mercoledì 28 ottobre 2020

Marc Andreessen chiede perché non costruiamo più le cose: ecco alcune possibili risposte

Il capitalista di rischio Marc Andreessen ha scritto un saggio nel fine settimana denigrando l’orrenda mancanza di preparazione e la risposta disorganizzata dell’Occidente alla pandemia di coronavirus.

Rileva che gli Stati Uniti non sono nemmeno riusciti a far aumentare la produzione di maschere per proteggere i nostri operatori sanitari, e questo contrasta sfavorevolmente con un’America di epoche passate che ha costruito grattacieli, interstatali e microchip.

La sua soluzione: dobbiamo riaccendere il desiderio di costruire cose in questo paese. Abbiamo i soldi, abbiamo il know-how, ma ci manca il desiderio.

Andreessen ha un’esperienza rilevante qui – prima di diventare un investitore, ha inventato uno dei primi browser Web, che ha permesso milioni di persone che sfruttano Internet per la prima volta e spianano la strada alla rivoluzione delle dot-com e tutto il resto.

La sua conclusione è difficile essere in disaccordo con e ha ispirato molti vigorosi cenni di testa virtuale su VC Twitter e altri angoli di Internet.

Andreessen e io facciamo parte della stessa generazione – Gen X, la generazione delle dot-com, la generazione che sperava brevemente che Internet ci avrebbe fornito una via di fuga dalle strutture sociali e politiche che il più grande e baby boomer politicamente più potenti si erano stabiliti negli anni 1970 e negli anni 80.

Non ha funzionato in questo modo, e come lui, ho passato molto tempo a contemplare dove e come le cose sono andate male.

Andreessen tocca alcuni dei fattori che contribuiscono al suo saggio, scrivendo che il diritto – la tradizionale ala pro-capitalista della società americana – “deve combattere duramente contro il capitalismo clientelare, la cattura normativa, gli oligopoli ossificati, l’offshoring che induce al rischio, i riacquisti favorevoli agli investitori al posto di innovazione orientata al cliente (e, per un periodo più lungo, ancora più favorevole agli investitori) “.

Ma c’è di più nell’immagine. Non ho una semplice diagnosi chiara, ma qui ci sono alcune cose a cui pensare:

Gli incentivi personali non premiano i costruttori. All’inizio 1980 s, la filosofia “L’avidità è buona” sposata nel film “Wall Street” aveva senso a livello macro. Le corporazioni americane erano diventate inefficienti e gonfie e sovraperformate da più agili conglomerati giapponesi, l’economia ha lottato con un malessere di alta inflazione e crescita stagnante, e la cultura ha idolatrato l’edonismo e la ribellione. Le misure correttive includevano tasse drasticamente più basse e nuovi incentivi per ristrutturare le aziende per una maggiore efficienza, insieme a una cultura più “gung-ho” di Morning in America.

Ma a livello micro, gli incentivi finanziari si sono spostati dai costruttori. Aliquote fiscali basse e tasse commerciali elevate incoraggiano l’accumulo e scoraggiano il reinvestimento o l’avvio di nuove attività. Negli ultimi quattro decenni, i più grandi giorni di paga sono stati nelle professioni che coinvolgono l’allocazione e lo spostamento del capitale, piuttosto che costruire cose. (La tecnologia è l’unica stretta eccezione.)

La cultura degli azionisti non premia la costruzione . Come osserva Andreessen, un sottoprodotto dell’etica “Greed is Good” è una filosofia di governo societario che premia gli azionisti rispetto a tutte le altre parti interessate in un’azienda. I dirigenti sono compensati con incentivi azionari, dando loro poche ragioni per concentrarsi su qualsiasi altra cosa. Il benessere dei dipendenti, la soddisfazione del cliente, le “esternalità” come l’aria e l’acqua pulite e la produzione minima di carbonio sono importanti solo nella misura in cui aiutano o danneggiano il prezzo delle azioni dell’azienda. La liquidità viene utilizzata per riacquistare azioni per aumentare gli utili per azione, invece di investire in nuove aree di business. I lavoratori domestici costosi e le fabbriche vengono sostituiti con manodopera offshore più economica. E se un’azienda perde di vista i suoi azionisti, è soggetta a acquisizioni ostili da parte di predoni aziendali senza alcun impegno emotivo nei confronti del business, disposti a prendere qualsiasi decisione brutale necessaria per ridurre le efficienze rimanenti.

Paradossalmente, questo porta a un’allocazione di capitale selvaggiamente inefficiente tra le aziende di successo – guarda le enormi riserve di denaro che le più grandi aziende tecnologiche tengono a portata di mano piuttosto che reinvestirle in innovazione o nuove linee di business.

Preferiamo il comfort e la convenienza. In un certo senso, Andreessen ha torto: gli americani hanno costruito molte nuove attività negli ultimi decenni. Pensa a tutte le selezioni di birra artigianale che abbiamo ora al negozio di alimentari rispetto alle 1980 s, quando le nostre scelte erano sostanzialmente Bud e Miller. O le migliaia di canali TV e un numero infinito di contenuti in streaming rispetto ai sei canali TV che avevo da bambino. O le start-up in perdita di fondi finanziate da venture venture che escono dalla Silicon Valley negli ultimi 10 anni, che si sono concentrate sui comfort personali per le persone con denaro, come “guidami in giro” “e” portami un pasto così non devo cucinare “e” trovami un appartamento fantastico a Barcellona per una settimana, quindi non devo pagare per un hotel “. Gli americani dicono alle aziende ciò che vogliono in base al luogo in cui spendono i loro soldi, e chiaramente desideriamo comfort e convenienza. Soluzioni a lungo termine a problemi complessi che richiedono ingenti investimenti e rischi iniziali e che potrebbero non funzionare? Non così tanto.

