mercoledì 25 novembre 2020

L’euforia dei mercati americani non sembra incidere sulla disoccupazione

Mentre l’economia americana mostra segni di vita e le imprese riaprono con una crescita che si ripercuote sul lavoro, il divario tra l’economia reale e il mercato azionario rimane insolitamente ampio.

I mercati USA sono saliti venerdì anche a causa dei salari che sono aumentati di 2,5 milioni a maggio, molto più alti di quanto si aspettassero gli economisti. L’S&P 500 è ora sta risalendo verso i massimi dell’anno, nonostante sia diminuito fino a 30% pochi mesi fa durante la pandemia di coronavirus.

Nel frattempo, il tasso di disoccupazione a 13% rimane vicino al suo livello più alto nell’era del secondo dopoguerra.

“Anche con il lieve miglioramento di maggio, il tasso di disoccupazione di tutti i gruppi è ancora più alto del livello più alto che il tasso di disoccupazione complessivo ha toccato il culmine della Grande Recessione, quando raggiunse 10. 0% in 2009 “, afferma Elise Gold, economista senior presso l’Economic Policy Institute.

La crisi economica causata dalla pandemia ha danneggiato in modo sproporzionato la forza lavoro americana. Il tasso di disoccupazione tra i lavoratori di colore, ad esempio, è aumentato dello 0,1% a maggio a 16. 8%, mentre la disoccupazione tra i lavoratori bianchi è diminuita e si trova a 12. 4%.

“La ricerca ha dimostrato che tassi di disoccupazione storicamente più alti, salari più bassi, tassi di povertà più elevati e minori risparmi di liquidi rendono le perdite di posti di lavoro ancora più devastanti per i lavoratori afroamericani e le loro famiglie “, ha affermato Gold. Un’analisi di marzo 2020 di Pew Research ha rilevato che solo il 14% delle famiglie americane viene investito direttamente in singoli titoli, mentre 52% ha un certo livello di proprietà grazie a conti pensionistici come 401 (k) s. Solo il 31% delle famiglie nere e il 28% delle famiglie ispaniche sono investiti, rispetto al 61% di famiglie bianche.

I dati evidenziano quanti americani hanno perso del tutto il recente aumento dei prezzi delle azioni.

“Ci sono un sacco di persone che sono uscite da questo mercato e stiamo fuori, assumendo il presupposto che o dovremo testare di nuovo quel basso o che le cose peggioreranno, non meglio “, ha dichiarato Art Hogan, capo stratega del mercato di National Securities.