lunedì 02 agosto 2021

Le scorte di perforazione di scisto stavano funzionando, ma questa cattiva notizia ha ucciso il rally

                                         

                                     

                                                                                          

Il Nord America sta annegando nel petrolio e l’inondazione continua a diventare più profonda.

                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                            

Quello che è successo

Le scorte di produttori di olio di scisto sono in aumento oggi, guidando un 25 aumento% dell’intermediario del Texas occidentale future sul greggio più elevati. Nei primi scambi, molte azioni indipendenti di produttori di petrolio focalizzate sullo scisto erano in aumento di 10%. Ecco alcune delle più importanti compagnie con scisti o altre produzioni petrolifere non convenzionali che sono cresciute molto nei primi scambi:

Shale Producer Variazione di prezzo il 4 / 16 / 20 Prezzo elevato su 4 / 16 / 20
WPX Energy, Inc. (NYSE: WPX) 7,5% 13. 8%
Ovintiv, Inc. (NYSE: OVV) 8,7% 10. 8%
Matador Resources Co. (NYSE: MTDR) 7,7% 13. 4%
Northern Oil and Gas, Inc. (NYSEMKT : NOG) 1,5% 10. 8%
Parsley Energy, Inc. (NYSE: PE) 6,4% 10. 7%
Antero Resources Corp. (NYSE: AR) 1% 13. 4%
Diamondback Energy, Inc. (NASDAQ: FANG) 6,4% 10. 4%

Fonte dei dati: Yahoo! Finanza. Prezzi a partire da 1: 13 pm EDT di aprile 16.

Tuttavia, niente di peggio della scioccante realtà della matematica ha portato l’aria fuori dall’esuberante manifestazione del trapano scisto. La US Energy Information Administration (EIA) ha pubblicato il suo riepilogo settimanale dei dati sul petrolio, e i numeri sono stati un forte promemoria che l’industria petrolifera degli Stati Uniti è a rischio di annegamento nel greggio.

E allora

Secondo il rapporto VIA, anche con le importazioni di petrolio in calo, la combinazione della domanda di craterizzazione sotto il blocco del coronavirus e una produzione ancora troppo elevata ha causato un aumento degli inventari del greggio milioni di barili la scorsa settimana, quasi 10% superiore alla media quinquennale.

Fonte immagine: Getty Images.

C’erano anche più prove che le cose potrebbero continuare a deteriorarsi, poiché la domanda di petrolio rimane incredibilmente indebolita. Gli input della raffineria di petrolio sono diminuiti solo modestamente di circa 209, 000 barili al giorno, ma i prodotti totali forniti sono diminuiti enormemente 25%. La benzina fornita è caduta 25% la scorsa settimana, il carburante per rifornimenti fornito è diminuito 54%, e il carburante distillato (principalmente diesel) cadde %.

Ora cosa

I prezzi del greggio continuano a oscillare selvaggiamente. Dopo lo shock iniziale del rapporto dell’AIE, i future sul greggio del West Texas si stanno nuovamente riprendendo, quasi 28% a 1: 15 pm EDT. Eppure, anche con una mossa così grande, il più importante benchmark dei prezzi del petrolio negli Stati Uniti è ancora inferiore a $ 15 per barile. Non esiste una società nell’elenco sopra che può sopravvivere a $ 15 olio.

Naturalmente, i futures grezzi non raccontano l’intera storia; i produttori di petrolio non vendono tutto il loro petrolio in base ai prezzi spot giornalieri per i futures. Coprono gran parte della loro produzione utilizzando vari tipi di strumenti finanziari e firmano anche accordi di fornitura a lungo termine direttamente con gli utenti di petrolio come le raffinerie. Ecco perché molti dei produttori di cui sopra sono ancora in attività; stanno ottenendo di più – molto di più – di $ 10 per barile per la maggior parte dell’olio che producono.

Ma la cruda realtà dietro la domanda crescente e il calo dei prezzi dipinge un quadro molto desolante. Molti produttori stanno già riscontrando problemi nella vendita di petrolio che non hanno già sotto contratto mentre le strutture di stoccaggio si riempiono e gli operatori del gasdotto hanno iniziato a richiedere la prova di un acquirente prima di prendere petrolio da un produttore. Inoltre, anche quegli accordi di fornitura con le raffinerie non sono un affare sicuro poiché le raffinerie riducono. Stanno incontrando gli stessi problemi di stoccaggio per i prodotti raffinati dei produttori per il greggio.

Aggiungi tutto e non è una manifestazione petrolifera su cui acquistare produttori indipendenti. Il sottosettore è un campo minato in questo momento, e il resto di 700 sarà una lotta per la sopravvivenza. Anche quando l’economia tornerà online e la domanda di petrolio inizierà a riprendersi, ci saranno centinaia di milioni di barili di petrolio in giacenza che i proprietari venderanno a prezzi inferiori al mercato, assorbendo tale crescita della domanda.

E questo spingerà ulteriormente la ripresa per i produttori di scisti e sabbie bituminose. Molti non sopravviveranno. Esistono altri titoli energetici che offrono prospettive molto migliori per realizzare un profitto per gli investitori.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        
Articolo originale di Fool.com