lunedì 30 novembre 2020

MarketWatch First Take: gli investitori HP dovrebbero prepararsi a una battaglia per procura con Xerox, Carl Icahn

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

L’assurdo $ 31 offerta di miliardi da Xerox Holdings Corp. per la HP Inc. molto più grande non dovrebbe accadere, ma sembra che il gigante della tecnologia leggendaria potrebbe essere diretto verso un altro indesiderato combattimento per procura.

In una mossa probabilmente sostenuta dal suo maggiore azionista, l’investitore attivista Carl Icahn, la folle offerta di Xerox è stata ulteriormente legittimata dalle notizie della scorsa settimana che la società di fotocopiatrici aveva allineato il finanziamento per i suoi $ 18 – un’offerta a-share in contanti e azioni. HP                                                                                                                                                                                                                       HPQ, + 0. 09%                                                                                                                                                          ha continuato a combattere i progressi di Xerox                                                                                                                                                                                                                       XRX, – 0. 16%                                                                                                                                                                                          XRX, – 0. 16%                                                                                                                                                                                          XRX, – 0. 16%                                                                                                                                                                                          XRX, – 0. 16%                                                                                                                                                           , con il suo ultimo “No, grazie” che dice che Xerox sta ancora sottovalutando il gigante della stampa e del PC che è più di tre volte grande come se stesso. HP ha dichiarato che l’offerta di Xerox “sottovaluta in modo significativo HP – e non è una base di discussione.”

Sembra insondabile dopo tutto il dramma che HP ha attraversato negli ultimi due decenni che non esiste ancora un altro antagonista che causa disordini. Ma alcuni esperti e analisti di M&A credono che un qualche tipo di accordo tra i due sia più probabile che no, anche se legare con un vecchio pioniere della fotocopiatrice è l’ultima cosa di cui HP sembrerebbe aver bisogno.

Icahn ora possiede quasi 09% delle azioni Xerox e la sua ditta, Icahn Capital, ha tre seggi sul suo tavolo. Diversi anni fa, Icahn scelse una battaglia con Xerox che alla fine portò alla sua divisione in due attività in 2016 – copia e stampa in uno e servizi informatici in l’altro, una divisione che aveva alcune somiglianze con la gigantesca separazione Hewlett-Packard Co. in 2015, ma a una frazione della scala di HP.

In un raro riconoscimento, tuttavia, le società hanno ammesso di aver discusso di un potenziale affare. In a Nov. 24, HP ha riconosciuto gli incontri con Xerox lo scorso agosto e settembre, ma ha ricordato Xerox che si allontanò da quelle riunioni senza rispondere alle domande di HP sulla sua attività.

“Non sei riuscito a affrontarli e invece sei andato via, scegliendo di perseguire un approccio ostile piuttosto che continuare su un percorso più produttivo”, ha scritto il CEO di HP Enrique Lores e il Presidente Chip Bergh.

I funzionari di HP e Xerox hanno rifiutato di commentare al di là delle loro dichiarazioni e lettere pubbliche.

“Entrambe queste società sono state oggetto di campagne di attivisti. Entrambe le società hanno perso un po ‘di lucentezza. C’è una logica abbastanza forte per la combinazione ”, ha affermato Devon Ritch, amministratore delegato di fusioni e acquisizioni presso Union Square Advisors a New York. “Riconoscere pubblicamente che ci sono stati discorsi in passato è anche molto insolito … Si tratta più di chi compra chi e chi è responsabile alla chiusura.”

Al prossimo HP riunione annuale, agli azionisti potrebbe essere data la possibilità di decidere se l’accordo proposto da Xerox sia solo un altro caso di “scontro di due camion della spazzatura”, come ha fatto una volta il co-fondatore di Sun Microsystems Scott McNealy 2001 sull’acquisizione di Compaq da parte di Hewlett Packard Co., oppure se è una mossa necessaria per due società con grandi aziende di stampa sopravvivere in un mercato in declino. Si prevede che Xerox o Icahn presenteranno una proposta di amministratori per il consiglio di amministrazione di HP per un voto degli azionisti, possibilmente in aprile.

“Sembra che stiano accelerando per mettere un consiglio alternativo insieme per supportare l’offerta Xerox “, ha detto Ritch, aggiungendo che la presentazione di Xerox agli investitori , presentata ai regolatori all’inizio di dicembre , ha stabilito una forte logica per una combinazione, anche con il suo onere del debito, che ha notato essere alla pari con altri nel settore hardware. La presentazione ha anche osservato che il percorso di chiusura comprendeva tre settimane di mutua due diligence richieste per verificare i presupposti, presumibilmente per rispondere alle preoccupazioni iniziali di HP espresse a novembre in merito all’attività di Xerox e alla mancanza di discussioni sulla dovuta diligenza.

“È un’alta probabilità che lui [Icahn] nomini la sua lista per il consiglio di amministrazione”, ha detto l’analista di titoli ISI di Evercore Amit Daryanani, in un’e-mail. La scadenza per nominare una lista alternativa di registi è gennaio. 21, prima del prossimo incontro annuale di HP, che di solito si svolge ad aprile.

