Entra in contatto con noi

Mercati americani

L'ultimo inciampo di Goldman Sachs dà il comando a Morgan Stanley

Pubblicato

il

Per notizie commerciali ed economiche più nitide e approfondite, iscriviti a Il vantaggio quotidiano notiziario. È completamente gratuito e ti garantiamo che imparerai qualcosa di nuovo ogni giorno.

Goldman Sachs ha il suo David, ma Morgan Stanley è il Golia dell’investment banking di Wall Street.

La contrazione dell’economia, ovviamente, si è fatta sentire nei risultati che Goldman Sachs e Morgan Stanley hanno rilasciato martedì mattina. Ma il modo in cui quest’ultimo ha gestito la recessione è l’ultima prova che Goldman è davvero l’ex… re delle banche d’investimento.

Quarto duro, fratello

I risultati del quarto trimestre di Goldman per il 2022 sono stati i peggiori in oltre un decennio, mancando di molto le stime sugli utili dopo che i profitti sono diminuiti del 70% rispetto allo stesso periodo del 2021, un calo che arriva una settimana dopo che il CEO David Solomon ha licenziato più di 3.200 banchieri . Tutto sommato, i risultati di martedì riflettevano il viaggio ormai abbandonato di Solomon verso la trasformazione di Goldman in un operatore bancario di consumo. Puoi quasi perdonare il sorriso schadenfreude del capo di Morgan Stanley, James Gorman.

Advertisement

Anche Gorman, il cui regno di 12 anni è stato una crociata contro il dominio di Goldman, ha visto i suoi profitti diminuire per l’ultimo trimestre del 2022, ma è riuscito a battere le stime di Wall Street grazie a prestazioni sorprendentemente forti delle divisioni di gestione patrimoniale e commerciale della banca, il tipo di sedia a sdraio riorganizzazione che fu perfezionata da Goldman sotto i predecessori di Solomon.

  • La reazione del mercato ai risultati dicotomici è stata discreta, con le azioni Goldman in calo del 6,4% nel corso della giornata e le azioni Morgan in aumento del 5,9%, ampliando il vantaggio di mercato di Gorman su Solomon
  • Solomon non è in grado di contrattaccare. Citando una prospettiva incerta per il 2023, Goldman ha messo da parte 1 miliardo di dollari per tamponare perdite impreviste nel nuovo anno, mentre Morgan ha messo da parte… meno: 87 milioni di dollari.

Il momento non è stato perso per i giocatori principali. “Nel complesso, il 2022 è stato un anno forte per l’azienda”, ha detto Gorman in una dichiarazione che accompagna i risultati, mentre Solomon, pressato da un analista su una chiamata sugli utili, è stato comicamente sottostimato: “Non tutto è andato alla perfezione”.

Non può durare per sempre: Il 64enne Gorman ha dichiarato lo scorso gennaio che “non sarò qui tra cinque anni”. Per quanto riguarda Solomon, che martedì ha “celebrato” il compimento dei 61 anni, probabilmente non sarà lui a chiamarlo. Solomon ha ripetutamente irritato i ranghi di Goldman durante i suoi quattro anni al timone, e la sua mancanza di popolarità si riflette nel nome che i banchieri avrebbero dato i recenti licenziamenti: “Il giorno della demolizione di David”.

Advertisement

Trending