giovedì 05 agosto 2021

Non commettere questi 6 errori più grandi se lavori da casa, dice il ragazzo che lo ha fatto per 10 anni

A causa della pandemia di coronavirus , un periodo di lavoro da casa sta diventando sempre più inevitabile per molte aziende. Per un certo numero di dipendenti, l’esperienza non è solo nuova, ma è anche temuta.

I professionisti, ovviamente, sono molto chiari: flessibilità suprema, autonomia innegabile e un pendolarismo che consiste nel camminare lungo il corridoio o una rampa di scale. I contro? Prende pratica e richiede una notevole quantità di autocoscienza, disciplina e attenzione simile al laser.

Il mio viaggio nel lavoro remoto è iniziato in 2010, quando stavo costruendo la mia prima startup. Avanti veloce 10 anni dopo, e ho accumulato un decennio di segreti di lavoro a distanza.

Ecco sei errori le persone di successo non fanno mai quando lavorano da casa:

1. Lavorare in pigiama

Le persone più produttive non si svegliano e inizia subito a lavorare mentre è ancora in pigiama. Invece, si preparano per la giornata come farebbero se fossero diretti in ufficio – il che, sì, implica vestirsi con abiti presentabili.

Mentre il pensiero di lavorare nei tuoi pantaloni della tuta senza giudizio potrebbe sembrare piacevole, il tuo pigiama non è esattamente un abbigliamento professionale, né ti metterà la mente in “modalità di lavoro”. Secondo uno studio della Northwestern University , i dipendenti, indipendentemente dalla professione che svolgono, svolgono compiti meglio quando indossano abiti che hanno “simbolico significato. “

Inoltre, apparire ben curati e presentabili ti salverà dalla seccatura di correre per prepararti ogni volta che si presenta un incontro video improvvisato.

2. Lavorare dal letto o dal divano

Avere un’area di lavoro designata è qualcosa che non posso sottolineare abbastanza. Buono per te se puoi lavorare in modo produttivo dal divano o dal letto, perché pochissimi possono.

Non esiste una configurazione adatta per tutti che funzioni per tutti. Occorreranno alcuni tentativi ed errori per trovare un layout dello spazio di lavoro che supporti le tue esigenze, ma la chiave è che assomigli il più possibile alla configurazione del tuo ufficio. Non hai nemmeno bisogno di una stanza privata; può essere un’area designata nella tua casa – lontano dal letto e dal divano, se possibile – che in pratica dice: “NESSUNA ZONA DI RELAX”.

Valuta di investire in una comoda sedia da ufficio (che puoi ottenere meno di $ 45 ) e una scrivania abbastanza grande da contenere le tue cose (ad es. monitor esterno, stampante, tastiera e mouse, schedari). Alcune aziende consentono ai dipendenti remoti di pagare questi articoli, quindi verifica con il tuo supervisore.

Anche l’illuminazione fa una grande differenza. Gli studi hanno scoperto che luci più fredde (maggiore è la temperatura di colore correlata, migliore) può rendere i lavoratori molto più produttivi . Sposta il tuo spazio di lavoro più vicino alla finestra se ricevi molta luce naturale; non solo è più facile per gli occhi, ma la ricerca ha dimostrato che può ridurre la depressione e migliorare l’umore, l’energia e la vigilanza .

3. Going dark

Anche nei giorni più lenti, le persone di successo che lavorano da casa fanno sempre un punto per comunicare troppo.

Come qualcuno che ha gestito una squadra da casa per diversi anni, assicurandosi che tutti prendano parte alla conversazione su ciò su cui stanno lavorando, gli stati degli incarichi e le loro preoccupazioni e problemi, mi dà tranquillità. Assicura che nulla si perda nella traduzione e che nessuno si senta trascurato.

Non è necessario controllare e rispondere costantemente alle e-mail (a meno che non siano urgenti). Per lo meno, fai regolari check-in con il tuo manager e il tuo team – tramite Slack, telefonate, e-mail. Esci dalla tua zona di comfort, parla dei tuoi obiettivi per la settimana. Chiedi – e dai – feedback diretto.

Trattalo come un aggiornamento casuale, piuttosto che un incontro formale. Ti aiuterà anche a costruire relazioni più sostenibili con le persone con cui lavori.

4. Trascurare la salute

Quando non sei in ufficio, di solito c’è anche meno attività fisica: nessuna sala riunioni per conferenze a cui andare a piedi, nessun collega con cui andare a correre un caffè con e senza lunghi corridoi che conducono alla stampante o bagno.

