lunedì 23 novembre 2020

L’investitore di New York presenta una causa contro la Bay Co di Hudson e il presidente Richard Baker per un accordo di acquisizione

Un azionista di minoranza di Hudson’s Bay Co. ha intentato una causa contro il rivenditore e il suo presidente Richard Baker, accusandoli di sopprimere il valore delle sue azioni per aiutare a facilitare l’offerta di Baker di prendere la società privata.

Ortelius Advisors, che ha affermato di possedere una partecipazione dello 0,5 per cento nella baia di Hudson, ha presentato una dichiarazione di reclamo alla Corte superiore di giustizia dell’Ontario giovedì. La causa cerca danni non specificati e per bloccare l’affare, tra le altre misure.

I doveri di Baker come presidente sono stati “inesorabilmente compromessi” una volta che ha sollevato l’idea di prendere la società privata in , Peter DeSorcy, amministratore delegato di Ortelius, una società di investimento con sede a New York, ha dichiarato in una dichiarazione via e-mail.

“I suoi interessi non erano più allineati con gli investitori di minoranza nel massimizzare il valore per gli azionisti, ma nel ridurre al minimo il prezzo di acquisto per gli azionisti continui “, ha affermato DeSorcy nella dichiarazione.

La causa è l’ultima salva nella battaglia per il rivenditore in difficoltà a Toronto , che ha anche ricevuto un’offerta di acquisizione da parte della società di private equity Catalyst Capital Group Inc. Baker ha dichiarato di voler ribaltare l’attività al di fuori del bagliore dei mercati pubblici.

I rappresentanti di Baker e HBC erano non immediatamente disponibile per un commento.

La causa sostiene che l’azienda ha abbinato notizie positive a misure per sopprimere sto ck guadagna e riduce drasticamente il valore che attribuisce ai suoi beni immobili, inclusa la sua proprietà di punta Saks Fifth Avenue a New York.

Offerta concorrente

Baker e i suoi soci, che insieme detengono una partecipazione 57 per cento nella Hudson’s Bay, hanno concordato di acquistare il rivenditore canadese a giugno 10 per circa $ 1,9 miliardi. Il gruppo ha affermato che non venderebbe la propria partecipazione ad altri acquirenti, cosa che DeSorcy ha detto che impedisce agli azionisti di minoranza di realizzare il valore equo delle loro azioni.

“Sapeva che l’esistenza di questo consorzio avrebbe scoraggiato le offerte concorrenti sorgono, ammanettare qualsiasi comitato speciale impedendogli di essere in grado di accettare mai qualsiasi proposta superiore e garantire che nessuna offerta concorrente possa mai procedere “, ha detto DeSorcy nell’e-mail.

Ortelius ha sottolineato alla proposta acquisizione della società da parte di Catalyst il mese scorso per $ 11, un 70 – premio per azione per azione rispetto all’offerta del gruppo Baker. Hudson’s Bay ha respinto tale offerta, citando la riluttanza del gruppo Baker a vendere ad un altro acquirente come parte della sua logica.

“In breve, il comitato speciale ha confermato che nessuna offerta può essere una proposta superiore dato il opposizione degli addetti ai lavori alla vendita delle loro azioni “, afferma la causa. “Di conseguenza, non esiste alcun meccanismo per gli azionisti di minoranza di ricevere un valore equo di mercato.”

Real Estate

Ortelius ha dichiarato che nella causa è iniziata costruire la propria partecipazione nella baia di Hudson 2017, in parte a causa del valore che la società attribuiva al proprio patrimonio immobiliare. Tali stime sono state drasticamente ridotte all’inizio di quest’anno quando la società ha approvato l’offerta del gruppo Baker.

Ortelius accusa la Baia di Hudson di aver fatto diverse dichiarazioni false e omissioni nei documenti sul contratto, incluso il motivo per cui ha attribuito un valore di $ 2 . 16 miliardi al suo flagship store Saks Fifth Avenue, circa $ 2 miliardi in meno di quanto non fosse precedentemente valutato.

Hudson’s Bay ha affermato che il declino del valore è dovuto ai problemi della vendita al dettaglio e degli affitti mobili in un quartiere commerciale di alto profilo di Manhattan.

Ortelius sostiene anche nella causa che la vendita della sua divisione europea a giugno per 1,5 miliardi di dollari avrebbero dovuto raddoppiare il valore delle azioni di Hudson’s Bay se non fossero state seguite cinque minuti dopo dalla notizia dell’offerta originale del gruppo Baker di acquistare la società per $ 9. 45 una condivisione. Ortelius ha affermato che i guadagni limitati a 40 per cento.

DeSorcy ha affermato che le azioni erano “equivalenti a un under. “

” La sua offerta di privatizzare Hudson’s Bay con un presunto “premio sostanziale” era fondamentalmente uno “sconto sostanziale” “, ha affermato.

Bloomberg.com

Come riportato da Financial Post