giovedì 03 dicembre 2020

Le vendite di alcol del Memorial Day aumenteranno probabilmente, aiutando un settore sofferente

In questa illustrazione fotografica, le bottiglie di birra Miller Lite e Bud Light che sono prodotti di SABMiller e Anheuser-Busch InBev (rispettivamente) sono mostrato a settembre 15, 2014 a Chicago.

Scott Olson | Getty Images

Gli americani hanno speso quasi $ 3 miliardi per l’acquisto alcol nei negozi al dettaglio nelle settimane prima e dopo il Memorial Day dell’anno scorso, secondo i dati di Nielsen.

Ma con la pandemia di coronavirus quest’anno, i funzionari del governo stanno esortando i consumatori a praticare l’allontanamento sociale e stare vicino a casa durante un periodo popolare per assorbire.

A 2019, il Memorial Day è stata la seconda festa più grande per consumo di alcol, trascinato solo il 4 luglio, secondo l’analisi Nielsen dei dati sulle vendite al dettaglio delle due settimane intorno alle vacanze.

“Sono sicuro che ci saranno alcuni calo delle vendite “, ha detto l’analista di ricerca Euromonitor International Aga Jarzabek. “Sarà molto più basso rispetto allo scorso anno, ma non sarei sorpreso se fosse ancora un picco piuttosto grande per il Memorial Day.”

Più consumatori bevono a casa, portando le vendite al dettaglio totali di alcol a saltare 26. 5% durante le nove settimane terminate il 9 maggio da un anno prima, secondo i dati Nielsen. Ma la chiusura di ristoranti e bar sta mettendo sotto pressione l’industria.

Ad esempio, la pandemia sta accelerando il declino del consumo di birra negli Stati Uniti. Negli ultimi anni, la bevanda è diventata sfavorevole con i consumatori che hanno optato per opzioni più alla moda o più sane.

Euromonitor si aspetta ora un calo più marcato delle vendite di birra rispetto alla previsione prepandemica di un calo dell’1%. Le previsioni riviste prevedono che le vendite totali per la bevanda crolleranno di circa il 7%, in gran parte a causa del crollo delle vendite da bar e ristoranti, che in genere rappresentano la metà delle vendite complessive di birra.

Mentre il consumo di birra è sotto pressione, grandi marchi di birra – come Bud Light di Anheuser-Busch InBev e Miller Lite di Molson Coors Beverage – stanno assistendo a un rilancio delle vendite mentre gli americani a corto di liquidità raggiungono per opzioni familiari ed economiche. Le iconiche birre americane hanno l’ulteriore vantaggio di venire in confezioni di valore superiore, ideali per i consumatori che caricavano la dispensa a marzo e aprile per limitare i viaggi nei negozi di alimentari.

“La pandemia ha ha davvero spinto il consumatore verso i grandi marchi di comfort e valore di cui si fidano “, ha affermato Ross Colbert, amministratore delegato di KPMG Corporate Finance.

Il vino sta andando meglio della birra, grazie ai consumatori ‘rapido perno per ordinare bottiglie attraverso l’e-commerce e direttamente dalle cantine. Colbert stima che il vino, a differenza della birra, stia recuperando le perdite da ristoranti e bar. I dati Nielsen mostrano che le vendite al dettaglio di vino sono aumentate 30. 7% nelle nove settimane terminate il 9 maggio.

la categoria degli alcolici, che sta vedendo il più grande aumento delle sue vendite al dettaglio nello stesso periodo di nove settimane, sta anche compensando le entrate perse di bar e ristoranti, secondo Colbert.

Attraverso birra, vino e alcolici, lo spostamento delle preferenze dei consumatori verso marchi familiari sta invertendo la tendenza ad abbracciare i produttori artigianali locali. In combinazione con la dipendenza dei birrai artigianali da ristoranti indipendenti e taproom per la distribuzione, il futuro per i piccoli produttori di alcolici sembra cupo.

“Sarà devastante per molti piccoli proprietari-operatori indipendenti”. Colbert ha dichiarato.

La ricaduta economica della pandemia potrebbe anche portare i consumatori a passare a bevande alcoliche meno costose. Ciò potrebbe infliggere un duro colpo ai maggiori attori del settore. AB InBev, Pernod Ricard e Diageo ricevono circa un terzo delle loro entrate da bevande premium.

La strada della ripresa per l’industria sarà probabilmente lunga, ha detto Jarzabek. Per quanto 30% dei ristoranti non sopravviverà alla pandemia, stimano gli esperti del settore.

E sebbene bar e ristoranti “Le vendite di alcolici dovrebbero riprendersi un po ‘in 2021, Jarzabek ha detto che pensa che potrebbero volerci alcuni anni per tornare a 2021 livelli.

“Credo che ci saranno un sacco di chiusure permanenti e un sacco di marchi stanno per sparire”, ha detto.

Articolo originale di CNBC