mercoledì 28 ottobre 2020

L’investitore Paul Meek revisiona la strategia tecnologica a causa dei rischi di coronavirus, diventa negativo su due titoli ampiamente detenuti

Paul Meeks sta rielaborando la sua strategia di investimento a causa dei rischi di coronavirus.

L’investitore tecnologico di lunga data si è recentemente separato da due delle sue scelte migliori: Mastercard e Visa .

“Richiedono molte commissioni, molte transazioni faccia a faccia in luoghi come hotel, bar e ristoranti e non vedo che ciò accada”, il portfolio manager di Independent Solutions Wealth Management ha dichiarato venerdì “ Trading Nation ” di CNBC.

la decisione è giunta prima che la stagione degli utili del primo trimestre per la tecnologia prendesse il massimo.

Meeks, noto per aver gestito il più grande fondo tecnologico del mondo durante il boom delle dot-com e il successivo crollo, ha anche osservato i due giganti delle carte di credito stavano diventando troppo costosi prima ancora che emergesse la pandemia di coronavirus.

Le scorte di Mastercard erano aumentate 58% in 2019 mentre Visa ha recuperato 42%. Finora quest’anno sono entrambi in calo di poco 10%.

“Molte persone non si rendono conto che nella maggior parte degli indici tecnologici, in cui gestori attivi come me confrontano noi stessi, Mastercard e Visa sono quote molto grandi”, ha detto. “Preferirei uscire fino a quando le cose miglioreranno e metterei i nostri soldi in qualcosa che andrà meglio durante il coronavirus e dopo il coronavirus.”

Meeks è stato ribassista sulla tecnologia nel complesso per più di anno. Tuttavia, vede un paio di tasche di opportunità.

Vede servizi cloud società Akamai come un buon acquisto in questo momento perché beneficia della ripresa nello spazio di e-commerce, in particolare Amazon .

“Stanno velocizzando Internet. Stanno aumentando la sicurezza di Internet. Due temi molto validi, “ha aggiunto Meeks.

Gli piace anche Taiwan Semiconductor come lungo termine giocare e come azienda tecnologica di base. Crede che il produttore di chip sia ben posizionato in un ambiente competitivo. Inoltre, Meeks nota che paga un dividendo solido rispetto ai suoi pari.

Meeks non vede troppe opportunità oltre quei nomi. Alla fine di febbraio, ha avvertito su “Trading Nation” che il coronavirus potrebbe innescare un mercato orso nella tecnologia .

Da allora, non ha visto alcun miglioramento materiale.

“Ho bisogno di sentirmi meglio sul fatto che il consenso sia realistico quando la nostra economia negli Stati Uniti tornerà a pieno vigore. Non credo che siamo in una ripresa a forma di V “, ha detto Meeks. “Sfortunatamente, penso che questo grande [market] raduno che abbiamo avuto da marzo 23 sia basato su credenti nella ripresa a forma di V. Ho bisogno che siano più realistici, e poi sarò più realistico riguardo all’aggiunta di denaro ai portafogli. “

Informazioni: Paul Meeks possiede azioni di Amazon, Akamai Technologies e Taiwan Semiconductor.

Esclusione di responsabilità

Articolo originale di CNBC