Entra in contatto con noi

Mercati americani

Microsoft fa un grosso affare con la Borsa di Londra

Pubblicato

il

In questo podcast, l’analista senior di Motley Fool Jason Moser discute:

  • L’accordo “win-win” tra Microsoft e la Borsa di Londra.
  • In che modo i servizi cloud come Azure e AWS stanno diventando utility.
  • La vita pubblica breve e poco felice di Weber Grill.
  • Il consiglio di Peter Lynch è un punto di partenza (non un traguardo) per gli investitori.

Il produttore di Motley Fool Ricky Mulvey parla con Eddie Alterman, conduttore di Spettacolo automobilistico podcast, sul mercato delle auto usate e come GM è in competizione con Ferrari.

Per catturare gli episodi completi di tutti i podcast gratuiti di The Motley Fool, dai un’occhiata al nostro centro podcast. Per iniziare a investire, dai un’occhiata al nostro guida rapida per investire in azioni. Una trascrizione completa segue il video.

10 azioni che ci piacciono di più di Microsoft
Quando il nostro pluripremiato team di analisti ha un suggerimento sulle azioni, può essere utile ascoltarlo. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni per gli investitori da acquistare in questo momento … e Microsoft non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Advertisement

Vedi i 10 titoli

*Stock Advisor torna a partire dal 1° dicembre 2022

Questo video è stato registrato il 12 dicembre 2022.

Chris Hill: Il gigante della tecnologia conclude un nuovo accordo e le azioni di Weber Grill vanno in fumo. Motley Fool Money inizia ora. Sono Chris Hill. Unisciti a me oggi Jason Moser, analista senior di Motley Fool. Felice lunedi

Advertisement

Jason Moser: Buon lunedì davvero.

Chris Hill: Iniziamo con Microsoft, lo facciamo? Perché Microsoft ha stretto un accordo con la Borsa di Londra. L’accordo prevede che l’exchange spenda quasi tre miliardi di dollari nel prossimo decennio in prodotti Microsoft. Sembra che la maggior parte di ciò verrà spesa per i servizi cloud di Azure. Il London Stock Exchange ottiene un maggiore utilizzo dei dati e la possibilità di attrarre una base di clienti più ampia in cambio di quasi tre miliardi di dollari. Sembra una vittoria qui.

Jason Moser: Sì. Sicuramente sembra che sia una buona cosa per entrambe le società. Quando lo guardi nel grande schema delle cose, penso che sia un accordo di oltre 10 anni per spendere un minimo di $ 2,8 miliardi in prodotti relativi al cloud con Microsoft. Se lo allunghi, stai osservando ciò che essenzialmente, fondamentalmente $ 280 milioni all’anno nei prossimi 10 anni come minimo. Per un’azienda come Microsoft, un’attività che ha incassato 203 miliardi di dollari negli ultimi 12 mesi, ovviamente, non molto significativa da quel punto di vista. Solo da una semplice prospettiva numerica, è una goccia nel mare. Se si considera LSE, hanno incassato circa 9,1 miliardi di dollari di entrate negli ultimi 12 mesi. Quindi è un po ‘diverso per loro spendere $ 280- $ 300 milioni all’anno. Questo è un po’ più di un impegno per quell’attività. Ma in generale, sì, sembra che funzionerà per entrambe le aziende.

Interessante da parte di Microsoft, tutti, il pensiero qui è che questo è un bene per Microsoft in quanto riguarda Azure, ma penso che dia loro anche l’opportunità di continuare a sfruttare le altre proprietà e specialità che hanno, vale a dire i team. Questo sarà qualcosa che consentirà loro di implementare Microsoft Teams e di incorporarlo davvero nel flusso di lavoro di LSE e continuare a sviluppare funzionalità da quella piattaforma. Microsoft Teams in questa era di Slack e Ingrandisci, e lavorando in remoto, Teams ha sicuramente dimostrato di essere un degno concorrente. Penso che negli ultimi anni la conversazione sia certamente incentrata su cose come Slack e Zoom. Teams è un’ottima piattaforma, un ottimo prodotto. Avendolo usato io stesso, mi è piaciuto molto. Sento che questo è un buon modo per loro di continuare a crescere anche con gli oltre 23.000 dipendenti di LSE. Sì. Penso che tutto sommato sia una cosa sensata per la Borsa di Londra e assolutamente una bella vittoria per Microsoft.