Icahn detiene anche circa il 4,3% delle azioni HP, ma se lui e Xerox saranno in grado di convincere altri investitori HP del perché dovrebbero votare per una lista alternativa di amministratori – e condurre HP a essere acquistato da Xerox – è un grande if. In superficie, l’idea che due aziende che affrontano un settore della stampa in declino possono combinarsi con successo – usando un enorme mucchio di debito, riduzione dei costi e debito di servizio stimato in $ 24 miliardi – suona come un miracolo in divenire .

Un altro probabile ciclo di ristrutturazione sembra molto simile a quello che HP ha fatto in gran parte negli ultimi dieci anni, durante i quali il precedente L’amministratore delegato Meg Whitman ha diviso la società in due in un’ondata di spin-off, ristrutturazioni e licenziamenti che deve aver lasciato la base di dipendenti rimanente esausta e diffidente nei confronti di ulteriori cambiamenti. L’anno scorso, HP ha annunciato un altro piano di ristrutturazione da $ 1 miliardo, che è stato deriso da Xerox in uno dei suoi lettere recenti, anche se prevede una fusione che porterà quasi sicuramente a un’altra gigantesca ristrutturazione e ad altri addii a Palo Alto.

“È possibile che il modesto, costoso e il tempo- consumando i risparmi sui costi inclusi nel piano di ristrutturazione annunciato il 3 ottobre 2019 (solo $ 1 miliardo in tre anni per un costo di $ 1 miliardo in spese di ristrutturazione), ha provocato una mancanza di fiducia nella capacità di HP di realizzare $ 2 + miliardi di sinergie concordate in precedenza dal tuo team in una combinazione “, ha scritto John Visentin, amministratore delegato di Xerox nella sua lettera di fine novembre a HP , suggerendo che nelle precedenti negoziazioni le società avevano concordato sul fatto che un sacco di cose avrebbero potuto – e sarebbero – ridotto se combinate.

Infatti, Icahn ha affermato in una lettera al consiglio di amministrazione di HP all’inizio del mese scorso che i numerosi programmi di ristrutturazione della società non hanno funzionato e che sono diretti verso la sua stessa fine.

“La strada per il cimitero di Wall Street è piena di ossa di compagnie, come Eastman Kodak, che ha perso molto tempo prezioso trovandone una piano sfortunato dopo l’altro e non è riuscito ad agire in modo decisivo quando si sono presentate opportunità di trasformazione “, ha scritto. HP ha ampiamente superato le aspettative modeste, soprattutto se confrontata con il fratello Hewlett Packard Enterprise Co.                                                                                                                                                                                                                       HPE , – 0. 29%                                                                                                                                                          – e certamente non ha bisogno di risorse di stampa in calo. Xerox tuttavia, ha osservato agli investitori di aver già consegnato circa $ 1 miliardo di risparmi dalla propria ristrutturazione nel passato 18 mesi, rispetto ai piani in corso di HP. Nella sua presentazione ha anche affermato che la nuova società proforma sarà più redditizia, sarà in una posizione migliore per offrire ai clienti un mix più forte di prodotti e supporto e che un aumento del flusso di cassa generato dall’accordo consentirà una rapida riduzione della leva finanziaria e investimento in rendimenti e innovazione degli azionisti.

Gli investitori HP di lunga data potrebbero essere stanchi di questo tipo di lotta. Gli azionisti dell’originale, più grande Hewlett-Packard hanno dovuto decidere una lotta per procura cambiando società 2002, con i figli dei co-fondatori Bill Hewlett e David Packard che si oppongono all’offerta della società di acquistare Compaq Computer. HP, poi guidata da Carly Fiorina, ha vinto con un voto ravvicinato. Da allora, la gigantesca HP ha intrapreso la ristrutturazione dopo la ristrutturazione, fino a quando non si è divisa in due società, quindi potrebbe essere più agile.

Ma Wall Street sembra scommettere che succederà qualcosa. Martin Wolf, preside di Martinwolf, società di consulenza in fusioni e acquisizioni per società del mercato medio, ha sottolineato che le azioni di Xerox sono aumentate dopo aver annunciato la sua offerta. Con la garanzia del finanziamento, “Penso che le probabilità di una sorta di combinazione siano aumentate notevolmente”, ha detto. Poiché la notizia è scoppiata per la prima volta all’inizio del novembre nel Wall Street Journal , le azioni di HP hanno saltato circa 9. 22%

“Resta quale squadra avrà il controllo”, ha aggiunto Wolf, osservando che gli investitori HP sarebbero proprietari 48% della società combinata al prezzo attuale ma otterrebbe il controllo se Xerox aumentasse la sua offerta.

Wall Street è una cultura delle scommesse e, con il suo track record, potrebbe essere sciocco scommettere contro Icahn & Co. in una lotta per procura. Ma se gli investitori HP sono fiduciosi nell’attuale team di gestione di HP, dovrebbero dire a Xerox e Icahn di ronzare con il loro passo attuale. La grande domanda, tuttavia, potrebbe in definitiva essere chi acquisisce chi, e quale compagnia aprirà la strada.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Articolo originale di Marketwatch.com