mercoledì 28 ottobre 2020

L’FBI si impadronisce del cellulare del presidente del Senato Intel Richard Burr nel mezzo di un’indagine sulle vendite di titoli del coronavirus: Rapporto

WASHINGTON – Il presidente del Comitato di intelligence del Senato Richard Burr ha consegnato il suo cellulare agli agenti dell’FBI in risposta a un mandato di ricerca che gli è stato assegnato nell’ambito di un’indagine federale sulle vendite di azioni effettuate all’inizio del scoppio del coronavirus, giovedì confermato dalla NBC.

Un portavoce di Burr ha rifiutato di commentare il mandato di ricerca quando contattato dalla CNBC, e un portavoce del Dipartimento di Giustizia non ha risposto immediatamente a un’e-mail. Il mandato è stato segnalato per la prima volta dal Los Angeles Times. Un alto funzionario delle forze dell’ordine ha confermato a NBC che l’FBI ha ottenuto il cellulare.

Burr si dimetterà come presidente del pannello di intelligence mentre la sonda è in corso, efficace venerdì, leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell ha detto giovedì.

Il sequestro del telefono di Burr mercoledì rappresenta una nuova fase di un’indagine federale sulla vendita di Burr a febbraio 13 del valore di $ 630, 000 a $ 1,7 milioni, una parte considerevole del portafoglio del senatore.

La vendita di un giorno ha coinvolto 33 le singole operazioni e si è verificata solo una il giorno dopo il Dow Jones Industrial Average ha raggiunto il massimo storico di sempre 29, 551. 42.

Una settimana dopo, a febbraio 20 i mercati hanno iniziato una ripida scivolata sulle paure che il coronavirus avrebbe paralizzare l’economia globale. Nelle settimane successive alla vendita di Burr, il Dow perse 30% del suo valore, ma da allora ha recuperato alcune di quelle perdite.

Come presidente del Comitato di intelligence del Senato, Burr ha avuto accesso a rapporti segreti di intelligence a gennaio e all’inizio di febbraio che contenevano terribili avvertimenti sul coronavirus, secondo il Washington Post, che riportava le valutazioni dell’intelligence.

Dopo anni di lavoro, Burr sta ancora ultimando il rapporto bipartisan del suo comitato sull’indagine sulla ingerenza della Russia nelle elezioni 2016.

Nuove domande sulle vendite di azioni di Burr sono sorte la scorsa settimana, quando ProPublica ha riferito che proprio il giorno in cui Burr ha venduto le sue azioni, febbraio 13, Il cognato di Burr, Trump nominato Gerald Fauth, vendette anche azioni per decine di migliaia di dollari.

Fauth è un ex consulente di trasporto, nominato dal presidente Donald Trump in 2017 per un posto sul Nati a tre membri Onal Mediation Board, un’agenzia federale che aiuta a facilitare i rapporti di lavoro per l’industria dei trasporti.

L’avvocato di Burr, Alice Fisher, ha dichiarato a ProPublica che Burr “ha partecipato al mercato azionario sulla base di informazioni pubbliche”. e che “non ha coordinato la sua decisione di commerciare il febbraio 13 con il signor Fauth.”

Secondo il Los Angeles Times, gli agenti federali avevano prestato servizio su Apple per informazioni sull’account iCloud di Burr. Hanno quindi usato queste informazioni come prova per ottenere un mandato di perquisizione da un giudice per il telefono di Burr.

Non era chiaro se anche Fauth avesse ricevuto un mandato. La CNBC ha chiamato il numero della società di consulenza di Fauth, ma non ha avuto risposta.

Ai membri del Congresso è proibito per legge l’uso di informazioni non pubbliche che ottengono attraverso le loro posizioni ufficiali al fine di trarre profitti personali dal mercato azionario. Lo STOCK Act che ha codificato questo divieto è stato firmato dal presidente Barack Obama in 2012, dopo aver approvato il Senato in un 96 -3 voto.

Burr è stato uno dei tre soli senatori che hanno votato contro lo STOCK Act.

Articolo originale di CNBC