Advertisement

Chris Hill: Probabilmente non fa male farsi un paio di amici nelle vicinanze di, non so, il più grande mercato azionario d’Europa. Sto solo pensando da un punto di vista normativo. Non sto dicendo che sia per questo che Microsoft ha fatto questo accordo. Sto solo dicendo che probabilmente è una piccola cosa che va nella colonna più.

Jason Moser: Un potenziale vantaggio, penso che forse possiamo chiamarlo. Non credo che possa danneggiare la causa. Hai ragione. Microsoft è chiaramente sui radar del regolatore in questo momento per il Bufera di neve di Activision acquisizione. Ovviamente, la FTC ha intentato una causa per cercare di impedire che l’affare avvenga o almeno di ottenere alcune concessioni. Resta da vedere come andrà a finire tutto. Ma sì, probabilmente dà a Microsoft qualche amico in più in un mercato che si applicherebbe a qualcosa del genere. Sono d’accordo con te. Non posso credere che questo sia il motivo per cui hanno fatto qualcosa del genere, ma sono sicuro che probabilmente lo guarderanno e penseranno, ehi, quel vecchio detto, Chris, non è quello che sai finché non lo sai. Sembra che forse stiano conoscendo qualche altra persona qui che potrebbe servirli bene lungo la strada. Questo davvero, penso, fa luce sulla natura di questa relazione piuttosto lunga. Dieci anni sono un buon inizio, per così dire.

Non penso che sia qualcosa che dovremmo aspettarci di concludere solo dopo 10 anni. La cosa bella di questo è che hanno 10 anni per stabilire davvero questa relazione e stabilire una relazione profonda. Diventi molto appiccicoso. I costi di passaggio aumentano man mano che ti integri con questi fornitori di servizi cloud. Se si guarda al mercato globale del cloud, i ricavi dei servizi di infrastruttura cloud negli ultimi 12 mesi sono stati pari a 217 miliardi di dollari. Se guardi al modo in cui CloudShare si rompe oggi, ce l’hai Amazzonia con AWS al 34%. Microsoft sta iniziando a chiudersi un po’ al 21 percento con[[Alfabeto‘s]Google al terzo posto con l’11%. Ricordi che la quota di Amazon era più alta. Erano soliti fare la parte del leone. Ora stai solo vedendo più concorrenza e questo ha molto senso. Quando guardi la durata di questa relazione, la durata di questa relazione, ti dà un’idea un po’ più precisa del potenziale che potrebbe svilupparsi anche oltre i 10 anni, cosa che penso dovrebbe essere entusiasmante per gli azionisti Microsoft.

Chris Hill: Sì. È difficile immaginare questo mercato quando disponi quei numeri. È difficile immaginare che questo mercato diventi tutt’altro che più grande nei prossimi 10, 20, 30 anni.

Advertisement

Jason Moser: Ci si sente. Ne parliamo di tanto in tanto nel team qui per quanto riguarda solo la prospettiva delle utilità. Le persone dei servizi pubblici tendono a pensare alle compagnie idriche, alle compagnie del gas, alle compagnie elettriche e poi simili. Metterei sicuramente i fornitori di servizi cloud in quella categoria come l’utilità moderna. Ora è un modello leggermente diverso in un modo diverso in cui le finanze funzionano lì. In definitiva, questi servizi cloud fanno parte di aziende che fanno altre cose. Ma penso che sia molto giusto considerare l’infrastruttura cloud assolutamente come una forma di utilità che sta diventando sempre più rilevante col passare del tempo.

Chris Hill: Come si suol dire e scusate l’interruzione, scie felici alla vita pubblica per Weber Grill. BDT Capital Partners sta prendendo Webber privato in un accordo del valore di $ 3,7 miliardi. Weber è diventato pubblico nell’agosto del 2021. Il prezzo delle azioni del giorno di apertura si è chiuso a poco più di $ 18 per azione e il prezzo di acquisto è di poco superiore a otto dollari per azione. Sembra il miglior risultato possibile. Non un grande risultato, ma il miglior risultato possibile.

Jason Moser: Penso tu abbia ragione. Devi dare credito a BDT Capital qui. Aiutando a rendere pubblica la società all’epoca, erano l’azionista di controllo in collaborazione con la famiglia e il management di Stephen da un investimento nel dicembre del 2010. BDT conosceva molto bene questo business e alla fine, ehi, ascolta, l’hanno reso pubblico per uno prezzo e stanno per riacquistarlo a un prezzo molto più basso. Sono un po’ combattuto su quando, immagino che probabilmente questo sia un buon affare da possedere al giusto prezzo. Penso che grigliare in quello stile di vita non sia qualcosa che sta andando via. Ci sono molte opportunità lì. Non so se sia un’opportunità per crescere fino alla luna, ma ci penso ogni volta che accendo il grilletto. Chris, come ho fatto ieri, quando stavo fumando delle costole attraverso quelle costole lì alle 12, le ho tolte alle sette Chris, erano deliziose.

