giovedì 26 maggio 2022

L’economia del Regno Unito è una delle più vulnerabili al mondo in questo momento secondo un recente rapporto

C’è un’idiosincrasia economica nel Regno Unito che lo rende “uno dei paesi più vulnerabili al mondo in questo momento”, secondo UK Finance.

Mike Harris, il fondatore di Cribstone Strategic Macro, sostiene che un grave problema per la Gran Bretagna è che il suo mercato dei mutui è “pesantemente a breve termine”. Mentre negli Stati Uniti e in altre parti d’Europa ai cittadini piacciono i mutui a lungo termine, molti britannici optano per prestiti a breve termine inferiori a cinque anni. Sono popolari anche i mutui tracker che fluttuano con il tasso di base della Banca d’Inghilterra. mentre potrebbe non affrontare effettivamente la questione dell’inflazione. Ha spiegato che il Regno Unito è un paese che “importa inflazione”, quindi l’effetto degli aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca d’Inghilterra non è stato semplicemente un riequilibrio tra domanda e offerta che avrebbe lentamente frenato la crescita dei prezzi al consumo.

“Qui. in realtà non abbiamo a che fare con una pura situazione in cui stiamo cercando di rallentare l’economia, stiamo infine cercando di riequilibrare le aspettative e il Regno Unito è un paese che importa inflazione… Quindi non siamo effettivamente in una posizione in cui siamo liberi di concentrarci in modo efficace solo su domanda e offerta”, ha detto.

Ha aggiunto: ” Rimaniamo bloccati in una situazione in cui l’inflazione globale sta guidando la nostra inflazione in questa fase, dobbiamo colpire il consumatore e invece di limitarci a ridurre la propensione a spendere in futuro, stiamo effettivamente prelevando ulteriore denaro dal reddito familiare, il che non ‘non succede negli Stati Uniti”

La Banca d’Inghilterra ha alzato i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale giovedì, portando il suo tasso di interesse di base su t o 1%. Questo è il tasso di interesse più alto da allora 2009 ed è stato il quarto aumento consecutivo della BOE. La banca centrale prevede inoltre che l’inflazione raggiungerà il 10% quest’anno, con l’impennata dei prezzi di cibo ed energia esacerbata dalla Russia attacco non provocato all’Ucraina.

Harris ha detto di aver richiesto due volte i dati alla Banca d’Inghilterra su quanto il prestito nel paese era fissato a due anni e l’importo era fissato a cinque anni, ma ha detto che gli era stato detto che la banca centrale non conservava quelle informazioni.

Harris ha affermato che era “assolutamente folle per una banca centrale non apprezzare l’impatto economico associato a ogni aumento dei tassi”. Ha spiegato che è improbabile che il comportamento dei consumatori cambi molto in cinque anni, ma in due anni.

La situazione secondo UK Finance

Secondo i dati dell’associazione di categoria UK Finance, 1,5 milioni di contratti di mutuo a tasso fisso scadranno tra 2021, con altri 1,5 milioni che dovrebbero farlo il prossimo anno.

Nei dati diffusi venerdì, piattaforma di investimento Hargreaves Lansdown ha calcolato che qualcuno che ha effettuato il mutuo alla fine di un contratto a tempo determinato di due anni, a seguito dell’ultimo aumento dei tassi di interesse, potrebbe vedere la propria rata mensile aumentare di £ 61. Se il tasso di base ha raggiunto l’1,5%, Hargreaves Lansdown ha calcolato che potrebbe aggiungere £ 134 alle rate mensili del mutuo. Secondo un sondaggio condotto su 2 adulti britannici, condotto per conto della piattaforma ad aprile, più di un terzo delle persone faticherebbe a permettersi quei costi extra.

Harris ha detto che a causa degli attuali aumenti dei tassi “siamo in un ambiente in cui probabilmente andremo distruggere più domanda di quella che dovremmo avere perché la Banca d’Inghilterra e Mark Carney non ha svolto il proprio lavoro come avrebbe dovuto.”

Ha detto che questa dinamica era simile a quella con la Federal Reserve in 2007, poco prima dell’inizio della Crisi Finanziaria Globale, poiché “permettevano alle persone di prendere mutui quando sapevano che non avrebbero potuto rimborsarli se i prezzi delle case fossero diminuiti perché dovevano rifinanziare quindi c’è un’insostenibilità intrinseca.”

Harris ha aggiunto che il Regno Unito era ora in una fase in cui “stava affrontando la musica”.

“Direi che il Regno Unito è uno dei paesi più vulnerabili al mondo in questo momento a causa di quella dinamica e del fatto che i governatori delle banche centrali non hanno fatto nulla al riguardo, potrebbero avere ancora del tempo, ” ha detto, sostenendo che se i responsabili politici avessero i mezzi per estendere questa durata del debito ora, dovrebbero farlo “attivamente”.

Un portavoce della Banca d’Inghilterra ha rifiutato commentare, ma ha indicato alla CNBC le recenti dichiarazioni del governatore Andrew Bailey e del capo economista Huw Pill.

In passato, i mutui a termine di due anni sono stati popolari perché tendono ad essere più economici a causa del periodo di prestito più breve. Tuttavia, UK Finance ha affermato che la popolarità degli accordi quinquennali è cresciuta con il 50% dei contratti a tempo determinato in essere in 2021 con questa durata, mentre 14% avevano contratti di due anni.

I dati della Banca d’Inghilterra della scorsa settimana hanno mostrato che il tasso di interesse “effettivo” – il tasso di interesse effettivo pagato – sui nuovi mutui è aumentato di 14 punti base a 1.50% a marzo — l’aumento più grande almeno da 2016, secondo Bloomberg.

Spremere il costo della vita


Parlando a “Street Signs Europe” della CNBC venerdì, anche il capo economista della Banca d’Inghilterra Huw Pill ha sottolineato che il picco dell’inflazione è stato determinato da shock esterni.

Ha detto che era “scomodo” per la banca centrale membri dovrebbero prevedere un tasso di inflazione 10%, che è ben al di sopra del lungo termine della Banca obiettivo del 2%.

“Naturalmente quel disagio va visto nel contesto del reale impatto della compressione del costo della vita sulle famiglie e sulle imprese qui nel Regno Unito , è più doloroso per loro del disagio dal punto di vista dei politici”, ha aggiunto Pill.

Ha spiegato che la Banca d’Inghilterra stava cercando di utilizzare la politica monetaria per cercare di garantire che quei fattori trainanti dell’inflazione non si traducano in prezzi costantemente più alti e creino un ambiente stagflazionistico come quello del 134S. Ma ha detto che la banca centrale voleva riportare l’inflazione all’obiettivo senza introdurre “volatilità non necessaria nell’economia”.

Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha detto giovedì a Geoff Cutmore della CNBC che il Regno Unito stava assistendo a uno “shock senza precedenti per il reddito reale in questo paese proveniente dall’estero”, in termini di questioni commerciali.

Bailey ha anche difeso la banca centrale più cauta approccio all’aumento dei tassi di interesse, con tre membri dissenzienti del suo MPC che hanno sostenuto che la BOE dovrebbe essere più aggressiva con i suoi rialzi.


Fonte: CNBC