giovedì 06 maggio 2021

Lo stock Target sembra un vincitore a breve e lungo termine

Non molto tempo fa Target (NYSE: TGT ) sembrava che fosse nei guai e le azioni TGT erano “denaro morto”.

Tra 2013 e 2018, con solo poche eccezioni, azioni TGT scambiate tra $ 60 e $ 80. La mancanza di rendimenti non stava accadendo perché il mercato stava ignorando Target, uno dei maggiori rivenditori del paese. È stato un effetto diretto di risultati relativamente deboli.

Da FY 2012 a FY 2017 (gli anni fiscali target terminano all’inizio del febbraio successivo), entrate totali di Target non si mosse. Alcuni modesti impatti esterni, come la vendita di cliniche farmaceutiche e le modifiche contabili, hanno fatto deprimere le entrate. Ma le vendite comparabili sono state incredibilmente deboli, compresi i cali nel FY 2013 e FY 2016.

Le vendite nello stesso negozio sono la linfa vitale di un rivenditore, e in particolare un rivenditore maturo come Target. La debole performance dell’azienda ha suggerito che non stava tenendo il passo con il panorama in evoluzione della vendita al dettaglio, in cui l’e-commerce ha conquistato quote di mercato sempre più elevate.

Target ha iniziato a recuperare il ritardo qualche anno fa. Ha speso molto per costruire la propria attività “omnicanale”. Ed è riuscita.

Le vendite nello stesso negozio sono aumentate. I margini di profitto si stanno espandendo. E le azioni TGT sono circa triplicate a oltre $ 200 per azione.

La cosa veramente emozionante è che il rally non è ancora finito.

Comprensione il modello di vendita al dettaglio Lo stesso motivo per cui Target ha lottato per anni nell’ultimo decennio è lo stesso motivo per cui sta andando così bene in questo decennio.

Il modello di vendita al dettaglio non è facile. Comprende un’enorme quantità di costi fissi, affitto e manodopera. Inoltre, non è enormemente redditizio come percentuale delle vendite complessive.

Quindi le vendite nello stesso negozio, in particolare, hanno un enorme impatto sulla redditività complessiva. Target è un esempio istruttivo.

Utile operativo di Target nel FY 2020 rappresentava poco più del 7% delle vendite totali. E questa è in realtà una cifra carina buona per gli standard della vendita al dettaglio di grandi dimensioni . I suoi margini lordi erano 28. 4%.

Prendiamo quel modello e tagliamo le entrate ($ 92. 4 miliardi l’anno scorso) da 10%. Tutti i costi fissi vengono mantenuti uguali. Quel $ 75. 4 miliardi di entrate perse riducono l’utile lordo di $ 2,6 miliardi ( quando Target gira 20. 4 centesimi di ciascuno dollaro nell’utile lordo).

Quella cifra è maggiore di 40% dell’utile ante imposte totale della società lo scorso anno, escluso un addebito non in contanti relativo al ritiro del debito.

La matematica funziona anche nell’altro modo, ovviamente. Aumenta le entrate del % e pre -utile fiscale guadagni più di 40%.

Questa matematica è troppo semplicistico, è vero. Ma il punto generale è valido. Il modello di vendita al dettaglio ha la cosiddetta “leva operativa”. I movimenti delle entrate sono amplificati dal tempo in cui raggiungono la linea di fondo.

Questo è il motivo per cui, ad esempio, abbiamo assistito a così tanti fallimenti nei negozi fisici di recente, anche prima della nuova pandemia di coronavirus. Le vendite non sono crollate improvvisamente 75% per alcune di queste società. Ma non dovevano. Perdi traffico incrementale e vendite incrementali, ei profitti si trasformano in perdite relativamente rapidamente.

The Stimulus Boost for Target Ovviamente, quando aggiungi quel traffico incrementale, la redditività salta in fretta.

Anche qui , Target è istruttivo. FY 2020 le entrate sono aumentate di poco 20%, grazie in parte alle forti vendite online guidate dalla pandemia. L’utile per azione rettificato è aumentato del 47%, anche con la società affrontando costi significativi per affrontare la pandemia e l’enorme balzo della domanda di e-commerce.

Ovviamente, la crescita rallenterà nel FY 2021. 2020 è stato un anno insolito per ogni rivenditore, anzi per ogni azienda.

Ma c’è un impulso a breve termine in arrivo: controlli degli stimoli governativi. Tali controlli dovrebbero supportare la domanda al dettaglio. E dovrebbero portare a risultati migliori del previsto per Target nella prima metà dell’anno fiscale 2021.

La performance di Target quest’anno, in particolare quando arriveremo al secondo trimestre, sembrerà potenzialmente debole data l’enorme crescita dell’anno precedente. Ma lo stimolo può compensare parte di quella pressione e potenzialmente portare a battiti di guadagno che possono essere un catalizzatore per le azioni TGT.

Il caso a lungo termine per le azioni TGT Sebbene lo stimolo sia una buona notizia, non è certamente un motivo a lungo termine per investire in azioni TGT. È più una tesi commerciale.

E qui ci concentriamo sul caso a lungo termine. È anche forte.

La performance degli ultimi due anni evidenzia due fattori chiave da ricordare.

Innanzitutto, come abbiamo notato, il modello di Target mostra una leva operativa impressionante. Era vero l’anno scorso e l’anno prima, quando le vendite nello stesso negozio finalmente hanno accelerato. Il 4% o il 5% delle vendite nello stesso negozio potrebbe non sembrare molto, ma possono generare una crescita a due cifre degli utili per azione, ed è questo che conta davvero.

Secondo , ovviamente il turnaround di Target ha preso piede. L’azienda è tornata alla leadership nella vendita al dettaglio negli Stati Uniti. E una crescita esplosiva online significa che un e-commerce più ampio è un vantaggio per la sua linea principale, invece della minaccia che sembrava essere solo un paio di anni fa.

In una certa misura , il mercato ha individuato questi due importanti pilastri del caso toro. Ancora una volta, il TGT è quasi triplicato. Ciò è in parte dovuto al fatto che gli investitori stanno applicando un multiplo degli utili più elevato alle azioni TGT.

Ma un 21 x guadagni a termine multipli difficilmente rende il magazzino costoso. È un multiplo che non si traduce in aumenti costanti, costanti ea doppia cifra delle entrate.

Questo è ciò di cui Target ha dimostrato di essere capace. Finché l’esecuzione continua, c’è un rialzo a lungo termine nel titolo Target.

alla data di pubblicazione, né Matt McCall né il membro del personale di ricerca di InvestorPlace principalmente responsabile di questo articolo hanno ricoperto (direttamente o indirettamente) alcuna posizione nei titoli menzionati nell’articolo.

Matthew McCall ha lasciato Wall Street per aiutare effettivamente investitori – mettendoli nel mondo

(Articolo proveniente da Fonte Americana)