venerdì 23 ottobre 2020

Lotta di Big Pharma contro la pandemia di coronavirus: buone notizie e cattive notizie

                                     

                                                                                          

La battaglia per sconfiggere il coronavirus sarà vinta. Ma la vittoria non arriverà rapidamente come chiunque vorrebbe.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Big Pharma sta “lavorando tutto il giorno” per combattere la nuova pandemia di coronavirus. Questo è stato il primo punto principale che Steve Ubl, presidente e CEO di Pharmaceutical Research and Manufacturers of America (PhRMA), ha espresso nei suoi commenti in una teleconferenza mercoledì sera delineando i passi che l’industria farmaceutica sta prendendo riguardo alla crisi sanitaria globale

Ubl è stato unito alla chiamata da dirigenti di GlaxoSmithKline ( NYSE: GSK ) , Eli Lilly ( NYSE: LLY ) , Pfizer ( NYSE: PFE ) , Sanofi ( NASDAQ: SNY ) e Takeda Pharmaceutical ( NYSE: TAK ) . Ci sono sia buone che cattive notizie sulla battaglia dell’industria farmaceutica contro il coronavirus.

Fonte immagine: Getty Images.

Buone notizie

La migliore notizia di tutte è stata che Ubl ha affermato di essere “fiducioso che il nostro settore raggiungerà l’obiettivo condiviso di sconfiggere il virus”. Ha elencato quattro sforzi specifici che i membri del PhRMA, il gruppo commerciale dell’industria farmaceutica, stanno compiendo proprio ora nella lotta contro la malattia di coronavirus COVID – 19.

  1. Aiutare a sviluppare la diagnostica per determinare se gli individui sono infetti dal nuovo coronavirus.
  2. Screening dei farmaci esistenti per identificare potenziali alternative di trattamento per COVID – 19.
  3. Sviluppo di nuove terapie per colpire COVID – 19.
  4. Sviluppo di vaccini per immunizzare contro la nuova infezione da coronavirus.

Sono coinvolti diversi produttori di droga in modi diversi in questi sforzi. Daniel Skovronsky di Lilly ha affermato che la sua azienda sta lavorando con lo stato dell’Indiana per accelerare i test nello stato e sta pilotando centri di test drive-through. Clemente Lewin con Sanofi ha notato che il grande farmacista sta valutando il Kevzara, un farmaco già approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide, come potenziale trattamento per la polmonite causata da COVID – 19.

Diverse aziende farmaceutiche stanno sviluppando nuove terapie antivirali per colpire COVID – 19. Ad esempio, Julie Kim di Takeda ha sottolineato il lavoro che la sua azienda sta facendo per ricercare un farmaco iperimmune in grado di fornire protezione contro l’infezione da coronavirus.

Altri sperano di muoversi COVID – 19 vaccini in test clinici nel prossimo futuro. Pfizer ha associato a piccola biotecnologia BioNTech a sviluppare un vaccino sperimentale che potrebbe passare a uno studio clinico di fase 1 a fine aprile.

Ubl ha sottolineato che l’industria è stata in grado di muoversi così rapidamente a causa degli anni di ricerca e sviluppo in cui i produttori di droga hanno investito. E mentre queste aziende sono in attività per realizzare un profitto per il loro azionisti, Ubl ha detto che “non pensa che l’accessibilità economica sarà un problema” con qualsiasi terapia o vaccino efficace contro COVID – 19.

Cattive notizie

Ora per le cattive notizie. Sebbene nessuno sulla chiamata PhRMA lo abbia dichiarato direttamente, gli sforzi che sono in corso da parte dei produttori di droga potrebbero non produrre frutti abbastanza rapidamente da aiutare molto con l’attuale pandemia.

Quando è stato chiesto quanto tempo sarebbe trascorso prima che un farmaco o un vaccino fosse disponibile al di fuori degli studi clinici, non c’era una risposta calda e confusa. Julie Kim ha detto che Takeda spera di avere una terapia pronta entro le nove 18 mesi. Mikael Dolsten di Pfizer ha notato che i vaccini impiegheranno più tempo a testare i farmaci antivirali.

Il problema è che il peggio dell’epidemia di coronavirus potrebbe essere superato prima che vengano sviluppati trattamenti o vaccini, troppo tardi per aiutare molto. La Cina ha già iniziato a segnalare meno nuovi COVID – 18 casi meno di tre mesi dopo che il romanzo coronavirus è stato identificato per la prima volta come la causa di una grave malattia nel paese.

Un altro potenziale problema per i produttori di droga riguarda studi clinici su altri farmaci non correlati agli sforzi del coronavirus. Thomas Breuer, Chief Medical Officer di GSK Vaccines, ha riconosciuto che la sua azienda non sta reclutando per ulteriori pazienti negli studi sui vaccini in corso in paesi che sono effettivamente bloccati a causa della pandemia di coronavirus.

Una speranza a breve termine

Nel complesso, i dirigenti dell’industria farmaceutica sembravano cautamente ottimisti mentre cercavano di non sottovalutare le sfide. Sia Steve Ubl che Dolizer di Pfizer hanno fatto riferimento a quella che potrebbe essere la migliore speranza a breve termine nella lotta contro il coronavirus – Gilead Sciences ( NASDAQ: GILD ) remdesivir farmaco antivirale.

Ubl ha osservato che remdesivir “viene ampiamente utilizzato” con pazienti già in studi clinici. Ha aggiunto che i risultati degli studi sul farmaco sono attesi “in un periodo di tempo molto breve”, probabilmente ad aprile. Dolsten ha anche detto che c’è molto interesse nel vedere l’efficacia di remdesivir nel trattamento di COVID – 19.

Le azioni farmaceutiche hanno subito un pestaggio con il crollo del mercato alimentato dal coronavirus, comprese le azioni della maggior parte delle società rappresentate nella teleconferenza PhRMA di mercoledì . È probabile che ci sia una volatilità continua per un po ‘per tutte le azioni.

Ma i produttori di droga stanno lavorando a stretto contatto con i governi e tra di loro per accelerare lo sviluppo di trattamenti e vaccini efficaci per COVID – 19. Qualunque sia la prima organizzazione a lanciare prodotti che fanno la differenza nella lotta contro il coronavirus, tutti nel mondo saranno vincitori grazie ai loro sforzi.

Nota del redattore: una versione precedente di questo articolo affermava che Thomas Breuer era Chief Medical Officer di GlaxoSmithKline. In realtà è CMO dei vaccini GSK. Il Matto si rammarica per l’errore.

                                                                                                                                                                                                                 Keith Speights possiede azioni di Gilead Sciences e Pfizer. Il Motley Fool possiede azioni e raccomanda Gilead Sciences. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

Articolo originale di Fool.com