mercoledì 12 maggio 2021

Mentre Pepsi si prepara a partecipare ai Dividend Kings, è un acquisto migliore della Coca-Cola

Per ottenere lo status di re dei dividendi, una società deve fornire ai propri azionisti un aumento dei dividendi per almeno 50 anni consecutivi. Non è un’impresa da poco, ma le società di beni di consumo potrebbero avere un vantaggio.

Le aziende del settore dei beni di prima necessità vendono articoli di uso quotidiano, come dentifricio, snack, bevande e detersivi per bucato, di cui i consumatori hanno bisogno indipendentemente dallo stato della economia.

I beni di prima necessità sono tra i preferiti dagli investitori in crescita dei dividendi poiché tendono a generare entrate prevedibili e risultati di utili, anche se a un ritmo lento ma costante.

Questo l’articolo metterà a confronto due giganti dei beni di prima necessità, Coca-Cola (NYSE: KO ) e PepsiCo (NASDAQ: PEP ), che competono principalmente tra loro, per vedere qual è il miglior acquisto oggi.

Dividend Kings Reigns Supreme

Nessun’altra azienda al mondo vende più prodotti analcolici bevande alcoliche rispetto alla Coca-Cola, che vende circa due miliardi di porzioni ogni giorno. L’azienda ha più di 500 prodotti nel suo portafoglio e vende i suoi articoli in più di 200 paesi.

Il quasi 140 – l’azienda di un anno ha una capitalizzazione di mercato di $ 230 miliardi. Coca-Cola è anche nella lista esclusiva dei re dei dividendi, avendo aumentato il pagamento dei dividendi per 59 anni consecutivi.

La Coca-Cola è diventata la forza dominante nelle bevande analcoliche creando un ampio portafoglio di prodotti ricercati dai consumatori. Il marchio di punta Coca-Cola è la bevanda gassata più venduta al mondo, ma l’azienda ha molti altri prodotti, come Sprite e Diet Coke, che sono anche estremamente apprezzati dai consumatori.

Questo ha consentito a Coca-Cola di controllare più del 40% del mercato delle bevande gassate, un cifra incredibile date tutte le scelte che i consumatori hanno in questa categoria.

Allo stesso tempo, i gusti dei consumatori sono stati nel mezzo di un cambiamento epocale in quanto sono diventati più attenti alla salute e preoccupati per la quantità di zucchero nella loro dieta. Il consumo di soda è diminuito da oltre un decennio. Questo vento contrario è stato un fattore significativo nella crescita stagnante della Coca-Cola negli ultimi 10 anni in cui il suo utile per azione ha avuto un tasso di crescita annuo composto di appena lo 0,5%.

Non tutto è perduto, tuttavia, come ha risposto Coca-Cola su più fronti. In primo luogo, l’azienda ha fatto un vero sforzo per offrire articoli con meno zuccheri o zero zuccheri, facendo appello ai consumatori più preoccupati per gli impatti sulla salute di ciò che mangiano e bevono.

Coca-Cola ha anche investito in aree al di fuori delle bibite gassate, come l’aggiunta di marchi di caffè, tè e acqua al suo portafoglio. Coca-Cola è uno dei marchi più riconoscibili al mondo e gode di una posizione privilegiata nelle bevande analcoliche gassate, ma la sua quota di mercato in altre categorie di bevande è piuttosto bassa.

Ad esempio, la società stima che ha meno dell’1% del mercato disponibile per le bevande calde nel mondo. Si stima che le bevande calde costituiscano più di 10% dei volumi di bevande in tutto il mondo, offrendo a Coca-Cola l’opportunità di espandere notevolmente la propria quota di mercato in questa categoria.

Coca-Cola ha anche ceduto le sue operazioni di imbottigliamento, il che ha causato un calo a breve termine entrate ma dovrebbe consentire margini più elevati in futuro. Questo è stato visto in 2020. Anche se la pandemia Covid – 19 è stata uno dei principali fattori che hanno contribuito a un calo dei ricavi a due cifre per l’anno, i margini operativi di Coca-Cola sono aumentati 170 punti base a 29. 6%.

A costante e un modello di business durevole ha offerto a Coca-Cola una lunga storia di crescita dei dividendi. Coca-Cola ha aumentato i pagamenti dei dividendi per 59 anni consecutivi, una serie di crescita più lunga di tutte ma una manciata di società negli Stati Uniti

Lo stock ha oggi una forte resa del 3,2%.