Non ti mentirò. Era tutto il giorno che non mangiavo ciliegie con un po’ di noci pecan in più nel tubo di fumo, erano sublimi. Ora, mentre lo facevo, penso a quanto mi piace non solo il prodotto finito, ma anche il processo. È solo divertente, è divertente. Ma mi ha anche ricordato l’uomo, non so se voglio essere un investitore in una di queste società e le ragioni principali perché i prodotti, così dannatamente buoni. Spero che questo sia l’ultimo trigger che abbia mai dovuto comprare. È il primo, la mia famiglia me l’ha regalato lo scorso Natale. È molto ben fatto e se te ne prendi cura, penso che possa durare molto, molto tempo. Tu ed io stavamo parlando oggi. Entrambi abbiamo vissuto l’esperienza. Hai griglie per 15, 16, 17 anni. Questo non sta spingendo un sacco di acquisti ripetuti, vero?

Advertisement

Chris Hill: Non è. È un errore commesso da molti investitori, me compreso.

Jason Moser: Sicuro.

Chris Hill: Pensando al grande Peter Lynch e ai suoi principi sull’investimento in uno di loro, guarda i prodotti e i servizi che stai già utilizzando nella tua vita. L’errore che molte persone fanno è fermarsi proprio lì, è solo fermarsi mentre uso questa cosa e amo questa cosa, quindi, quindi, ne comprerò azioni. È come no, è lì che inizia il processo di investimento. Quindi, una volta che hai avuto l’idea, inizi a scavare, beh, come vanno questi affari e stanno facendo soldi? Nel caso di Weber, hanno realizzato un prodotto così buono e così duraturo che le persone non avranno bisogno di comprarne un altro per 20 anni? Se è così ed è il caso di Weber Grill, allora sì, non è un grande investimento.

Jason Moser: Penso che tu l’abbia messo perfettamente lì, amico, ed è qui che inizia il processo. Una volta che vedi quello che dici, questo è il punto di partenza. Ora fammi capire come funziona effettivamente questa attività. guardo a Trager ad esempio, ho un debole per Traeger ovviamente perché ho un Traeger. Penso che tutte queste aziende facciano le cose molto bene, che si tratti di Big Green Egg, Traeger, Weber, realizzano prodotti meravigliosi e penso che quello che stiamo iniziando a vedere fare a queste aziende sia cercare di capire come monetizzare oltre quel fantastico Prodotto. Quindi si riduce a servizi ausiliari, materiali di consumo, accessori, cose del genere. Che si tratti di kit pasto, inventare nuovi tipi di accessori e il nerdier che ottieni sulla grigliata e sul memoriale del fumo, adoro tutti quegli accessori.

Advertisement

Ma poi penso davvero al lato consumabile, e questo entra davvero in gioco con qualcosa come un Traeger solo perché è alimentato da quei pellet di legno. Questo è qualcosa che devi continuare a comprare. Non è una griglia a gas, è alimentata da quei pellet di legno e dall’app per acquistare quei pellet per utilizzare la griglia. Se queste aziende possono trovare nuovi modi per far crescere quelle offerte di materiali di consumo e offerte accessorie, possono diventare più attraenti perché c’è quella base installata. C’è un costo di commutazione che entra in esso. Se acquisti quel Weber, probabilmente lo utilizzerai per i prossimi 15-20 anni se te ne prendi cura.

Scopri i modi per monetizzare quella relazione. Immagino che BDT Capital, data la loro storia con Weber, probabilmente abbia qualche idea. Sono sicuro che probabilmente eseguiranno su quelle idee. È bello vedere l’innovazione in questo spazio. Essenzialmente quel tweet precedente sulla collaborazione di Traeger con WhistlePig e quel nuovo pellet di legno Bourbon Barrel. Dovrò fare un tentativo, Chris, sento che deluderei la mia famiglia se non lo facessi altrimenti. Ma sì, vedere quel tipo di innovazione è abbastanza carino e penso che sarà la chiave di tutto le aziende che hanno successo, stanno prendendo quel fantastico prodotto, quella fantastica base installata, quel rasoio e stanno solo cercando nuove lame avvincenti con cui andare.

