente per qualche giorno in più, avvertendo che la violenza genererà violenza, in particolare in una società diversificata come il Libano. “In altre rivoluzioni hai un blocco contro un blocco e in questo paese abbiamo molti blocchi”

Un manifestante del Libano meridionale, che ha dato il suo nome come Ali, ha detto di essere venuto alla protesta di Beirut per cambiare i sovrani perché “nessuno di loro sente i propri reati o ha coscienza. Nessuno di loro ha offerto scuse. ”

Sabato sera a domenica ha visto una delle repressioni più violente contro i manifestanti da quando sono iniziate le manifestazioni antigovernative a livello nazionale due mesi fa. Gli scontri durante la notte a Beirut hanno lasciato più di 130 feriti, secondo la Croce Rossa e la Protezione civile libanese. La Croce Rossa ha dichiarato che nessuno dei feriti era in gravi condizioni e la maggior parte di loro è stata curata sul posto.

Gli aggressori nel nord del Libano hanno anche dato fuoco agli uffici di due importanti partiti politici domenica scorsa , ha detto la National News Agency statale.

In un attacco, gli aggressori hanno rotto le finestre e dato fuoco all’ufficio locale del partito politico di Hariri nella città di Kharibet al-Jundi nel distretto settentrionale di Akkar. Le foto sono circolate sui social media di vetri infranti e le conseguenze dell’incendio.

In un attacco separato anche ad Akkar, gli assalitori hanno preso d’assalto l’ufficio locale del più grande partito in parlamento, affiliato al presidente Michel Aoun e guidato dal ministro degli Esteri Gebran Bassil. Il partito ha affermato che il contenuto dell’ufficio nella città di Jedidat al-Juma è stato distrutto e bruciato.

Domenica il ministro degli interni Raya al-Hassan ha ordinato un’indagine sugli scontri notturni di Beirut, che ha detto ferito sia i manifestanti che le forze di sicurezza. Ha detto di aver visto gli scontri “con preoccupazione, tristezza e shock”.

Al-Hassan ha accusato gli “infiltrati” per aver istigato alla violenza e ha invitato i manifestanti a diffidare di coloro che vogliono sfruttare le loro proteste per motivi politici. Non ha elaborato.

Il capo delle forze di sicurezza interna, il generale Gen. Imad Osman, si è presentato alla manifestazione di protesta domenica. la scena secondo cui il diritto alla protesta era garantito dalla legge. “Ma calmati, non c’è bisogno di violenza”, ha detto, facendo appello ai manifestanti.

Come riportato da NBC News