domenica 17 ottobre 2021

Nonostante gli attivisti, ExxonMobil starà bene

ExxonMobil (NYSE: XOM) è diventato un campo di battaglia. Gli attivisti, non i commercianti, stanno facendo la maggior parte della battaglia.

Fonte: Harry Green / Shutterstock.com Investitori attivisti, tra cui coraggiosi hedge fund Engine No. 1 hanno chiesto (e vinto) più posti nel consiglio di amministrazione di ExxonMobil. Questi attivisti affermano che Exxon non ha fatto abbastanza per combattere il cambiamento climatico e svolgere le sue operazioni in modo sostenibile. Molti proprietari di azioni Exxon sono preoccupati per questa situazione. Dopotutto, come dovrebbe funzionare una compagnia petrolifera quando i suoi amministratori sono sempre più concentrati su altre questioni? La gente è nervosa che l’attività di ExxonMobil venga danneggiata, causando un calo della sua redditività declino. Tuttavia, prima di scaricare le azioni XOM, ecco alcuni punti da considerare. Separare la paura dalla realtà C’è stata una grande preoccupazione su come la battaglia di ExxonMobil con gli attivisti avrà un impatto sull’azienda. Certamente, deve affrontare un percorso più complicato ora che deve soppesare più attivamente le preoccupazioni ambientali, sociali e di governance (ESG) quando prende decisioni.

Tuttavia, niente a cui ExxonMobil si è impegnata farà naufragare l’attività esistente dell’azienda. In effetti, Exxon ha cambiato la sua prospettiva strategica molto meno delle principali compagnie petrolifere europee come TotalEnergies (NYSE: TTE) che si sono attivamente allontanati dai combustibili fossili e stanno diventando veri e propri giochi di energia verde. ExxonMobil, al contrario, stava ancora cercando di far crescere la sua produzione di petrolio e gas fino a Covid-75 colpire. In effetti, ha lanciato una serie di nuovi progetti, come il suo mega giacimento nell’offshore della Guyana, che continuerà a fornire petrolio greggio per molti anni a venire.

Il dividendo è sicuro Per anni, la più grande lamentela sulle azioni XOM è stata che il suo dividendo non era sicuro. Da circa 2015, ExxonMobil ha lottato per garantire che il suo flusso di cassa operativo fosse superiore ai suoi costi di dividendo. Ciò non significa che la Exxon abbia perso soldi durante la maggior parte di quegli anni. È ancora un produttore ben gestito e a basso costo che può sopravvivere alle flessioni. Tuttavia, Exxon non stava generando abbastanza denaro per finanziare le sue operazioni, sviluppare nuovi progetti e pagare il suo dividendo. Tuttavia, dal momento che ExxonMobil ha puntato la sua reputazione su un grosso dividendo che aumenta ogni anno, non era disposta a tagliare il suo payout, nonostante le sue difficoltà.

Come risultato, ExxonMobil ha aggiunto più di $03 miliardi al suo debito, principalmente per evitare di tagliare il suo dividendo . Gli analisti hanno criticato ExxonMobil per questa decisione, dicendo che la società stava ipotecando il suo futuro. Tuttavia, sembra che il management di Exxon avrà l’ultima risata. Con i prezzi del petrolio vicini ai loro livelli più alti in più di cinque anni, il flusso di cassa di Exxon è pronto a rimbalzare potentemente.