Chris Hill: Jason Moser, grazie per essere qui.

Jason Moser: Grazie.

Advertisement

Chris Hill: Tra tutti i discorsi di quest’anno sull’aumento dell’inflazione, il costo dei veicoli usati è in costante calo. Ricky Mulvey ha incontrato Eddie Alterman, Chief Brand Officer di Hearst Autos, per parlare del mercato delle auto usate. Trame sorprendenti del 2022 e un modo in cui la General Motors sta battendo la Ferrari.

Ricky Mulvy: Pensi che la Chevrolet 06 Corvette possa competere con le Lamborghini e la schiena di Detroit della Ferrari è perché sei un ragazzo di Detroit o hai fatto peggiorare Lambos e Ferrari.

Eddie Altermann: I miei pistoni avevano, penso che l’ultima volta che abbiamo parlato, indossavo il cappello delle tigri, non riesco proprio a raccogliere l’entusiasmo per te che avevano i leoni. No, penso che Detroit abbia creato qualcosa con una nuova Corvette che è pienamente competitiva con Lamborghini e Ferrari. Le Corvette sono sempre state la supercar economica. Lo avrebbero fornito prestazioni a volte equivalenti a una Ferrari o Lamborghini e McLaren per un terzo dei prodotti. Ma forse non sono state prese sul serio come alcune di quelle supercar europee perché non sono state realizzate. Il grande cambiamento avvenuto con questa ottava generazione della Corvette, è che il motore si è spostato dalla parte anteriore dell’auto o dai pesi sulle masse sulle ruote anteriori a dietro i passeggeri come una vera supercar in stile europeo. Corvette ha minacciato di farlo per molto tempo.

Alla fine lo hanno fatto con l’ottava generazione. È davvero una vera e propria supercar d’epoca come una McLaren, come una Ferrari, come una Lamborghini, ma è solo molto più economica. Ma ha un sacco di carattere. marcia alla grande. Il giro non è duro, gli interni sono belli, e penso che per molti versi preferisco averla piuttosto che una Ferrari o una Lamborghini. penso che sia un guidatore migliore di tutti i giorni ed è più comodo essere dentro. la trasmissione è liscia come la seta ei sedili sono fantastici e non devi preoccuparti dei prezzi di riparazione europei. C’è una storia divertente sui ragazzi della Lamborghini contro i ragazzi della Ferrari. Non so dove sia questo ufficio, ma la persona Ferrari avrà pensato a un’auto per anni e anni e lavorerà per ottenerla e alla fine la comprerà e la terrà per il resto della sua vita. Quella è la sua macchina. Dove c’è una persona Lamborghini. Si dice che l’acquisto di una Lamborghini sia un acquisto d’impulso e tra 18 mesi saranno morti o in prigione o al verde.

Advertisement

Ricky Mulvy: Punto precedente, che è che il Guado i concessionari stanno ora raccogliendo veicoli elettrici in una conferenza a New York. Penso che fosse come a marzo o qualcosa del genere. Jim Farley ha dichiarato: “Dobbiamo andare a un prezzo non negoziato. Dobbiamo andare al 100% online. Non c’è inventario, va direttamente al consumatore e ritiro e consegna remoti al 100%. ” Sta riportando indietro i concessionari o era solo arrabbiato perché vendevano auto al di sopra del prezzo consigliato?

Eddie Altermann: Non so se fosse uno di quelli. Penso che i rivenditori facciano davvero molto per l’America. Le leggi sul franchising proteggono quei rivenditori. Ma penso che alla fine i politici locali vengano eletti dagli spacciatori e tutti i loro soldi e non credo che gli spacciatori se ne andranno presto. Penso che Farley sia provocatorio e stia cercando di spingere l’industria ed è davvero intelligente, molto dinamico, e penso che sia un provocatore nel miglior modo possibile. Penso che quello che stava facendo fosse dire, guarda, Teslasta facendo questo. C’è qualche indiretto. Stanno ottenendo tutti i dati sui loro rivenditori e i dati sono ciò che vogliamo. Mi dispiace, i dati su tutti i loro clienti. Mentre nel sistema attuale, una volta che l’OEM vende a un concessionario, quell’auto viene considerata venduta e ora è un problema dei concessionari. I rapporti di clientela esistono con il concessionario e il cliente, non con il cliente della casa automobilistica.

