Entra in contatto con noi

Lifestyle

Mojito: l'”incantesimo” che dava coraggio ai pirati

Pubblicato

il

Gustare un cocktail mojito mentre ci si rilassa sotto l’ombrellone o in un ristorante in riva al mare è uno dei piaceri dell’estate. Una bevanda famosissima in tutto il mondo, simbolo dell’estate, ma anche del divertimento e della vita notturna. Le sue radici solo profonde e affascinanti infatti la parola mojito si può associare alla parola vodoo “mojo” ovvero  incantesimo.

Una storia che inizia con un pirata e il suo bicchiere

La storia del mojito ha le sue origini in Sud America nel XVI secolo, quando i pirati infestarono i Caraibi e il corsaro inglese Sir Francis Drake, noto come Drac, regnava tra abbordaggi, incursioni e ricco bottino.

Si narra che il corsaro e la sua ciurma rimasero sulla piccola Isola della Giovinezza, rinfrescandosi nell’osteria e bevendo aguardiente: una preparazione a base di rum invecchiato, lime, zucchero di canna, acqua e menta locale, con un tocco speziato. e sapore frizzante. Antenato del mojito. La bevanda, che porta il suo nome “Draquecito o Draque”, ha ispirato coraggio per nuove incursioni spietate. Ma soprattutto, come già accennato, la presenza della calce proteggeva dallo scorbuto causato dalla carenza di vitamina C. I frutti erano molto utilizzati anche per prevenire la putrefazione dell’acqua nelle botti.

Il successo firmato da Hemingway

La bevanda ricevette una grande evoluzione solo nel 1800, quando l’azienda Bacardi introdusse metodi per la distillazione e l’invecchiamento del rum. Tuttavia, la popolarità del mojito moderno inizia nel XX secolo all’Avana, nella Bodeguita del Medio, ambiente frequentato da personalità di spicco e molti artisti della cultura mondiale: tra questi Salvador Allende, Pablo Neruda, Ava Gardner e molti altri.

Advertisement

Ma l’ospite più assiduo di questo luogo incantevole e del suo mojito è lo scrittore Ernest Hemingway. Ancora oggi, in un dipinto esposto all’interno del ristorante, si legge una dedica di Hemingway: “My mojito at La Bodeguita. Il mio daiquiri a El Floridite.”

Come fare un mojito: consigli e ingredienti utili

La sua preparazione con un rametto di menta e limone in un tumbler alto è un piacere per gli occhi; mentre l’aroma deciso del rum bianco, esaltato dal tintinnio dei cubetti di ghiaccio, con lime e menta, appaga il palato.

Un sorso di mojito è un viaggio ad occhi aperti ai Caraibi, tra lunghe spiagge incantevoli e mari cristallini. Questo long drink di origine cubana e cocktail ufficiale dell’IBA dal 2004 si è fatto conoscere in tutto il mondo grazie alla sua meticolosa preparazione e alla perfetta combinazione degli ingredienti. Rinfrescante e dissetante, il mojito è un cocktail esotico molto richiesto nei bar alla moda, sia come aperitivo che come fine pasto.

Il mojito servito da baristi esperti ha un ottimo sapore. Ma questo cocktail può essere preparato a casa, ad esempio, la sera con gli amici. Viene miscelato direttamente nel bicchiere in cui viene servito; quindi ricordati sempre di usare bicchieri alti.

Advertisement

L’ingrediente principale è rum cubano, occorre sceglierne uno di ottima qualità per cocktail indimenticabili,

INGREDIENTI X 2 persone 
20 foglie di menta fresca
100 ml di rum bianco
2 cucchiai di zucchero di canna
2 lime
acqua frizzante a piacere
cubetti di ghiaccio a piacere
2 fette di lime (per decorare)
2 rametti di menta (per decorare)
ricetta mojito

ISTRUZIONI
Sciacquate bene le foglie di menta, se trovate la menta cubana, che ha l’odore più forte e pungente, e mettetele in un bicchiere insieme allo zucchero di canna.
Premerli delicatamente contro i lati del bicchiere per rilasciare l’odore e l’aroma tipici.
Dopo averli lavati e asciugati, spremete i lime (dovrebbero rappresentare 1/5 della bevanda) e versate il succo in un bicchiere.
Aggiungere del ghiaccio, preferibilmente a cubetti, per non versare troppo velocemente sul cocktail, e un’ottima marca di rum bianco.
Infine irrorate con acqua frizzante, o in alternativa soda o seltz, e mescolate bene, girando sempre nella stessa direzione. Per chi lo ama, potete aggiungere un po’ di angostura prima di frullare.
Guarnire il bicchiere con un rametto di menta e uno spicchio di limone e servire con una cannuccia.

Il mojito è un cocktail con gradazione alcolica, quindi è esclusivamente per adulti. L’ingrediente principale è il rum, un alcol ottenuto distillando la melassa di canna da zucchero o il suo succo e facendola maturare in botti di legno; a fine invecchiamento produce 40° di alcol.

Advertisement

Un bicchiere di mojito fornisce quasi 200 calorie. Pertanto, si sconsiglia di assumere anche più di una porzione a causa della quantità di alcol presente.

Advertisement