Ci sono state innumerevoli volte in cui mi sono ritrovato con mal di schiena e intorpidimento alle gambe perché ero stato seduto per cinque ore di fila, senza nemmeno rendermene conto. Mi perderei così tanto nel silenzio del lavoro che avrei persino dimenticato di pranzare (senza contare i sacchetti di patatine e soda a portata di mano).

Anche se tu ‘ un attore frequente, seduto per periodi eccessivamente lunghi può essere un fattore di rischio di morte precoce, secondo uno studio pubblicato negli Annali dell’Interno Medicinale. Ma ci sono buone notizie: i ricercatori hanno scoperto che le persone che sedevano per meno di 29 minuti alla volta avevano il minor rischio di morte prematura.

Lo faccio un punto per ritagliarsi del tempo durante il giorno per fare passeggiate (avere un cane rende più facile). Ci sono anche app e programmi scaricabili che ti consentono di impostare obiettivi di camminata per assicurarti di muoverti in quantità adeguata, come Stand Up! Timer interruzione lavoro , Ricorda casualmente e Tempo scaduto.

5. Non creare struttura e confini

È facile distrarsi da questioni personali quando lavori da casa, perché sei molto più accessibile a persone al di fuori della tua vita lavorativa.

Ecco perché hai bisogno di una struttura – un programma coerente e severo – per evitare che le distrazioni disturbino il tuo flusso di lavoro. Il modo più semplice per farlo è creare un elenco di cose da fare per ogni giorno. Dovrebbe includere compiti molto specifici, misurabili e realizzabili. Potrebbe essere necessario modificare l’elenco di domani a seconda di ciò che hai fatto oggi.

Mantenere la struttura significa anche stabilire dei limiti. Naturalmente, ci sono alcune eccezioni, ad esempio se sei un genitore single con un neonato. Ma per la maggior parte, sii chiaro con il tuo partner, amici o persone con cui vivi riguardo al tuo programma di lavoro. Prendi in considerazione l’idea di impostare una finestra temporale “Non disturbare” in cui puoi lavorare liberamente senza inutili interruzioni.

Inoltre, sii estremamente attento a ciò che fai online. Se hai la tendenza a controllare i social media, potresti voler scaricare un programma di blocco di Internet, come FocusMe o Libertà .

6. Cogliere l’occasione per scontata

L’opzione di lavorare da casa è un grande privilegio, specialmente durante la pandemia di coronavirus. Alcuni professionisti, come i lavoratori ospedalieri, devono presentarsi in loco per il loro lavoro.

Certo, posso entrare in risonanza con coloro che lavorano da casa per la prima volta ma assolutamente lo odio. All’inizio, ho avuto difficoltà a imparare a gestire con successo il mio tempo e rimanere disciplinato. Ma l’esperienza mi ha aiutato a crescere in molti modi:

  • La mia comunicazione abilità migliorate significativamente . Avere una presenza forte quando non sei in ufficio significa imparare a sviluppare una voce chiara e sicura. Parlare costantemente con colleghi e clienti sulla comunicazione digitale mi ha aiutato a fare proprio questo.
  • IO’ m un mago della tecnologia . Lavorare in remoto comporta sfide tecnologiche. Potresti avere difficoltà a connetterti al tuo server. Lo schermo del tuo computer di lavoro è appena diventato nero. I file sembrano essere scomparsi. Dopo aver trascorso ore al telefono con supporto IT, ora sono abbastanza abile da risolvere da solo questi problemi comuni.
  • Maggiore consapevolezza di sé e intelligenza emotiva. I segnali non verbali sono quasi impossibili per capire quando stai comunicando digitalmente. Ma dopo anni di pratica, posso facilmente capire i toni e dire se un collega è stressato, eccitato o depresso – e quindi rispondere di conseguenza.

Tom Popomaronis è un ricercatore di leadership, esperto di commercio, croce -industry leader dell’innovazione e vicepresidente dell’innovazione presso Massive Alliance . Il suo lavoro è stato presentato in Forbes, Fast Company, Inc. e The Washington Post. Nel 2014, Tom è stato nominato uno dei “29 Sotto 40” dal Baltimore Business Journal . Seguilo su LinkedIn .

Da non perdere:

Check-out: Le migliori carte di credito di 2020 potrebbe farti guadagnare oltre $ 1 , 000 in 5 anni

Articolo originale di CNBC