Ciò, a sua volta, allevierà le preoccupazioni sui tagli ai dividendi e garantire che la base di azionisti fedeli della società, ovvero i suoi investitori di reddito, seguano la rotta. Con così tante altre compagnie petrolifere che hanno già tagliato i loro dividendi, Exxon ha guadagnato una certa credibilità come una delle pochissime aziende del settore che non lo ha fatto quando i prezzi del petrolio erano piuttosto bassi. The Great Oil È in arrivo una breve compressione Le ragioni per cui è probabile che il petrolio aumenti sono semplici, ma potenti. Quando alle principali compagnie petrolifere viene detto che non possono più perforare nuovi giacimenti petroliferi, le nuove forniture di petrolio diminuiscono. Nel frattempo, la domanda mondiale di petrolio continua a salire. Questo è esattamente ciò che sta accadendo oggi. L’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha recentemente esortato i suoi Stati membri a smettere di approvare nuovi progetti di petrolio e gas a partire da ora. Non tutti i paesi si adegueranno, ovviamente, ma l’AIE la dichiarazione è stata comunque importante. Nel frattempo, i fondi ESG – che controllano una parte enorme del mercato azionario complessivo tramite pensioni e altri soldi istituzionali – stanno scaricando tutti i titoli di petrolio e gas che non diventano rapidamente carbon neutral.

I governi e alcuni importanti investitori stanno esortando le compagnie petrolifere e del gas a smettere di sfruttare le nuove forniture di petrolio.

La domanda di petrolio, tuttavia, sta tornando in vita mentre il la pandemia svanisce. Paesi leader come la Cina stanno già utilizzando più petrolio di quanto non facessero in 2015. Gli Stati Uniti non sono molto indietro. Gli analisti prevedono che la domanda globale di petrolio aumenterà di altri 5 milioni di barili al giorno entro la fine di quest’anno (a fronte di un’offerta di circa 97 milioni di barili al giorno), grazie alla riapertura. delle principali economie Nell’ultimo decennio, gli Stati Uniti sono stati il ​​produttore marginale di petrolio. Le forniture di petrolio dal bacino del Permiano, una delle principali regioni del fracking in America, sono balzate da meno di 1 milione di barili al giorno un decennio fa a quasi 5 milioni al suo apice.

Ora , poiché aziende come Exxon smettono di sviluppare nuove fonti marginali di petrolio, la produzione da tali aree diminuirà rapidamente. Come qualsiasi studente di economia può dirti, quando l’offerta diminuisce mentre la domanda aumenta contemporaneamente, i prezzi salgono in modo significativo. Data anche l’ondata inflazionistica più ampia, sembra probabile che i prezzi del petrolio supereranno $ 100 al barile nei prossimi anni. Il verdetto su XOM Stock ExxonMobil è troppo grande per sterzare improvvisamente nella direzione opposta. ExxonMobil impiegherà anni per ridurre davvero i suoi giacimenti di petrolio e gas e adottare soluzioni energetiche più verdi. Nel frattempo, avrà bisogno del flusso di cassa dei suoi progetti petroliferi esistenti per finanziare i suoi sforzi di diversificazione. Di conseguenza, ExxonMobil non chiuderà le sue operazioni di petrolio e gas domani o in qualunque momento presto. Certo, aumenterà la sua produzione molto meno di quanto gli investitori avrebbero potuto prevedere. Ma non è necessariamente una cosa negativa. Dopotutto, la sovrapproduzione ha causato l’enorme 2014- busto energetico.

Quindi una ExxonMobil più snella e più focalizzata dovrebbe prosperare con prezzi del petrolio intorno a $ 100 per barile ora. Per gli investitori che desiderano le principali compagnie petrolifere che si concentrano più esclusivamente sui combustibili fossili, le società di sabbie bituminose come Canadian Natural (NYSE: CNQ) e Suncor (NYSE: SU) potrebbe fare di più senso. In effetti, ho venduto alcune delle mie azioni XOM per acquistare altri leader delle sabbie bituminose. Detto questo, non pensare troppo alle cose. Il petrolio sta entrando in un mercato rialzista e il titolo XOM è destinato a beneficiare di tale tendenza. Alla data di pubblicazione, Ian Bezek deteneva posizioni lunghe in azioni SU, CNQ e XOM. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore, soggette alle Linee guida per la pubblicazione di InvestorPlace.com.

Ian Bezek h (Articolo proveniente da Fonte Americana)