Entra in contatto con noi

Lifestyle

Non mangiare equivale a dimagrire: il grande successo del digiuno intermittente

Pubblicato

il

Esistono molti modi di mangiare basati su intervalli più o meno lunghi in cui non dovresti mangiare, e tra questi il ​​più famoso è il digiuno 16/8 (16 ore di digiuno e 8 ore di alimentazione al giorno).

Cosa dicono gli esperti

Diversi studi scientifici tentano di evidenziare i meriti di questo regime. Tra i più noti ci sono i benefici per la salute e la rigenerazione cellulare, oltre a importanti effetti positivi per l’intero sistema nervoso. Ovviamente è un errore considerare che si tratta di una dieta, ma piuttosto di una dieta per la cura di alcune malattie. Alla luce di tutto ciò, vorrei sottolineare che un tale approccio dovrebbe essere guidato da uno specialista. Altrimenti, c’è un serio rischio di malnutrizione. Il principio di base del digiuno intermittente è quello di modificare il metabolismo ormonale nel corpo stimolando la lipolisi e stimolando la rigenerazione cellulare. Il tema del digiuno è dibattuto a lungo nella comunità scientifica e i risultati non sono ancora stati confermati. A questo proposito vorrei citare un recente studio pubblicato sulla rivista internazionale Cell Stem Cell.

Questo studio evidenzia un risultato notevole. È stato infatti dimostrato che lunghi cicli di digiuno hanno un effetto protettivo contro i danni al sistema immunitario. Ovviamente si tratta di un risultato preliminare, ma mette in evidenza le potenzialità del digiuno. Tuttavia, va notato che l’uso di questa pratica dovrebbe essere sempre effettuato da esperti del settore, poiché può causare effetti collaterali molto gravi.

Può farti dimagrire

È una dieta che può essere applicata ciclicamente per rafforzare le nostre difese immunitarie. Ovviamente, limitare il tempo che puoi mangiare può ovviamente portare anche alla perdita di peso. Tuttavia, va notato che ciò è dovuto al fatto che viene implementata la restrizione calorica e non al vero principio alla base del digiuno intermittente. Pertanto, la perdita di peso non coincide necessariamente con la perdita di peso effettiva (perdita di grasso). In effetti, può essere deperimento, cioè perdita di massa muscolare.

Advertisement

Gli effetti metabolici del digiuno continuano ad essere oggetto di ricerca scientifica

In primo luogo, si ritiene che la pratica abbia un effetto di riduzione del cortisolo. Questo ormone, noto anche come ormone dello stress, oltre alle sue diverse funzioni, ha un effetto diretto favorendo il processo che porta alla sintesi di nuove cellule adipose. In secondo luogo, le ore/giorni di digiuno influenzano la funzione tiroidea promuovendo il mantenimento sottosoglia degli ormoni principali (TSH e FT3).

Ovviamente tutto questo deve essere correlato anche al fatto che durante le 8 ore di alimentazione si osserva uno stile di vita sano, nutriente e non eccessivo! Ci sono più prove dei possibili benefici del digiuno intermittente. In effetti, uno studio pubblicato sulla rispettata rivista internazionale Cell Stem Cell determina come questa pratica nei topi abbia innescato un meccanismo importante. Più precisamente, il digiuno innesca un processo rigenerativo nelle cellule staminali, che porta alla produzione di nuovi globuli bianchi. Questa proprietà è necessaria per il ripristino dell’intero sistema immunitario.

Advertisement