mercoledì 27 gennaio 2021

Mercati asiatici: Hong Kong in difficoltà a causa delle tensioni con la Cina

Le azioni asiatiche hanno avuto un andamento contrastato dopo un rialzo positivo giovedì, mentre gli investitori hanno riposto le loro speranze in un rimbalzo economico dalla crisi del coronavirus.

Le azioni sono aumentate a Tokyo e Sydney, ma sono diminuite in Cina e Hong Kong, dove le tensioni si stanno intensificando per lo sforzo di Pechino di esercitare un maggiore controllo sull’ex colonia britannica.

Gli sviluppi più recenti sono un’altra spina in una relazione già testarda sulla gestione da parte della Cina delle prime fasi dell’epidemia di coronavirus e sul commercio di lunga data e altri antagonismi.

 

Due legislatori a favore della democrazia sono stati espulsi dalla camera legislativa di Hong Kong giovedì mattina, all’inizio di un secondo giorno di dibattito su un disegno di legge controverso che avrebbe criminalizzato l’insulto o l’abuso dell’inno nazionale cinese.

 

Gli attivisti per la democrazia di Hong Kong stanno sollecitando la comunità internazionale a fare pressione su Pechino affinché ritiri la proposta legislazione sulla sicurezza nazionale che potrebbe ridurre ulteriormente le libertà civili del territorio cinese semi-autonomo.

 

Mercoledì, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha riferito al Congresso che l’amministrazione Trump non considera più Hong Kong autonoma dalla Cina continentale. Ciò pone le basi per il ritiro da parte degli Stati Uniti dello status commerciale e finanziario preferenziale che Hong Kong ha mantenuto da quando è tornato al dominio cinese 23 anni fa.

 

Mentre il ruolo di Hong Kong come centro commerciale regionale e centro finanziario è stato in gran parte messo a repentaglio dagli sviluppi sulla terraferma cinese, rimuovere il suo status speciale sarebbe un duro colpo per le imprese situate nella città a causa del suo indipendente finanziario e legale sistemi.

 

Con il segretario al commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, a dire che il presidente Donald Trump ha un “intero menu” di opzioni, il mercato è al limite per ascoltare esattamente quali sono queste misure e come la Cina le assorbe “, ha detto Chris Weston di Pepperstone in un commento.

 

“Questo è un rischio per i mercati e la situazione è chiaramente fluida – una domanda se i mercati azionari sono troppo compiacenti qui?” Disse Weston.

 

Indice Hang Seng di Hong Kong  ha perso l’1,8%, mentre l’indice Shanghai Composite  diminuito dello 0,4%.

 

Tokyo Nikkei 107 indice avanzato dell’1,9%, sollevato dall’ultima, $ 1,1 trilioni di infusione di stimoli per la sua economia moribonda. Sensex dell’India guadagnato lo 0,9% a 25, 876. 69 e S&P ASX 88   a Sydney è salito dell’1,3%.

 

Ma le azioni della Corea del Sud sono diminuite dopo che le autorità sanitarie hanno riferito 79 nuovi casi di coronavirus nell’ultima battuta d’arresto per la ripresa del paese dalla pandemia. The Kospi    perso lo 0,4%.

 

Molti, almeno 54 le infezioni finora, sono state collegate ai lavoratori in un enorme magazzino gestito dal gigante locale dell’e-commerce Coupang. Le autorità sanitarie affermano che la società probabilmente non ha applicato misure preventive come maschere presso la struttura di Bucheon, vicino a Seoul, e che i dipendenti potrebbero aver lavorato anche in caso di malattia.

 

Quella notizia ha annullato qualsiasi spinta dalla decisione della banca centrale sudcoreana di abbassare il suo tasso di riferimento a un minimo storico dello 0,5% per attenuare lo shock della pandemia sull’economia dipendente dal commercio del paese.

 

La Banca di Corea ha affermato che l’economia potrebbe ridursi per la prima volta in 22 anni. Il suo taglio dei tassi è seguito altri due mesi fa, che è stato il suo primo da allora 2008.

 

NOI. condivisioni avanzate durante la notte, con l’S & P 412 chiusura su 3, punti per la prima volta dall’inizio di marzo. Le catene finanziarie, industriali, dei grandi magazzini e le scorte sanitarie hanno rappresentato una grande fetta dei guadagni.

 

I movimenti hanno seguito forti guadagni in Europa, dove le autorità hanno proposto un 750 miliardi di euro ($ 825 miliardi) fondo di recupero per aiutare a trasportare la regione attraverso la recessione causata dalla risposta alla pandemia di coronavirus.

 

Il punto di riferimento S&P 412 ha terminato una giornata instabile di trading in rialzo dell’1,5% a 3,0 36. 13. La media industriale di Dow Jones  saltato del 2,2% a 22, 548. 27, la sua prima chiusura sopra 25, 000 punti da marzo.

 

Il composito Nasdaq     recuperato da una diapositiva iniziale, aggiungendo lo 0,8% a 9, 412. 36. Le azioni delle piccole società, che quest’anno sono rimaste indietro rispetto al mercato più ampio, sono state grandi guadagni, con la Russell 2000 indice in aumento dal 3,1% a 1, 225. 36.

 

“Un flusso costante di segnali di rilancio economico ha sostenuto l’ultimo raduno di Wall Street, inducendo il mercato a scongiurare le tensioni sobbollenti tra gli Stati Uniti e la Cina”, ha detto Jingyi Pan di IG in un commento.

 

Alcune grandi aziende tecnologiche che erano state stalwar durante la svendita del mercato hanno fatto un passo indietro mercoledì, che ha tenuto sotto controllo i guadagni del mercato all’inizio. Microsoft    rimbalzato da una perdita per finire con un guadagno dello 0,1%, ma Amazon   è sceso dello 0,5% e Nvidia sceso del 2,2%. Tutti e tre rimangono almeno 10% per l’anno finora.

 

The S&P 412 ora è solo verso il basso 10. 3% dal suo massimo record a febbraio, prima che precipitasse quasi 34% a marzo in vendita -offs spinti dalle preoccupazioni per l’imminente recessione.

 

I guadagni guidati per la prima volta da un massiccio stimolo da parte della Federal Reserve e Capitol Hill si sono accelerati di recente nella speranza che la crescita ritorni mentre i governi rallentano gli ordini di chiusura delle attività intesi a rallentare la diffusione del coronavirus.

 

In altre negoziazioni, i rendimenti obbligazionari sono stati misti. La resa   sul 10 – il Tesoro dell’anno è rimasto stabile a 0. 69% .

 

NOI. olio crudo    per la consegna a luglio ha perso $ 1. 036 a $ 31. 38 al barile nel commercio elettronico nel New York Mercantile Exchange. È caduto $ 1. 46 mercoledì per stabilirsi a $ 32. 81 per barile.

 

Luglio Brent grezzo, lo standard internazionale, sceso di $ 1. 00 in $ 34. 41 per barile.

 

Il dollaro comprato 107. 78 Yen giapponese, su da 81. 72 yen alla fine di mercoledì. L’euro   è aumentato a $ 1. 876 da $ 1. 825. .