sabato 25 settembre 2021

Nella guerra dei vaccini, su quale titolo farmaceutico conviene puntare?

Sono tante le società che si contendono lo scettro per l’innovazione sul vaccino Covid-19. Il dilemma di oggi è: chi vincerà tra Moderna e Inovio?

Le azioni di Moderna (MRNA) e Inovio Pharmaceuticals (INO) sono salite alle stelle rispettivamente del 202% e del 534% da un anno all’altro, mentre gli investitori scommettevano sui programmi di vaccino contro il coronavirus delle società biotecnologiche. Ora, dato che entrambi hanno diffuso i dati provvisori provvisori dalle prime prove umane e si sono diretti ai test in fase avanzata, gli investitori potrebbero chiedersi quale dei due sia il miglior acquisto in questo momento.

Diamo un’occhiata più da vicino agli studi di entrambe le aziende, nonché ad altri fattori che potrebbero aiutare o ostacolare i loro sforzi per portare al pubblico un vaccino COVID-19 sicuro ed efficace.

Moderna, il pioniere indiscusso

Moderna è stato il primo a iniziare a testare un vaccino COVID-19 sull’uomo quando ha iniziato gli studi clinici a marzo. Da allora la società ha rilasciato dati provvisori positivi, che mostrano i livelli di anticorpi leganti e neutralizzanti dei partecipanti a livelli superiori ai livelli osservati nei pazienti con COVID-19 recuperati. Gli anticorpi leganti avvisano il sistema immunitario del corpo della presenza di un agente patogeno, ma gli anticorpi neutralizzanti in realtà bloccano l’infezione.

Lo studio di fase 1 ha coinvolto pazienti più giovani, di età compresa tra 18 e 55 anni. Moderna ha recentemente iniziato uno studio di fase 2, che coinvolgerà quella fascia di età e i pazienti più anziani. E infine, Moderna ha affermato che questo mese inizierà uno studio di fase 3 su un massimo di 30.000 persone.

Nel rapporto interinale di Moderna, i dati sugli anticorpi neutralizzanti erano disponibili solo per otto pazienti. I regolatori dovranno vedere questi risultati positivi in ​​molti più pazienti per determinare se il vaccino aiuta l’organismo a combattere le infezioni. Sarà anche fondamentale vedere come si comporta il vaccino nei pazienti più anziani poiché gli anziani sono tra i più a rischio durante questa crisi di salute.

Moderna rimane un leader in questa gara – ma non il leader. Il governo degli Stati Uniti ha incluso Moderna nella sua lista di cinque società che ritiene sia più probabile trovare prima un vaccino e ha offerto a Moderna ben 483 milioni di dollari a sostegno del suo programma. Tuttavia, il grande farmaceutico AstraZeneca (AZN), che ha collaborato con i ricercatori dell’Università di Oxford su un vaccino, ha ottenuto ancora più finanziamenti dal governo degli Stati Uniti – $ 1,2 miliardi – e ha già avviato una sperimentazione di fase 2/3.

Cosa succede se Moderna vince la gara? Bene, ci sono ancora sfide di produzione. La società sta aumentando la produzione con il suo partner Lonza Group (LZAG.Y) e prevede di produrre fino a 1 miliardo di dosi all’anno dal prossimo anno. Tuttavia, secondo Fierce Pharma, il CEO di Moderna Stephane Bancel, intervenendo ad una conferenza virtuale BIO, ha espresso preoccupazione per la fornitura di materie prime. Altri membri del panel hanno fatto eco a tali preoccupazioni e hanno parlato di altre questioni come il personale e la velocità.

Le statistiche di Inovio

Inovio ha recentemente riportato dati provvisori tratti dallo studio di fase 1 su pazienti di età compresa tra 18 e 50 anni. La società ha dichiarato che il 94% dei partecipanti ha dimostrato una risposta immunitaria, basata su anticorpi leganti e neutralizzanti e sulla risposta delle cellule T. Inovio non ha fornito dettagli sui livelli di anticorpi.

Inovio prevede di iniziare uno studio di efficacia di fase 2/3 questa estate. Inovio, come Moderna, deve ancora mostrare dati anticorpali neutralizzanti in un’ampia gamma di partecipanti allo studio e deve dimostrare che il suo vaccino è sicuro ed efficace nei pazienti più anziani.

Mentre il Dipartimento della Difesa ha offerto a Inovio $ 71 milioni, la Casa Bianca non ha incluso Inovio nella sua lista dei cinque promettenti sviluppatori di vaccini.

Dal punto di vista temporale, Moderna – e altri come AstraZeneca – sono chiaramente davanti a Inovio. Ma ciò non significa che Inovio sia fuori gara. Nelle sperimentazioni cliniche può succedere di tutto e se le aziende che si trovano a pochi passi di distanza finiscono per inciampare, Inovio potrebbe passare in testa. Oppure il vaccino di Inovio potrebbe arrivare sul mercato più tardi, ma potrebbe essere un vaccino migliore e alla fine guadagnare quote di mercato. Ecco perché è importante esaminare i risultati delle prove e la capacità dell’azienda di fabbricare il prodotto, così come concentrarsi sulla domanda “chi sarà il primo a commercializzare?”

La produzione è un potenziale ostacolo per Inovio. La società ha recentemente presentato una denuncia presso VGXI, fornitore di plasmidi di DNA utilizzati nel suo vaccino. Inovio ha affermato che VGXI non può supportare la produzione su larga scala necessaria e deve trasferire la sua tecnologia ad altre società per garantire la produzione. Il tribunale ha respinto la richiesta di Inovio, dicendo che non avrebbe ordinato a VGXI di rinunciare alla sua tecnologia. Inovio ha presentato un ricorso.

Cosa significa tutto ciò per gli investitori?

È impossibile prevedere le prestazioni dei vaccini di Moderna e Inovio in studi clinici in fase avanzata. Sulla base dei primi dati, possiamo essere cautamente ottimisti. Finora abbiamo un po ‘più di dettagli dal processo di Moderna e Moderna ha il vantaggio di un maggiore sostegno del governo.

Mentre la produzione per qualsiasi giocatore può avere le sue patch ruvide, la situazione di Inovio sembra più preoccupante. Se la società è impantanata in una controversia legale con VGXI ora, mi chiedo come possa risolvere il problema in tempo per aumentare la produzione all’inizio del prossimo anno. (L’iniziativa del governo degli Stati Uniti per sostenere lo sviluppo del vaccino ha fissato gennaio come obiettivo per la diffusione del vaccino.) Sebbene l’attenzione del mercato sia stata rivolta allo sviluppo di un vaccino, una questione chiave è in realtà ottenere quel vaccino per le persone che ne hanno bisogno.

Esiterei subito ad acquistare azioni di Moderna o Inovio in questo momento: i loro prezzi delle azioni sono diventati dipendenti dalle notizie sui vaccini contro il coronavirus piuttosto che dai loro gasdotti nel loro insieme. Ma se dovessi scegliere l’opzione migliore delle due, preferirei Moderna per i punti di forza sopra menzionati. Se i risultati della sperimentazione continuano a essere incoraggianti, le quote di questa società biotecnologica potrebbero salire.