giovedì 26 novembre 2020

MarketWatch.com: la regolamentazione della Big Tech è stata principalmente parlata nel 2019 – aspettati lo stesso nel 2020

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Si trovano ad affrontare sonde antitrust federali del Dipartimento di Giustizia e della Federal Trade Commission, un’indagine separata di 47 procuratori generali dello stato , il lancio della più severa legge sulla privacy dei dati nella storia della nazione e una folla arrabbiata di politici che vanno dall’estrema destra all’estrema sinistra.

Eppure era come al solito in 2019 per Alphabet Inc.                                                                                                                                                                                                                       GOOGL, – 1. 25%                                                                                                                                                                                          GOOG, – 1. 34% ,                                                                                                                                                           Amazon.com Inc.                                                                                                                                                                                                                       AMZN, – 1. 22% ,                                                                                                                                                           La società Apple.                                                                                                                                                                                                                       AAPL, -0. 29% ,                                                                                                                                                           e Facebook Inc.                                                                                                                                                                                                                       FB, – 0 . % ,                                                                                                                                                           le quattro società Big Tech con grandi obiettivi alle spalle. Le entrate hanno continuato ad accumularsi, i prezzi delle azioni e i valori di mercato sono saliti alle stelle e hanno inalato le startup per espandere i loro imperi digitali in crescita. Chiudono l’anno per un valore complessivo di oltre $ 3,5 trilioni, grazie a guadagni di stock che vanno da circa 20% per Amazon a un enorme 80% per Apple.

In mezzo a tutti i grandi discorsi su indagini e recriminazioni , esperti legali e politici intervistati da MarketWatch prevedono che lo status quo continuerà a 2020, almeno fino alle elezioni presidenziali di novembre. Quali pochi dettagli sono emersi – l’FTC è in considerazione di cercare un’ingiunzione contro Facebook per come integra le sue app e secondo quanto riferito il Dipartimento di giustizia sta esaminando YouTube di Google – potrebbe richiedere alcune modifiche incrementali. Facebook, ad esempio, ha intrapreso diverse azioni volontarie per placare le preoccupazioni antitrust sotto forma di un nuovo strumento che consente ai consumatori di trasferire foto su Google e altri servizi.

Ma è improbabile che azioni imposte come quelle possano andare in profondità, secondo le interviste con una dozzina di esperti legali, politici e rappresentanti della Big Tech, e in nessun luogo vicino a potenziali azioni governative, come Facebook che è stato costretto dall’FTC a scacciare Instagram e WhatsApp o Amazon dividendo la sua divisione cloud, Amazon Web Services. Questi tipi di grandi mosse sono pura fantasia nell’attuale clima di ingorgo politico, in cui l’azione normativa e la legislazione nazionale potrebbero essere lontane anni.

“Continuano ad agire impunemente ? Fa il 2014 le elezioni cambiano il calcolo? Ci saranno cambiamenti marginali su entrambi i fronti “, ha dichiarato a MarketWatch Andrew Jay Schwartzman, consulente senior del Benton Institute for Broadband & Society. “Non vedo alcun segno che le aziende siano costrette a fare cambiamenti fondamentali nel corso che hanno seguito.”

Ufficialmente, come è stato per lo più dalle notizie delle sonde antitrust emerse a giugno, tutte e quattro le compagnie erano notevolmente silenziose. Non hanno avuto commenti quando sono stati contattati da MarketWatch.

Vi sono altri segni di autoregolazione incrementale – YouTube a dicembre 11 annunciato una politica anti-molestie più rigorosa e Facebook prevede di spendere $ 130 milioni in sei anni su un gruppo simile a Corte suprema di consiglieri per aiutarlo a filtrare i contenuti discutibili dalla sua piattaforma – ma le aziende tecnologiche sembrano diffidenti a fare grandi cambiamenti in risposta al contraccolpo.

“C’è un vecchio adagio nella politica legale : Se cambi il tuo comportamento durante un’indagine, è tacito riconoscimento che stai facendo qualcosa di sbagliato “, ha detto Herbert Hovenkamp, ​​un professore dell’Università della Pennsylvania che insegna nelle sue scuole di legge e commerciali.

Se ci sono cambiamenti importanti in 2020, dicono gli esperti, probabilmente rientreranno in tre categorie: blocco delle acquisizioni, nuova privacy legislazione alla base della nuova legge storica della California e azioni punitive da indagini antitrust.

