Entra in contatto con noi

Attualità

Le transizioni effettuate attraverso Pos costeranno meno nel 203

Pubblicato

il

Occorre per il 2023 trovare un accordo per il costo delle transazioni POS su pagamenti sotto i 30 euro, oppure i prestatori di servizi di pagamento e i gestori di filiera dovranno pagare una tassa. La novità viene dalla  Legge di Bilancio per il 2023, in relazione a uno dei capitoli più caldi della manovra: le sanzioni contro i negozianti e i professionisti che si rifiutano di effettuare transazioni digitali.

Riduzione costi POS: nuove regole per il 2023

In base alla normativa vigente (Dlgs 36/2022), gli esercenti che non accettano pagamenti digitali sono soggetti a una sanzione di 30 euro più il 4% del valore della transazione. Nella prima versione della legge era prevista un’esenzione dalla multa per acquisti fino a 60 euro, ma dopo la discussione e le conclusioni dell’Ue, l’esenzione è stata annullata e quindi le sanzioni restano.
Tuttavia, sono state introdotte nuove regole per consentire riduzioni rapide delle commissioni. La novità sta nei commi da 385 a 388 della legge n. 197/2022.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Cosa fa una manovra

In ottemperanza a quanto previsto dalla Legge di Bilancio, viene creato un tavolo permanente tra le associazioni di categoria degli operatori che devono accettare i pagamenti presso il punto vendita (come gli esercenti) e le associazioni dei prestatori di servizi di pagamento (come gli emittenti di carte di credito) o fornire servizi di pagamento digitale) al fine di concordare termini e condizioni e modalità di applicazione degli indici idonei a garantire livelli di costo equi, trasparenti e proporzionati al valore delle singole operazioni.

Il Comitato deve essere formato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Manovra, cioè all’inizio di marzo.

Riduzione costi per i pagamenti fino a 30 euro

La legge ora richiede ai commercianti di accettare almeno una carta di credito (da qualsiasi canale) e una carta di debito (come un bancomat). Tuttavia, il problema è che per gli acquisti di basso valore, i pagamenti digitali possono essere molto costosi per i commercianti. Esistono alternative più economiche come le app mobile e il POS virtuale, ma chi opta per il POS fisico sostiene costi fissi non trascurabili.

Advertisement

Le associazioni sono invitate a valutare soluzioni per ridurre fino a 30 euro i costi delle transazioni elettroniche, che devono essere a carico di aziende, artisti o liberi professionisti che rappresentino redditi e compensi relativi all’anno precedente, che non superino i 4 mila euro.

Un’alternativa allo sconto è il ritiro forzato

In caso di mancato raggiungimento di un accordo entro 90 giorni dall’entrata in vigore della manovra (inizio aprile), o in caso di accordo raggiunto ma non eseguito, verrà attivato un canone di emergenza, a carico dei prestatori di servizi di pagamento e schemi di pagamento , pari al 50% dei benefici, derivanti da provvigioni e altri proventi da operazioni inferiori a 30 euro (o fino ad altro limite che viene infine determinato in base a criteri di proporzionalità). Questo contributo straordinario sarà erogato solo nel 2023.

Per l’accertamento del contributo dovuto, l’Agenzia delle Entrate può effettuare anche un accertamento formale. A tale contributo si applicano le disposizioni in materia di imposte sui redditi ai fini di accertamento, recupero, sanzione e contenzioso.

Il ricavato andrà in un apposito fondo al fine di contenere le spese sostenute da imprese, arti o professioni, con entrate e compensi che non superino i 400mila euro, per operazioni fino a 30 euro.

Advertisement
Advertisement

Trending