Ricky Mulvy: Penso che in parte sono sicuro che ci fosse pressione sulle azioni o pressione degli investitori che c’era nel 2020 durante la pandemia, diciamo solo. Tutte queste auto venivano vendute al di sopra del prezzo consigliato e non si rifletteva necessariamente nelle entrate per gli investitori nella tua Ford. Ehi, cosa sta succedendo? Perché non ne stiamo beneficiando e tu hai solo consumatori arrabbiati o acquirenti di auto arrabbiati, dovrei dire, che sono solo arrabbiati per essersi sentiti derubati? Stai vedendo la stessa cosa nel mercato delle auto usate con cos’era? Il Honda berline sportive che costano circa $ 10.000 in più all’anno usate rispetto al nuovo prezzo consigliato?

Eddie Altermann: Il tipo Civic è la versione 2021, che era l’ultima generazione, costa 50.000, mentre la nuova carta è 43. Ma il punto interessante su quello che hai detto su Ford, mentre gli investitori non stavano ottenendo i rendimenti che i concessionari erano. Era una semplice equazione domanda-offerta. Le case automobilistiche, a causa della carenza di chip di silicio, non erano in grado di produrre i volumi di cui avevano bisogno. Ha creato un’enorme pressione presso i concessionari. Toyota di solito hanno una fornitura di 30-60 giorni a seconda del modello, hanno una fornitura di 36 ore. Le cose che arrivano sul camion sono già vendute. I concessionari che guadagnavano soldi a palate, ma le case automobilistiche erano quelle che erano incredibilmente sfidate da questo, e lavoravano duramente per pompare le cose, e quindi ha davvero rafforzato la posizione dei concessionari e ha dato loro un tesoro. Si spera che non lo stiano spendendo.

Advertisement

Ricky Mulvy: Detto tra noi, quanta di quella era pubblicità? Dobbiamo iniziare a venderlo al di sopra del prezzo al dettaglio suggerito dal produttore perché semplicemente non abbiamo inventario.

Eddie Altermann: Beh, ci sono state delle truffe, ma c’è solo molta concorrenza naturale lì. Guarda, siamo in un ciclo in cui le persone devono acquistare auto nuove perché il 30-40 percento delle auto è in leasing. Il tasso di abbandono è integrato nel sistema, quindi dovresti acquistarlo o noleggiarlo, cosa che molte persone hanno fatto perché era vantaggioso per loro acquistare il valore residuo originale dove l’auto sul mercato aperto vale di più , ma le persone hanno bisogno di auto nuove. La cosa interessante che vedete è che anche in questo ambiente limitato dall’offerta, i volumi sono ancora intorno ai 13 milioni.

Tutti dicono che il volume naturale di auto nuove è di circa 17 milioni, che è un numero molto, molto alto. Penso che la domanda di nuove auto sia sempre molto forte, soprattutto perché stiamo attraversando questo vero e proprio cambiamento tecnologico del motore primo che avviene una volta ogni secolo in cui stiamo passando dal gas ai veicoli elettrici, e le persone sono entusiaste in un modo che non parlano di auto da molto, molto tempo. Per molto tempo, il settore automobilistico è stato come perché non possiamo essere più simili all’iPod? Perché non possiamo essere più simili Mela? Ora il business automobilistico è come perché non possiamo essere più simili a Tesla?

Ricky Mulvy: Bene, ci sarà un enorme vento contrario, specialmente per le auto nuove e usate, che molte di queste aziende guadagnano con il finanziamento, non fanno soldi con la vendita dell’auto. Hai tassi di interesse del tipo, che cos’è? I tassi di interesse di base sono di circa il quattro percento quest’anno, quindi ciò significa che il tuo prestito auto sarà molto più costoso. Passa al prezzo delle auto e soprattutto delle auto usate, beh, immagino che le auto nuove siano in media $ 48.000 in questo momento. Dove pensi che siamo nel mercato delle auto usate? Perché, per un’auto nuova, non è conveniente per la maggior parte delle persone. Non puoi comprare una macchina nuova.

Advertisement

Eddie Altermann: Non troppo indietro. Le auto di tre anni stanno davvero portando a prezzi molto, molto alti perché le persone vogliono stare al passo con la tecnologia. La gente vuole le ultime cose sulla sicurezza. È un enorme stimolo emotivo per le persone, quindi vogliono le auto più nuove e quelle nelle migliori condizioni. In genere, hanno il maggior numero di contenuti e le persone li vogliono. Il prezzo medio di utilizzo è di circa 35, 38, che è incredibilmente alto. Ma questo non vuol dire che guardi un po ‘più a fondo in un CarGurus o in AutoNation. Puoi ottenere qualcosa per 15, 20 mila dollari. Un mio amico ha appena comprato un quindicenne. Ci sono offerte là fuori.