I regolamenti e l’acquisizione normativa si frappongono. Il regolamento è spesso ostacolato come un uomo nero nella Silicon Valley, e Andreessen segue l’esempio nel suo saggio. Ha ragione, e le prove sono difficili da ignorare.

Come ha sottolineato il collega venture capitalist di Andreessen, Keith Rabois, la maggior parte delle industrie con regolamenti rilassati hanno visto una costante marcia verso una scelta più ampia e un prezzo più basso – lo si può certamente vedere nell’hardware del computer, ad esempio. Ma le industrie in cui i governi sono maggiormente coinvolti – assistenza sanitaria, istruzione e proprietà immobiliari – hanno visto aumenti dei prezzi drammatici e un’offerta limitata. Le aziende che beneficiano maggiormente di questi regolamenti utilizzano naturalmente tutti gli strumenti a loro disposizione per mantenerli in atto, dalle lobby alle campagne di opinione pubblica.

In nessun posto questo è più chiaro che a San Francisco, dove una serie di regolamenti rende dispendioso in termini di tempo e costoso la costruzione di nuovi alloggi, anche se la città lotta per un problema dei senzatetto altamente visibile e apparentemente irrisolvibile. Qualsiasi tentativo di riforma è bloccato da una coalizione di residenti e proprietari di case di vecchia data che vogliono preservare i loro valori di proprietà e il carattere della comunità, e una cosiddetta ala progressista che non tollererà alcuna soluzione che non includa il governo- controlli sui prezzi obbligatori su una percentuale arbitraria di abitazioni.

Moltiplicare questa situazione per mille volte a tutti i livelli di governo, in innumerevoli settori in tutto il paese.

Il servizio pubblico è facoltativo. La fine del progetto militare negli 1970 fu guidata da un senso di giustizia. Non era giusto che i bambini fossero costretti a combattere e morire nelle guerre che vaste fasce della popolazione ritenevano ingiuste, come il Vietnam.

Ma invece di sostituirlo con qualche altro tipo di servizio pubblico, noi abbandonato completamente l’idea del servizio pubblico obbligatorio. Dalla fine della coscrizione, non vi è stata alcuna istituzione della vita americana che costringa le persone di ogni ceto sociale – urbano e rurale, ricco e povero, ogni razza – a riunirsi e lavorare come una squadra verso un obiettivo comune. È più difficile accettare i sacrifici necessari per immaginare e costruire grandi soluzioni a grandi problemi sociali se si considerano enormi parti della società come “le altre persone”. Non è il mio problema!

Millenarismo. C’è una caratteristica della cultura americana che corre parallela all’avidità e al pensiero a breve termine, ma è più sottile e meno frequentemente chiamata. Questo è millennialismo, l’idea che la società sia inammissibile e precipitosa verso una fine amara e violenta, quindi piuttosto che costruire, il miglior modo di agire è accumulare e pianificare la sopravvivenza.

Lo abbiamo visto all’inizio del millennio con il panico senza messa a terra per il bug del computer Y2K. Lo vediamo nelle vendite di armi potenziate ogni volta che c’è un disastro naturale – perché l’istinto di armarsi contro le persone in difficoltà che vediamo come potenziali saccheggiatori, invece di capire come aiutare le persone in difficoltà che vediamo come concittadini e vicini?

Lo vediamo nei più ricchi che acquistano enormi tratti di terra nelle zone rurali dell’America e della Nuova Zelanda e chiedono tranquillamente ai futuristi consigli su come fuggire. Lo vediamo nell’importanza della fantascienza distopica nella cultura popolare. Lo vediamo anche nel mondo della tecnologia normalmente utopica: la società di venture venture di Andreessen è stata uno dei maggiori sostenitori della criptovaluta, che al centro è una scommessa sull’instabilità e sull’eventuale crollo dei governi centrali e della moneta legale.

Comando. Continuiamo tutti ad aspettare che qualcun altro trovi la soluzione. La politica è senza speranza – qualunque cosa suggerisca un partito, l’altro partito combatterà per principio solo perché non ci hanno pensato e perché la divisione è utile per legare la base e raccogliere più fondi per le prossime elezioni. I leader aziendali devono affrontare forti incentivi personali e aziendali per perseguire guadagni a breve termine ed evitare i rischi, come osserva Andreessen.

Tutti noi siamo preoccupati di pagare le nostre spese mediche, le tasse universitarie dei nostri figli e le nostre spese di alloggio, o – se siamo fortunati – scegliere quale birra da bere o spettacolo da guardare stasera.

La leadership non deve venire dall’alto. La maggior parte dei grandi movimenti sono stati avviati da persone normali che erano stufi di come erano le cose e determinati a convincere gli altri a unirsi a loro nella costruzione di qualcosa di nuovo.

Quindi sì, abbiamo bisogno di più costruttori. Ora la domanda è: che cosa farai tu, non solo Marc Andreessen, ma tu, la persona che sta leggendo questo?

Articolo originale di CNBC