Entra in contatto con noi

Lifestyle

L’Italia conquista la CNN con una ricerca sui danni causati dai cibi ultraprocessati

Pubblicato

il

I prodotti alimentari si caratterizzano non solo per la loro composizione e proprietà nutritive, ma anche per il grado di lavorazione a cui sono sottoposti. Quest’ultimo elemento è essenziale per comprendere il reale impatto degli alimenti sulla salute e la sua etichettatura aiuterà i consumatori a prendere decisioni più consapevoli.

Il processo di lavorazione potrebbe generare cibi non buoni per la nostra salute

Sono i risultati di uno studio italiano condotto dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) in collaborazione con Università dell’Insubria di Varese e Como, Università di Catania e Mediterranea Cardiocentro di Napoli. Uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista  British Medical Journal, che gli dedica anche un editoriale, ha esplorato quale aspetto della nutrizione predice meglio il rischio di mortalità. I ricercatori hanno tracciato per 12 anni lo stato di salute di oltre 22.000 persone che partecipano al progetto epidemiologico Moth Health e lo hanno correlato con le loro abitudini alimentari, tenendo conto sia degli aspetti nutrizionali che di quelli legati al grado di trasformazione degli alimenti.

Lo studio tutto italiano che conquista gli USA

I ricercatori dello studio dicono: “I nostri risultati confermano che il consumo di alimenti di bassa qualità nutrizionale e altamente trasformati aumenta notevolmente il rischio di mortalità, in particolare per le malattie cardiovascolari, tuttavia, se si tiene conto sia del contenuto nutritivo della dieta che del grado di lavorazione industriale, troviamo che quest’ultimo aspetto è il più importante per identificare un aumento del rischio di mortalità, infatti più di 80 % degli alimenti classificati dal Nutri-Score come malsani sono anche ultra-lavorati, il che suggerisce che l’aumento del rischio di mortalità non è direttamente (o esclusivamente) correlato alla scarsa qualità nutrizionale di alcuni alimenti, ma al fatto che sono anche troppo elaborato. Si stima che un decesso su cinque nel mondo sia dovuto alla malnutrizione, per un totale di 11 milioni di morti l’anno. Ecco perché il miglioramento delle abitudini alimentari è in cima alla lista delle priorità delle agenzie di salute pubblica e dei governi di tutto il mondo”.

Una soluzione suggerita per fare scelte alimentari più sane è utilizzare un sistema di etichettatura dei prodotti , già da tempo utilizzate volontariamente in alcuni paesi europei come Francia e Spagna, sono attualmente al vaglio della Commissione Europea, che vorrebbe definire un sistema unico da applicare in tutti gli Stati membri. .Nutri-Score, sviluppato in Francia, è considerato uno dei preferiti. Il sistema valuta il valore nutritivo di un prodotto (ad esempio grasso, sale, fibra, ecc.) su una scala di cinque colori, dal verde (alimento più salutare) al rosso, che corrispondono alle prime cinque lettere dell’alfabeto, A B C D e.

Advertisement

Lo studio è stato ripresa anche dalla CNN e molto seguito dai media USA

La qualità nutrizionale non è l’unico fattore da considerare

La classificazione NOVA, in particolare, invece di classificare gli alimenti in base alle loro caratteristiche nutrizionali, guarda quanto quel cibo è stato trasformato a livello industriale. Il sistema NOVA identifica nello specifico i cosiddetti alimenti ultra-processati, ovvero quegli alimenti che sono parzialmente o totalmente costituiti da sostanze che normalmente non vengono utilizzate in cucina (idrolizzati proteici, maltodestrine, grassi idrogenati…) e che normalmente contengono vari additivi come coloranti, conservanti, antiossidanti, antiagglomeranti, esaltatori di sapidità ed edulcoranti.

Questa categoria include bevande zuccherate e gassate, pasticcini preconfezionati, creme spalmabili, oltre a oggetti ovviamente inaspettati come cracker, alcuni cereali per la colazione, cracker e yogurt alla frutta. Secondo il sistema NOVA, proposto dieci anni fa da un gruppo di ricercatori brasiliani, un pezzo di carne è preferibile a un hamburger vegano, semplicemente perché il primo non è stato manipolato industrialmente e probabilmente non contiene additivi alimentari, e il secondo è il risultato di una complessa lavorazione industriale, al termine della quale la percentuale di cibo che rimane intatta diventa minima.

Advertisement
Advertisement