Le abbuffate d’acquisto di Big Tech

Le acquisizioni senza alterazioni dei Big Four hanno alimentato l’antagonismo, con l’ultima tempesta che è stata proposta da Google per l’acquisizione di $ 2,1 miliardi di Fitbit Inc.                                                                                                                                                                                                                       FIT, + 0. 15% .                                                                                                                                                          

“Tentando questo accordo in questo momento, Google sta segnalando che continuerà a flettersi ed espandere il suo potere nonostante questo immenso controllo”, Rep. David Cicilline, DR.I., presidente della sottocommissione antitrust della Camera, ha dichiarato in una dichiarazione di novembre . “L’acquisizione proposta da Google di Fitbit fornirebbe inoltre alla società approfondimenti sulle informazioni più sensibili degli americani – come i loro dati sulla salute e sulla posizione – minacciando di rafforzare ulteriormente il suo potere di mercato online.”

Guarda anche: Le acquisizioni della Big Tech alimentano le sonde antitrust?

Se stai tenendo il punteggio a casa, il vorace appetito di Google per le startup – più di 270, inclusa una media di 27 tra un anno 2011 e 2014 – ha incluso i concorrenti diretti YouTube; DoubleClick, un inserzionista online; AdMob, una società di pubblicità mobile; e Waze. (A giugno, Google ha attaccato la società di big data Looker per $ 2,6 miliardi .) Una sola acquisizione, la società di ricerca di viaggi ITA, è stata contestata dal governo prima che fosse approvata in modo condizionale, secondo Tim Wu, professore di diritto, scienza e tecnologia alla Columbia University.

Facebook ha divorato quasi 100 aziende – molte delle quali concorrenti che includevano WhatsApp e Instagram – dal momento che 2007 senza che il governo federale abbia contestato un acquisto. Almeno ha chiuso 29, alcune delle quali potrebbero aver rappresentato i futuri concorrenti, ha affermato Wu.

Prove convincenti, sì. Ma non abbastanza per provocare un’azione normativa ai sensi delle attuali leggi sulle concentrazioni, ha affermato Hovenkamp. La maggior parte della legge si concentra sulle mega società che uniscono le forze nello stesso mercato, non una società più grande che acquista una startup o si estende in nuovi mercati. “Le leggi sulle concentrazioni non toccano la previsione di aziende più piccole che diventano concorrenti di successo per il loro acquirente”, ha affermato.

Regolamenti tecnologici dei duellanti

Ci vorrà solo una legislazione “radicale” , Sostengono Hovenkamp e altri, per cambiare il comportamento della grande tecnologia.

“Non possiamo lasciarlo a [Big Tech] per autoregolarsi”, Rep. Ro Khanna , D-Calif., Il cui distretto si trova nel cuore della Silicon Valley, ha dichiarato a MarketWatch in un’intervista telefonica. “Non possiamo semplicemente fidarci delle società a scopo di lucro per salvaguardare la privacy e i diritti dei dati dei consumatori … Il Congresso deve agire.”

Le poche fatture contendenti sono guidato dal Consumer Online Privacy Rights Act (COPRA), co-sponsorizzato da Sens. Maria Cantwell, D-Wash., Brian Schatz, D-Hawaii, Amy Klobuchar, D-Minn. Ed Ed Markey, D-Mass. Il disegno di legge concederebbe ai cittadini il diritto di richiedere le loro informazioni alle aziende e di chiedere che i dati vengano cancellati o corretti. Consentirebbe inoltre alle aziende di ottenere l’autorizzazione a raccogliere e condividere dati sensibili, tra cui informazioni biometriche e posizioni precise.

“Nel mondo online in crescita, i consumatori meritano due cose : diritti alla privacy e una legge forte per farli rispettare “, ha detto Cantwell in un dichiarazione . “Dovrebbero essere come i tuoi diritti Miranda – chiari come una campana su ciò che sono e ciò che costituisce una violazione.”

Un disegno di legge in competizione del senatore Roger Wicker, R -Miss., Chiamato Consumer Data Privacy Act degli Stati Uniti (USCDPA), stabilirà norme nazionali per la gestione delle informazioni personali online e altrove e annullerebbe le leggi statali, tra cui una in California che entrerà in vigore nel nuovo anno.

“I consumatori americani meritano un forte standard nazionale per la protezione dei loro dati e le aziende americane hanno bisogno di certezza per continuare a innovare e competere con il resto del mondo”, ha detto Wicker in un dichiarazione.

Se qualsiasi disegno di legge lo rende legge è un’altra questione, data la natura frammentaria del Congresso. Nel frattempo, la migliore scommessa per i consumatori è la California Consumer Privacy Act , la legge sulla privacy più severa della nazione, che entrerà in vigore il 1 ° gennaio ma non sarà probabilmente applicata fino a metà anno. Ha già attirato l’angoscia di Facebook, Google e altri, che hanno tentato senza successo di annacquare la sua versione finale con emendamenti e altri stati sperano di emularla. (Minacciosamente, 44% di 200 titolari di attività e dirigenti della società intervistati dalla società di sicurezza ESET ha detto di non aver mai sentito parlare del CCPA.)