Ricky Mulvy: Per i tuoi soldi, cosa stai ottenendo, diciamo solo $ 20.000- $ 30.000 se stavi acquistando un’auto in questo momento?

Eddie Altermann: Vorrei prendere una Lexus GX460. Questo è un sacco di contenuti di funzionalità per non molti soldi. Possono andare in fuoristrada. Oppure può essere Miata.

Ricky Mulvy: Il tuo suggerimento è che sia quello o Miata?

Advertisement

Eddie Altermann: Quelli sono gli unici due.

Ricky Mulvy: Sto guardando auto elettriche usate e fondamentalmente, se vuoi qualcosa sotto i 30k, la tua opzione è la Nissan Leaf, il gioco è fatto.

Eddie Altermann: Si Esattamente.

Ricky Mulvy: Quali sono le mie speranze di acquistare un’auto elettrica decente sotto i 30.000 dollari nei prossimi cinque anni, secondo te?

Advertisement

Eddie Altermann: Piuttosto alto. Penso che i costi stiano scendendo. Guarda cosa sta facendo la General Motors con i loro prezzi BEV è molto aggressivo ed è per questo che Bolter suona così bene. Penso che Equinox EV festeggerà lo stesso con Blazer. Penso che abbiano imparato i prezzi lì. Guarda cosa Hyundai e Kia stanno facendo e sono davvero aggressivi sul prezzo, ma la Hyundai IONIQ 5, che è essenzialmente un veicolo molto grande, non sembra così grande nelle immagini, ma è davvero grande. È la stessa base della ruota del SUV a tre file Palisade, che va dalla metà degli anni ’40 agli anni ’50, quindi è al di sopra di quella soglia di $ 30.000.

Ricky Mulvy: Voglio continuare a parlare un po’ delle tendenze perché quest’anno sento che puoi sembrare intelligente nell’investire in nuove cose. È pieno di sorprese per gli investitori. Ci sono state molte sorprese anche per quanto riguarda le auto. La metto in questo modo. Sulla mia carta Bingo non avevo Apple, Ford e… Volkswagen ritardare i loro piani di guida autonoma e metterli nel dimenticatoio. Nicola ha consegnato camion. C’è qualche trama a sorpresa che si distingue per te quest’anno?

Eddie Altermann: Bene, quello di Nikola è interessante perché il capo di quella società è stato arrestato per frode, e le azioni sono crollate, e parte di questo era il rendimento delle obbligazioni, ma Nikola sembra essere tornato un po’. Ma per me, la storia più interessante sulla fine del prodotto è che se mi chiedessi cinque anni, 10 anni fa da dove venivano le macchine più grandi, avrei detto Germania, forse un po’ di Giappone lì dentro. Ora sento che oggi sono la Corea e Detroit con il prodotto più interessante. Penso che quello che sta facendo Genesis sia fenomenale. I loro SUV sono incredibili, i loro componenti elettrici e molto attraenti, e solo la fedeltà del design è così alta. Crescendo a Detroit negli anni ’80, non avrei mai pensato di guidare una Cadillac migliore di BMW o Mercedes. Ne sto guidando uno in questo momento. Sto guidando una Cadillac CT4-V Blackwing che preferirei guidare piuttosto che una BMW M3 a dirti la verità.

Chris Hill: Se vuoi saperne di più su Eddie Alterman, la seconda stagione del suo podcast Car Show è ora disponibile. Come sempre, le persone nel programma potrebbero avere interessi nelle azioni di cui parlano e The Motley Fool potrebbe avere raccomandazioni formali a favore o contro, quindi non acquistare o vendere azioni basandosi esclusivamente su ciò che senti. Sono Chris Hill, grazie per l’ascolto. Ci vediamo domani.

Advertisement

John Mackey, CEO di Whole Foods Market, una sussidiaria di Amazon, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Suzanne Frey, dirigente di Alphabet, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Chris Hill ha posizioni in Activision Blizzard, Alphabet, Amazon.com e Microsoft. Jason Moser ha posizioni in Alphabet e Amazon.com. Ricky Mulvey non detiene alcuna posizione in nessuno dei titoli citati. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Activision Blizzard, Alphabet, Amazon.com, Microsoft, Tesla e Zoom Video Communications. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending