domenica 29 novembre 2020

Le tensioni cinesi e la vendita di chip presentano opportunità di acquisto in tre titoli, afferma l’analista tecnico

Le scorte di chip sono state catturate nel bel mezzo di un’altra resa dei conti USA-Cina.

L’ETF SMH semiconductor, che detiene azioni come AMD e Intel, è sceso del 4% nella scorsa settimana. Le perdite sono state accelerate venerdì dopo che l’amministrazione Trump si è trasferita per bloccare Huawei con sede in Cina dall’accesso ai chip realizzati con software o tecnologia degli Stati Uniti.

Questo è solo l’ultimo tempo in cui i chip sono stati utilizzati come arma in la guerra commerciale, ma non dovrebbe essere una grande preoccupazione per gli investitori, afferma Patrick Moorhead, presidente e preside di Moor Insights & Strategy.

“Questo Huawei ha sputato, la Cina ha sputato – è solo un altro episodio di questo commercio in corso e PI. Non vorrei guardare troppo da vicino. Voglio dire, questa è, quale, la 12 th versione di questo di questi spazi bilaterali? il fatto è che entrambi i paesi hanno bisogno l’uno dell’altro “, ha detto Moorhead alla” Nazione commerciale “della CNBC venerdì.

USA i produttori di chip, ad esempio, generano una grossa fetta di entrate dalla Cina. Uno dei maggiori produttori di chip degli Stati Uniti, Intel, ottiene quasi il 30% delle sue entrate dal paese.

Moorhead afferma che gli investitori la debolezza dovrebbe essere presa come un’apertura.

“Penso che sia un’opportunità di acquisto. Ancora una volta, non vedo nulla di simile o avere indicatori a lungo termine data la relazione simbiotica che che abbiamo con la Cina e in particolare alcuni titoli che sono in calo come Qualcomm. Prima di tutto, Qualcomm ottiene credito per la proprietà intellettuale di tutti gli smartphone che vengono spediti indipendentemente dal fatto che vadano in Cina, e ci sono solo alcune manciate di chip Qualcomm che vanno in equipaggiamento Huawei. Quindi alcune delle azioni che sono in calo sono un po ‘strane, secondo me “, ha detto.

Qualcomm è stato uno dei chipmaker più colpiti venerdì. Moorhead afferma di essere particolarmente rialzista su Qualcomm, nonché su Intel e Nvidia. Nvidia è il chipmaker più performante in questo trimestre.

Disclaimer

Articolo originale di Cnbc.com