Guarda anche: Una versione annacquata della legge sulla privacy dei dati della California è una possibilità, avvertono gli esperti della privacy

Mentre le organizzazioni senza scopo di lucro come la Electronic Frontier Foundation hanno adottato il CCPA, l’industria tecnologica sta cercando a malincuore di adattarsi ad esso. Facebook di dicembre 10 ha dichiarato che non prevede di cambiare le sue pratiche di tracciamento web in aderire alla CCPA perché le sue pratiche sono conformi alla nuova legge che limita la “vendita” dei dati dell’utente.

Guarda anche: Le azioni di Facebook cadono sul rapporto di una possibile ingiunzione FTC

I membri della comunità tecnologica che hanno familiarità con il CCPA, hanno “corso per mettere in atto processi e sistemi per soddisfare i requisiti ingombranti del CCPA”, Gary Shapiro, CEO della Consumer Technology Association, che rappresenta più di 2, 200 Aziende tecnologiche statunitensi, ha dichiarato in una nota. “CTA accoglie con favore gli sforzi del procuratore generale della California Xavier Becerra per chiarire gli aspetti della CCPA e sostiene le proposte che offrono flessibilità per alleggerire gli oneri di conformità delle aziende. Una legge federale sulla privacy di buon senso sarebbe anche benvenuta [so that] le startup, gli imprenditori e tutte le aziende possono seguire un insieme uniforme di principi per proteggere i dati dei consumatori. “

Guarda anche: Legge sulla privacy del punto di riferimento della California: Cosa fa, cosa è cambiato e cosa significa per gli investitori

Potrebbero aver luogo azioni antitrust

Questo mese [DEC. 10], Il procuratore generale degli Stati Uniti William Barr ha affermato che le sonde antitrust su Big Tech potrebbero concludersi l’anno prossimo, anche se ha minacciosamente avvertito che l’indagine si estenderebbe oltre l’antitrust ad “altri comportamenti”. La cronologia di Barr delle indagini investigative completate quest’anno sostiene la teoria tra alcuni esperti di antitrust che azioni regolatorie potrebbero avvenire in 2014.

“C’è così tanta pressione sul DoJ e FTC dal Congresso per agire, e penso che lo faranno, per una compagnia ciascuna ”, ha detto a MarketWatch Avery Gardiner, senior senior per competizione, dati e potere al Center for Democracy Technology. Si aspetta azioni sulla falsariga delle restrizioni di condotta Microsoft                                                                                                                                                                                                                       MSFT, – 1. 01%                                                                                                                                                           ricevuto dal DoJ in 2001 dopo anni di dispute legali.

Non è sicura di quale le compagnie saranno penalizzate. L’FTC sta esaminando Facebook e Amazon; il DoJ sta esaminando Apple e Google.

Alla fine, le azioni antitrust si baseranno su teorie consolidate in cui i giudici dominano sul precedente, ha affermato. “Non credo che vedremo un’ampia legislazione antitrust”, ha dichiarato Gardiner. “Abbiamo abbastanza leggi. Non sono stati applicati, ma ora potrebbero a causa di questo ambiente politicizzato. ”

Charlotte Slaiman, consulente in politica della concorrenza presso il gruppo di sensibilizzazione dei consumatori Public Knowledge, ritiene che le leggi antitrust esistenti siano non abbastanza. Ci vorrà una legislazione federale, sostiene, per Big Tech “cambiare le loro politiche in conformità con la legge. L’autoregolamentazione non è sufficiente “, ha detto.

Slaiman è particolarmente fiducioso riguardo al Aumentare la compatibilità e la concorrenza attivando la legge sul cambio di servizio (ACCESS) , sponsorizzato da Sens. Mark Warner, D-Va., Richard Blumenthal, D-Conn. e Josh Hawley, R-Mo. Richiederebbe “le più grandi aziende per rendere portatili i dati degli utenti – e i loro servizi interoperabili – con altre piattaforme, e per consentire agli utenti di designare un servizio di terze parti affidabile per gestire le proprie impostazioni di privacy e account.”

Va e viene: le società tecnologiche non sono suscettibili di muoversi nel loro comportamento, poiché le indagini e la legislazione procedono lentamente attraverso il processo.

“Le indagini federali e statali potrebbero richiedere molto tempo. Anni, non mesi “, ha detto Schwartzman. “E non vedo un consenso per alcuna legislazione significativa che interesserà le aziende nel prossimo anno o due in materia di privacy.”

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

Articolo originale di Marketwatch.com