lunedì 18 gennaio 2021

Martedì Super, la tecnologia di voto americana sarà sottoposta a un attento esame

Scaffali e ripiani di macchine per il voto sequestrate, avvolti con nastro giallo di avvertenza, seduti non registrati e inutilizzati, presso il Centro di preparazione elettorale della contea di Fulton ad Atlanta, in Georgia, martedì 6 novembre, 2016, dopo 700 le macchine per il voto nella contea di Fulton furono sequestrate a causa di una causa legale per scrutinio di carta.

Melina Mara | The Washington Post via Getty Images

3 marzo è Super Tuesday , quando gli elettori in 14 gli Stati prenderanno le decisioni dei candidati alle elezioni primarie. Tuttavia, la tecnologia elettorale americana si è rivelata una questione vitale, poiché molti elettori si preoccupano della sicurezza del processo.

Il caucus dell’Iowa del 3 febbraio è stata una causa significativa . Ci sono voluti tre giorni per comunicare i risultati da IowaRecorder, un’app creata da Shadow, e i ritardi e lo scompiglio hanno reso alcuni elettori sospettosi del processo complessivo.

Riconoscendo i molti modi in che un’elezione può essere compromessa, alcune aziende stanno lavorando a soluzioni tecnologiche che dicono migliorare la sicurezza. Eyal Elyashiv, CEO e co-fondatore di Cynamics, che fornisce AI di rilevamento delle minacce per reti intelligenti e citie s , ha affermato che le società tecnologiche sperando di salvaguardare il processo di voto dovrebbe usare l’intelligenza artificiale per tenere il passo con le minacce in evoluzione. “Un modo strategico per aumentare la sicurezza della tecnologia elettorale è applicare l’IA per identificare le minacce informatiche critiche in modo scalabile. Le soluzioni di sicurezza informatica abilitate per l’IA aiutano le città a semplificare i loro processi elettorali identificando, isolando ed eliminando i file di software dannoso e altri attacchi informatici nella maggior parte dei casi modo più efficiente possibile. “

Una società che spera di migliorare il processo di voto per i nativi mobili è Voatz, il cui CEO e co-fondatore, Nimit Sawhney, vuole che le persone lancino il voto dalla loro Apple , Smartphone Samsung e Google. Ha detto che l’app utilizza una combinazione di software di riconoscimento facciale, biometria e crittografia per garantire che ogni elettore possa fare le proprie scelte in modo anonimo e sicuro. L’app è stata utilizzata dagli elettori in Utah e in Occidente Virginia.

L’app Voatz consente alle persone di esprimere il proprio voto dagli smartphone, utilizzando una combinazione di software di riconoscimento facciale, biometria, crittografia e blockchain per garantire che ogni elettore possa fare le proprie scelte in modo anonimo e sicuro, ma un MIT recente studio ha affermato di trovare più vulnerabilità nell’app.

Voatz

“Ti consente come elettore di essere verificato sul tuo smartphone rispetto al database di registrazione, di votare sul tuo smartphone e di confermare che le tue selezioni sono state conteggiate come cast “, Ha detto Sawhney.

Il voto effettivo avviene all’interno dell’app stessa, che utilizza la tecnologia blockchain per archiviare i voti in modo sicuro e renderli disponibili a qualsiasi entità li stia contando. Anche Voatz esegue il backup di ogni voto con una copia cartacea.

Difetti Voatz asseriti nello studio del MIT

Non tutti sono venduti su Voatz. L’app è stata oggetto di un recente studio presso il Massachusetts Institute of Technology, che ha scoperto ciò che i ricercatori hanno descritto come vulnerabilità multiple .

Lo studio, condotto dagli studenti laureati Michael Spectre e James Koppel, sotto la guida del principale scienziato ricercatore del MIT Computer Science and Artificial Intelligence Lab Daniel Weitzner, ha scoperto che qualcuno con l’accesso remoto potrebbe scoprire il voto di un utente. Potrebbe quindi essere modificato tramite un server compromesso.

Hanno anche detto che attori malintenzionati potrebbero rilevare la scelta dell’elettore e interrompere la loro connessione, impedendo così la registrazione del voto.

“Quando si crittografa qualcosa, protegge il contenuto di ciò che si sta inviando ma non la lunghezza”, ha detto Spectre a CNBC. “Quindi se scegliessi tra due candidati con nomi diversi – uno lungo e uno corto – potresti effettivamente dire in che modo qualcuno ha votato in base alla lunghezza dei dati crittografati.”

