Entra in contatto con noi

Attualità

L’inquinamento fa male anche al cervello: correlazioni con l’insorgere della demenza

Pubblicato

il

Potrebbe esserci una correlazione tra inquinamento atmosferico e rischio di demenza: uno studio comparativo pubblicato sul Medical Journal dell’American Academy of Neurology ha trovato un legame tra l’esposizione alle particelle fini e lo sviluppo di malattie neurodegenerative.

La meta-analisi mette a confronto tutti gli studi attualmente disponibili sul rischio di inquinamento atmosferico e demenza e individua una possibile correlazione nei casi di esposizione al particolato fine (PM 2,5) presente in particelle di diametro inferiore a 2,5 micron nell’aria inquinata dal traffico.

“Man mano che le persone continuano a vivere più a lungo, condizioni come la demenza diventano più comuni, quindi trovare e comprendere i fattori di rischio prevenibili è la chiave per rallentare la crescita di questa malattia”, ha affermato l’autore principale Ehsan Abolhasani della Western University di Londra, in Canada. “Un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha mostrato che oltre il 90% della popolazione mondiale vive in aree con livelli di inquinamento atmosferico superiori a quelli raccomandati. I nostri risultati forniscono ulteriori prove per far rispettare gli standard di qualità dell’aria e accelerare la transizione dai combustibili fossili all’energia sostenibile”.

L’inquinamento atmosferico provoca demenza?

Lo studio è un’analisi comparativa di 17 studi effettuati su un gruppo di persone con un’età media superiore ai 40 anni. La somma degli uomini e delle donne che hanno partecipato a tutti gli studi dà una cifra che preoccupa più di 91 milioni di persone: 5,5 milioni di loro hanno sviluppato la demenza. Tenendo conto di una serie di fattori che possono condizionare l’insorgenza della malattia, come l’età, il sesso, l’istruzione o abitudini come il fumo, lo studio mostra che nel 6% dei casi l’esposizione alle polveri sottili può essere associata all’insorgenza di demenza.

Advertisement

I dati sono supportati dal fatto che le persone che non hanno sviluppato la malattia hanno avuto un’esposizione media giornaliera agli inquinanti atmosferici inferiore rispetto a quelle che hanno sviluppato la demenza.

I dati della US Environmental Protection Agency (EPA)

Riportano che un’esposizione media annua di 12 microgrammi per metro cubo, gli scienziati dietro la meta-analisi hanno scoperto che per ogni microgrammo per metro cubo di esposizione alle polveri sottili, il rischio aumenta di 3%.

Lo studio, secondo gli autori, necessita di approfondire e confrontare più materiali, ma se non è possibile stabilire una relazione tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico da PM2,5 e lo sviluppo della demenza, è sicuramente possibile trovare una relazione tra i due fattori: “Sebbene la nostra meta-analisi non dimostri che l’inquinamento atmosferico causi demenza, mostra solo un collegamento, speriamo che questi risultati consentano alle persone di svolgere un ruolo attivo nel ridurre la loro esposizione all’inquinamento”, ha affermato Abolhasani. “Comprendendo il rischio di sviluppare demenza a causa dell’esposizione all’inquinamento atmosferico, le persone possono adottare misure per ridurre la propria esposizione, come utilizzare l’energia in modo sostenibile, scegliere di vivere in aree con livelli di inquinamento più bassi e sostenere la riduzione dell’inquinamento da traffico nelle aree residenziali”.

Gli autori del documento hanno anche confrontato i dati sull’esposizione ad altri inquinanti, come il biossido di azoto e l’ozono, e hanno notato che in assenza di particolato, queste classi di inquinanti specifici per lo smog non causano un aumento significativo del rischio.

Advertisement
Advertisement