Entra in contatto con noi

Attualità

L’Italia è il Paese dell’anno secondo Economist

Pubblicato

il

L’Economist riconosce all’Italia il titolo di Paese dell’anno grazie all’impegno di Mario Draghi , definito  un Premier competente e rispettato”

Il settimanale Economist attribuisce questo riferimento all’Italia non per i suoi successi agli europei di calcio o delle sue pop star all’Eurovisione, ma per la sua politica, infatti definisce il premier “competente e rispettato a livello internazionale… auguroni!. Con Mario Draghi, ha acquisito un primo ministro competente, rispettato internazionalmente. Per una volta un’ampia maggioranza dei suoi politici ha sepolto le differenze per sostenere un programma di approfondite riforme, il che porterà l’Italia ad avere i fondi che le spettano nel recovery plan dell’Ue. Il tasso di vaccinazione Covid dell’Italiaè fra i più alti d’Europa. E dopo un difficile 2020, la sua economia si sta riprendendo più velocemente che in Francia o Germania. C’è un pericolo che questo inusuale buon governo possa essere reversibile. Draghi vuole diventare presidente, un ruolo più cerimoniale, e potrebbe succedergli un primo ministro meno competente. Ma è difficile negare che l’Italia sia un posto migliore che nel dicembre 2020. Per questo è il nostro paese dell’anno. 

L’Economist aveva prima ricordato di aver spesso criticato l’Italia “per la scelta dei leader, come Silvio Berlusconi (che aveva definito ‘unfit’ negli anni scorsi, ndr), che potrebbe aver utilmente seguito l’ammonimento della canzone vincitrice dell’Eurovisione di stare ‘zitti e buoni’. A causa di una debole governance , gli italiani erano più poveri nel 2019 di quanto lo fossero nel 2000. Tuttavia quest’anno l’Italia è cambiata”.

Il Belpaese si fa notare nel mondo no solo per l‘export, per la moda e il design ma anche per il suo sapersi reinventare nella politica e nel sapere affrontare le emergenze durante un biennio di pandemia non facile da gestire e con aggravanti economiche importanti. L’Italia non pagherà lo stesso scotto degli altri paesi dell’UE grazie al suo piano per le vaccinazioni che gli stanno garantendo un Natale in alert ma abbastanza sereno.