Disse che era anche possibile determinare l’intenzione di un elettore in base alla quantità di metadati inviati, come immagini del candidato, l’URL della home page del candidato o solo informazioni generali su di lui o lei. Con queste informazioni in mano, un hacker potrebbe sopprimere un voto.

Voatz ha fatto riferimento a CNBC alla sua dichiarazione ufficiale sulle affermazioni del MIT, descrivendo lo studio come “fondamentalmente imperfetto”. Diceva che “la base della ricerca si basa su una versione Android dell’app mobile di voto Voatz che era almeno 23 versioni precedenti al momento dell’analisi. “

Inoltre, l’app utilizzata nello studio” non è mai stata connessa a i server Voatz “, secondo la dichiarazione. “Ciò significa che non sono stati in grado di registrarsi, incapaci di superare i livelli di controllo dell’identità per impersonare un elettore legittimo, incapaci di ricevere un voto legittimo e incapaci di presentare voti legittimi o di modificare i dati degli elettori.” )

L’interferenza nel 2016 l’elezione è stata in gran parte effettuata attraverso i social media, non attraverso l’interferenza con il meccanismo elettorale. Come cittadini, dobbiamo rendere responsabili le fonti di informazione.

Eyal Elyashiv

CEO e co-fondatore di Cynamics

Mentre la tecnologia elettorale continuerà a evolversi per far fronte alle nuove minacce, Heikki Nousiainen, CTO della società tecnologica open source Aiven, ha affermato che le aziende che sperano di salvaguardare il processo dovranno sempre dividere la differenza tra la verifica di un voto e la protezione dell’anonimato dell’elettore . Ha suggerito che un modello open source potrebbe aiutare a raggiungere questo obiettivo.

“Avere quelle implementazioni aperte e revisionabili da parte di estranei può ottenere la fiducia degli utenti, sapendo che i sistemi sono davvero progettati correttamente e facendo ciò che la tecnologia afferma di fare “, ha detto Nousiainen.

Questo consiglio può avere maggiore rilevanza dopo il Super Martedì, a seconda di come procede senza problemi. Molte contee della California hanno cambiato le loro procedure di voto da 2016, con alcune lancia la nuova tecnologia per la prima volta. Anche altri stati hanno apportato le loro modifiche, come il passaggio a macchine per il voto con tracce di carta.

In 2019 la Commissione di assistenza elettorale degli Stati Uniti ha distribuito $ 425 milioni agli uffici elettorali statali per rafforzare le elezioni sicurezza. La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency è stata creata anche quando il presidente Donald Trump ha firmato la Cybersecurity e Infrastructure Security Agency Act del 2018.

L’integrità del voto stesso non è l’unica cosa che deve essere protetta.

Elyashiv di Cynamics ha affermato che anche gli elettori devono fare la loro parte, il che include uno sforzo per essere più critici di ciò che vedono su Internet.

“L’interferenza nel

l’elezione è stata in gran parte effettuata attraverso i social media, non attraverso l’interferenza con il meccanismo di votazione “, ha detto. “Come cittadini, dobbiamo rendere responsabili le fonti di informazione.”

Anche le più grandi aziende tecnologiche stanno tentando di risolvere i problemi elettorali. Le persone nella piccola città di Fulton nel Wisconsin sono state recentemente le prime a provare il software progettato da Microsoft – è stato installato dal non profit VotingWorks in collaborazione con la Commissione elettorale del Wisconsin – per confermare che i voti vengono conteggiati correttamente.

I residenti di Fulton hanno usato quello di Microsoft Software ElectionGuard per votare chi si sarebbe unito al consiglio scolastico locale e si sarebbe seduto alla corte suprema dello stato del Wisconsin. ElectionGuard conta i voti elettronicamente, fornendo allo stesso tempo un mezzo separato per gli elettori per confermare che i loro voti sono inclusi nei conteggi. Non sono stati segnalati problemi tecnici.

La tecnologia ElectionGuard non sarà responsabile del conteggio dei voti nelle elezioni primarie del Wisconsin, tuttavia, e di Microsoft, che era stata il fornitore della tecnologia di voto in Iowa prima che la tecnologia di Shadow fosse usato quest’anno – ha affermato che non ha in programma di entrare nel settore dei sistemi di voto elettorale. La società offre la tecnologia gratuitamente. In un momento in cui grandi aziende tecnologiche, come Facebook e Twitter , sono entrati nel fuoco per il loro ruolo nelle elezioni, Microsoft afferma che il progetto è sul ripristino della fiducia nel processo di voto.

Articolo originale di CNBC