martedì 22 giugno 2021

L’ufficio delle imposte sul reddito dell’India respinge le richieste di imposta sul coronavirus sui super ricchi

Le persone bloccano l’area del segno bianco rotondo e mettono in baccello le verdure durante il primo giorno di un 21 – giorno di blocco imposto dal governo a livello nazionale come misura preventiva contro il COVID – 19 coronavirus in Calcutta a marzo 25, 2020.

Debajyoti Chakraborty | NurPhoto | Getty Images

Dipartimento delle imposte sul reddito dell’India domenica ha respinto un documento che raccomandava di tassare i super ricchi come parte degli sforzi del governo per evitare la crisi economica causata dalla pandemia di coronavirus.

L’India ha esteso il suo blocco fino al 3 maggio e questo ha bloccato la maggior parte delle attività economiche nel paese. Le entrate fiscali dirette e indirette del governo dovrebbero diminuire a seguito di tali restrizioni.

Un gruppo di circa 50 ufficiali dell’Indian Revenue Service, che ha un ruolo nella raccolta di imposte dirette per il dipartimento delle imposte sul reddito, si raccomanda di aumentare l’aliquota fiscale più alta al 40% per le persone che guadagnano sopra 10 milioni di rupie indiane (circa $ 131, 090) in un anno. Hanno anche chiesto una tassa sul patrimonio per coloro che hanno un patrimonio netto di 50 milioni o più di rupie.

Il documento è stato inviato al Consiglio centrale delle imposte dirette, un consiglio statutario del Dipartimento delle entrate del ministero delle finanze indiano. È stato anche condiviso su Twitter dalla Indian Revenue Service (IRS) Association.

“In tempi come questi, i cosiddetti” super ricchi “hanno un obbligo maggiore di garantire il bene pubblico più ampio”, hanno detto gli ufficiali sul giornale.

“La maggior parte dei ricchi ha ancora il lusso di lavorare da casa e i ricchi possono ricorrere alla propria ricchezza per far fronte allo shock temporaneo”, hanno aggiunto.

Il Dipartimento delle imposte sul reddito ha rapidamente respinto la proposta.

Il dipartimento ha detto che il consiglio di legge non ha mai chiesto all’Associazione IRS o a quei funzionari di preparare tale un rapporto, e ha affermato che le proposte nel documento non “riflettono le opinioni ufficiali del CBDT / Ministero delle finanze in alcun modo”.

Gli ufficiali che hanno reso pubblico il rapporto sono stati una violazione delle regole di condotta e delle indagini venivano fatte, diceva.

Gli agenti hanno anche raccomandato un supplemento per le società straniere che hanno una “stabile organizzazione in India”.

Le entrate generate dalle proposte dovrebbero essere utilizzate per progetti specifici identificati dal governo che probabilmente avranno “un impatto decisivo sul rilancio dell’economia”, ha aggiunto il rapporto.

Hanno anche suggerito una sola volta Covid – 19 imposta di sgravio del 4% per le persone che guadagnano più di 1 milione di rupie all’anno, insieme ad altre misure.

Gli ultimi dati del ministero della salute hanno mostrato che c’erano almeno 27, 892 casi confermati di infezione e 872 persone sono morte.

Articolo originale di CNBC