Entra in contatto con noi

Fisco

L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche: cambiamenti e adempimenti

Pubblicato

il

Scade il termine per il pagamento dell’imposta sugli atti giuridici documentati delle fatture elettroniche emesse nel terzo trimestre 2022, che comporta l’importo dell’imposta dovuta sulle fatture del primo e del secondo trimestre, se l’importo è inferiore a 250 euro, in ”unica soluzione” con l’utilizzo del modello telematico F24 o, per gli enti governativi, con l’F24-Ep.

Fatture elettroniche: come pagare l’imposta di bollo

I pagamenti devono essere distinti per trimestri con attribuzione del codice fiscale:

Delos Gioielli
Delos Gioielli

2521 imposta di bollo sulle fatture elettroniche – primo trimestre
2522 imposta di bollo sulle fatture elettroniche – secondo trimestre
2523 imposta di bollo sulle fatture elettroniche – terzo trimestre
2525 imposta di bollo sulle fatture elettroniche – sanzioni
2526 imposta di bollo per fatture elettroniche – interessi.

Come regola generale, l’imposta di bollo sulle fatture elettroniche deve essere pagata trimestralmente. Tuttavia, se non si supera una certa soglia (tenendo conto di tutte le fatture emesse), in alcuni casi può essere riportata al trimestre successivo. Nel 2022 è stata presa come riferimento la soglia massima di 250 euro e dal 2023 tale tetto è stato innalzato a 5.000 euro.

Come si determina la data di scadenza dell’imposta di bollo?

Come regola generale, l’imposta di bollo sulle fatture elettroniche deve essere pagata trimestralmente. Tuttavia, se non si supera una certa soglia (tenendo conto di tutte le fatture emesse), in alcuni casi può essere riportata al trimestre successivo. Nel 2022 è stata presa come riferimento la soglia massima di 250 euro e dal 2023 tale tetto è stato innalzato a 5.000 euro.

Advertisement

Come sta cambiando la legge sul bollo virtuale

La modifica è contenuta nell’articolo 17 del dl 124/2019. Tenuto conto delle novità introdotte, le regole per il pagamento dell’imposta di bollo virtuale (2 euro per ogni fattura elettronica emessa) sono così modificate: se non viene superata la soglia dei 5mila euro (250 euro nel primo trimestre 2022) , dall’anno successivo sarà sempre necessario pagare alla fine del secondo mese successivo al trimestre di rendicontazione.

Scadenze per il pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche nel 2023

L’imposta di bollo viene normalmente pagata quattro volte l’anno. Tuttavia, se il valore del periodo di rendicontazione non supera i 5mila euro, i termini possono essere ridotti come segue:

imposta di bollo per il primo trimestre – può essere pagata prima della scadenza del secondo trimestre (quindi entro il 31 maggio, fine del secondo mese successivo al secondo trimestre);
Imposta sugli atti giuridici documentati per il secondo trimestre: se anche dopo tale periodo l’imposta rimane al di sotto dei 5mila euro, può essere pagata entro il termine previsto per la timbratura delle fatture elettroniche per il terzo trimestre. Poi il 30 settembre, alla fine del secondo mese successivo al terzo trimestre.
Il programma del terzo e del quarto trimestre rimane lo stesso indipendentemente dalla quantità. Quindi paga a novembre o febbraio dell’anno successivo.

Periodo di riferimento Scadenza se il bollo supera i 5mila euro Scadenza se il bollo non supera i 5mila euro
Primo trimestre 31 maggio 30 settembre
Secondo trimestre 30 settembre 30 novembre
Terzo trimestre 30 novembre
Quarto trimestre 28 febbraio dell’anno dopo

 

Advertisement

Per il primo e il secondo trimestre di quest’anno la soglia di differimento è rimasta a 250 euro. Tuttavia, nella seconda parte dell’anno non è stata offerta la possibilità di pagamento differito (e non lo è ancora dopo il Decreto Semplificazioni). Pertanto, in sostanza, la proroga con la nuova soglia di 5.000 euro si applicherà a partire dal primo trimestre 2023.

Advertisement

Trending