PepsiCo Plants La sua bandiera negli spuntini

PepsiCo ha una sua storia impressionante tra i Dividend Kings. L’azienda è in attività dalla fine 19 th secolo e ha più di 20 marchi che generano almeno $ 1 miliardo di entrate annuali. PepsiCo ha una capitalizzazione di mercato attuale di $ 196 miliardi.

Come Coca-Cola , PepsiCo è anche un fornitore leader di bevande analcoliche, con marchi come Pepsi e Mountain Dew, serviti in tutto il mondo. L’azienda ha anche una varietà di bevande non gassate come i tè Tropicana, Gatorade e Pure Leaf. Nonostante un rallentamento nel consumo di soda, il business delle bevande di PepsiCo ha visto risultati migliori negli ultimi anni.

PepsiCo si è ripresa molto rapidamente anche dalle difficili condizioni di 2020. Nel primo trimestre 2021, i ricavi organici sono aumentati del 2,4% mentre l’utile per azione rettificato è aumentato 14%.

Dove PepsiCo differisce dal suo principale rivale è che ha una grande attività di snack e cibo. In effetti, snack e cibi ora costituiscono più della metà delle vendite di PepsiCo ogni anno. I prodotti Frito-Lay continuano ad essere molto richiesti, anche se nell’ultimo trimestre i volumi sono diminuiti dell’1% mentre i ricavi organici sono aumentati del 3%. Questo segmento ha registrato in precedenza diversi trimestri consecutivi di crescita a una cifra media.

Inoltre, l’attività dell’azienda Quaker Foods è stata una delle principali beneficiarie della pandemia poiché i consumatori sono stati costretti a consumare più pasti a casa a causa delle restrizioni sociali di allontanamento. Le vendite per il segmento, che in precedenza aveva sofferto, hanno avuto un alto tasso di crescita a una cifra per la maggior parte dello scorso anno.

Per soddisfare i gusti mutevoli dei consumatori, PepsiCo ha sviluppato una linea di prodotti “migliori per te” . Si tratta di prodotti con meno di 70 calorie da zuccheri aggiunti. Questi articoli hanno chiaramente risuonato tra i consumatori poiché ora contribuiscono più del 40% di vendite ogni anno.

Il modello di business diversificato di PepsiCo offre una certa protezione contro un segmento che registra prestazioni scadenti.

PepsiCo ha aumentato il dividendo per 48 anni, mettendolo molto vicino al raggiungimento dello status di re dei dividendi a pieno titolo. PepsiCo ha una storia leggermente più breve di aumenti dei dividendi annuali e il suo rendimento attuale del 2,9% segue il rendimento dei dividendi di Coca-Cola di circa 30 punti base.

Tuttavia, il dividendo di PepsiCo è cresciuto a un tasso superiore a quello di Coca-Cola. In passato , PepsiCo ha un tasso di crescita annuo composto più elevato del 7,1% rispetto al tasso di crescita dei dividendi di Coca-Cola del 6% in quel periodo. Le azioni offrono attualmente un rendimento del 2,9%.

In definitiva, gli azionisti probabilmente giudicano un’azione dai suoi rendimenti. Negli anni passati , PepsiCo ha consegnato rendimenti annuali totali del % compresi i dividendi, mentre Il tasso di rendimento annuale di Coca-Cola è un più modesto 7,9%.

Considerazioni finali

Gli investitori spesso scelgono di investire nelle azioni di consumo di base a causa della crescita lenta e costante che forniscono insieme ai dividendi. Sia Coca-Cola che PepsiCo sono riuscite a pagare e aumentare i dividendi attraverso diversi cicli economici impegnativi, il che parla della forza del modello di business di ciascuna azienda in condizioni avverse.

Ci aspettiamo che entrambi questi re dei dividendi continueranno aumentare i dividendi man mano che i loro prodotti vengono utilizzati e considerati affidabili dai consumatori miliardi di volte al giorno. Di conseguenza, entrambi denominano un vantaggio competitivo sostanziale per i colleghi.

Riteniamo che PepsiCo sia la migliore posizione delle due società grazie al suo business degli snack, che offre una maggiore diversità rispetto alle bevande. Anche se la serie di crescita dei dividendi di Coca-Cola è più lunga e il suo rendimento è leggermente superiore, PepsiCo ha mostrato una crescita più forte nell’ultimo decennio grazie al suo business degli snack ad alta crescita, una tendenza che ci aspettiamo continui ad andare avanti.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)