venerdì 18 giugno 2021

Le scorte calano dopo che il petrolio ha toccato minimi storici: Cramer e altri quattro su cosa aspettarsi

NOI. le azioni sono calate bruscamente martedì dopo uno storico sell-off sui mercati petroliferi.

Cinque esperti valutano ciò che gli investitori dovrebbero guardare.

John Kilduff, socio fondatore di Again Capital, ha dichiarato che i tagli negli Stati Uniti dovrebbero migliorare la situazione.

“Posso dirti qui negli Stati Uniti, i tagli sono reali e significativi. Voglio dire che potresti sostenere che gli Stati Uniti hanno già tagliato 700, 000 barili di produzione. Siamo stati a 13. 1 [million] poche settimane fa, siamo a

.4 a partire dal rapporto della scorsa settimana, vedremo dove siamo [Wednesday] quando il Dipartimento dell’Energia pubblicherà il suo rapporto settimanale allora. ulteriore declino. ”

Jim Cramer, conduttore di” Mad Money “della CNBC, ha affermato che la fine più lunga della curva – il contratto di luglio – potrebbe non essere il prezzo nella fornitura- domanda di problemi.

“Penso che il contratto di luglio mostri troppo entusiasmo, il contratto di giugno è probabilmente un po ‘più giusto. C’erano t 100, 000 contratti negoziati a quel meno $ 37 prezzo. È un sacco di petrolio se si considera che ogni contratto è di mille barili. “

Sadad Al-Husseini, proprietario di Husseini Energy Co., ha affermato che i problemi della domanda erano chiari in i dati.

“I segnali erano tutti lì che la domanda era crollata, in particolare negli Stati Uniti, dove la WTI trova la sua casa, la raffineria ci porta a 70%, 69% all’inizio di aprile. La domanda di benzina è scesa da 9,5 a 5 milioni di barili da un mese fa, il carburante per aerei è sceso da 1,6 a 0,5, quindi tutto ciò che è stato saggio è diminuito negli Stati Uniti e non ho potuto vedere come il contratto di aprile avrebbe potuto resistere, perché non c’era più richiesta di quell’olio e dovevano liberarsene. “

Rob Thummel, gestore del portafoglio di Tortoise, vede opportunità in alcuni nomi energetici.

“Per i titoli di dividendi, il nostro focus è sul mid-stream e queste società sono resilienti, in realtà generano il loro denaro dai volumi che vengono trasportati attraverso la pipeline e don non hanno l’esposizione al prezzo delle materie prime, quindi per gli investitori alla ricerca di titoli che pagano dividendi, ti incoraggiamo davvero a guardare titoli di fascia media. … Queste sono società che esistono da molto tempo e hanno flussi di cassa sostenibili anche in questo contesto di mercato e possono sostenere rendimenti da dividendi che sono piuttosto alti in questo momento. “

Heath Tarbert, presidente della Commodity Futures Trading Commission, ha dichiarato che la volatilità continuerà.

“Penso che continueremo a vedere la volatilità come quegli input chiave che ho citato in precedenza sul versante dell’offerta – sia l’effettiva disponibilità dell’offerta e quindi i costi di stoccaggio, sia la domanda su quando l’economia si aprirà – tutti questi continueranno a determinare il prezzo dei futures e lo spot prezzo di mercato. E di conseguenza penso che se ci sarà ancora incertezza su uno di questi tre fattori e tutti loro combinati, continueremo a vedere la volatilità. “

Esonero di responsabilità

Articolo originale di CNBC