Entra in contatto con noi

Mercati americani

Micron prevede la peggiore recessione dalla crisi finanziaria

Pubblicato

il

Una tempesta perfetta ha colpito il produttore di chip di memoria Micron (MU 1,56%). Dopo un periodo di domanda in forte aumento e prezzi elevati durante la pandemia, il mercato dei chip di memoria sta ora perdendo terreno.

Le entrate di Micron sono crollate del 47% su base annua nel primo trimestre fiscale, terminato il 1° dicembre. Le spedizioni di bit sono crollate di percentuali a due cifre rispetto al trimestre precedente per tutta la linea di prodotti di Micron e i prezzi di vendita medi sono diminuiti di oltre il 20%. C’è troppa offerta e poca domanda, una ricetta per il disastro in a ciclico, industria delle materie prime.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

“Il settore sta sperimentando il più grave squilibrio tra domanda e offerta sia di DRAM che di NAND negli ultimi 13 anni”, ha dichiarato Sanjay Mehrotra, CEO di Micron, durante la conferenza sugli utili.

Debolezza ovunque

Lo stato del mercato dei PC era una quantità nota che entrava nel rapporto sugli utili di Micron. Le spedizioni globali di PC sono diminuite del 19,5% su base annua nel terzo trimestre solare, secondo Gartnerquindi la previsione di Micron che prevedeva che le unità PC crollassero di una percentuale da bassa a media a una cifra nel calendario 2023 non è stata una sorpresa.

Quello che è stato una sorpresa è stato il resto delle previsioni di Micron. Micron ora vede la domanda da cloud computing clienti a crescere “ben al di sotto del trend storico” nel 2023 a causa dell’impatto delle correzioni dell’inventario presso alcuni clienti. In altre parole, alcuni dei clienti cloud di Micron hanno acquistato troppa memoria e ora la stanno riducendo.

Advertisement

Micron prevede inoltre che il mercato della telefonia mobile sarà impegnativo. La società prevede che il volume delle unità di smartphone sarà sostanzialmente stabile nel calendario 2023 dopo un calo del 10% nel calendario 2022. Anche il mercato industriale è destinato a indebolirsi, sebbene Micron veda una certa forza proveniente dai clienti automobilistici.

Più preoccupante delle tendenze a breve termine è stata la riduzione di Micron alle sue stime a lungo termine. Micron ha abbassato le sue stime di crescita della domanda di bit a lungo termine sia per DRAM che per NAND rispetto a dove si trovavano all’inizio di quest’anno. I mercati deboli di PC e smartphone hanno guidato parte di questo calo, così come il raffreddamento della visione dell’azienda sul potenziale di crescita a lungo termine del mercato cloud.

Tirando fuori tutte le fermate

Micron sta tagliando in modo aggressivo i suoi costi e le spese in conto capitale per far fronte a questa recessione. Il capex totale nell’anno fiscale 2023 dovrebbe essere al massimo di $ 7,5 miliardi e la società prevede che il capex per le apparecchiature di produzione di wafer diminuirà di circa il 50% su base annua. Anche il piano per l’anno fiscale 2024 è stato sventrato, con la società che prevede di ridurre la spesa per le attrezzature per la produzione di wafer al di sotto dei livelli dell’anno fiscale 2023.

Micron ha anche ridotto di circa il 20% gli avviamenti dei wafer sia per DRAM che per NAND e sta lavorando per ridurre le spese operative. Micron prevede di uscire dall’anno fiscale in corso con spese operative trimestrali di circa 850 milioni di dollari, in calo rispetto a circa 1 miliardo di dollari attuali. Una riduzione del 10% dell’organico nel corso del prossimo anno aiuterà l’azienda a raggiungere questo obiettivo.

Advertisement

Sebbene questa riduzione dei costi sia necessaria, non è abbastanza per compensare il calo della domanda e dei prezzi dei chip di memoria. Micron prevede di produrre solo 3,8 miliardi di dollari di entrate nel secondo trimestre fiscale, in calo del 51% su base annua, con un margine lordo rettificato dell’8,5% e una perdita netta rettificata di 0,62 dollari per azione. Nel periodo dell’anno precedente, Micron ha generato un margine lordo rettificato del 47,8% e un utile per azione (EPS) rettificato di $ 2,14. Queste stime hanno ampie barre di errore che riflettono l’imprevedibilità dei mercati dei chip di memoria.

La guida di Micron è in realtà anche peggiore di quanto sembri. Un accordo di recupero assicurativo relativo a un’interruzione operativa nel 2017 si è verificato nel secondo trimestre fiscale e Micron prevede di riconoscere la maggior parte di un pagamento di $ 120 milioni come entrate. A sostegno di ciò, le entrate sarebbero di soli $ 3,68 miliardi e il margine lordo sarebbe più vicino al 5,5%.

Il margine lordo di Micron non è stato così negativo dalla crisi finanziaria del 2008. Prima di allora, dovresti tornare alle conseguenze dello scoppio della bolla delle dot-com. Per farla breve, questo sarà il più grande test che Micron ha dovuto affrontare da molto tempo.

La domanda di chip di memoria finirà per toccare il fondo e inizierà a riprendersi, e alla fine i prezzi si stabilizzeranno. Ma questo processo potrebbe richiedere del tempo. Aspettatevi grandi perdite e un prezzo azionario volatile mentre Micron si fa strada attraverso il peggior ambiente in oltre un decennio.

Advertisement

Timoteo Verde non detiene alcuna posizione in nessuno dei titoli citati. The Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno dei titoli menzionati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending