lunedì 30 novembre 2020

Nonostante le notizie atroci, queste scorte di petrolio stanno aumentando oggi

                                         

                                     

                                                                                          

Gli investitori sembrano trascurare l’impatto dei bassi prezzi del petrolio sulle scorte di servizi petroliferi.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Quello che è successo

Le azioni delle compagnie petrolifere hanno registrato un netto rialzo oggi. Entro le 15:00 EDT, NexTier Oilfield Solutions (NYSE: NEX) è aumentato di più di 40%, mentre i coetanei Patterson-UTI Energy (NASDAQ: PTEN) e ProPetro Holdings (NYSE: PUMP) erano in alto 25% e 12%, rispettivamente. Quelle manifestazioni sono arrivate anche se Patterson-UTI ha riportato brutti risultati nel primo trimestre con una prospettiva ancora più terribile per ciò che ci aspetta.

Invece di concentrarsi su questi aspetti negativi, gli investitori fanno un’offerta scorte energetiche oggi a causa di un rialzo dei prezzi del petrolio. Il contratto di giugno per WTI, il principale parametro di riferimento del prezzo del petrolio negli Stati Uniti, è aumentato di oltre 20% a circa $ un barile nella speranza che un numero maggiore di produttori taglierà la produzione e alleggerirà la sovrabbondanza di petrolio dell’industria.

Fonte immagine: Getty Images.

E allora

Patterson-UTI ha fornito agli investitori un assaggio di quanto siano brutte le cose per gli Stati Uniti a terra società di servizi. Le sue entrate del primo trimestre sono precipitate 25%, che ha causato una perdita di $ 0. 45 per azione. Notò che aveva 123 rig che operavano alla fine del quarto, che era in calo 20% anno dopo anno.

Tuttavia, per quanto brutto fosse quel trimestre, si aspetta che le condizioni peggiorino molto, dato che lo storico crollo dei prezzi del petrolio quest’anno. Patterson prevede di uscire dall’attuale quartiere con solo rig 70 funzionanti per i clienti. Inoltre, ha osservato che i suoi clienti probabilmente non inizieranno a completare più pozzi nel terzo trimestre, suggerendo che l’industria sta attraversando più di una “vacanza frack” temporanea.

A guidare questa previsione al ribasso sono le significative riduzioni di spesa e attività in tutto il settore mentre i prezzi del greggio sono precipitati dalle $ 60 per iniziare l’anno a territorio negativo all’inizio di questa settimana. Devon Energy ( NYSE: DVN) , ad esempio, ha già ridotto la sua spesa due volte quest’anno, tagliandolo di 45% complessivamente. Gli ultimi tagli del Devon comporteranno un differimento dell’attività nella Eagle Ford Shale. Ciò segue un precedente rinvio delle sue attività STACK e Powder River Basin. Di conseguenza, funziona solo nel bacino del Permiano. Apache ( NYSE: APA) , nel frattempo, aveva precedentemente ridotto il suo numero di rig in quella regione a zero. Questa mossa, insieme ad altre riduzioni, aiuterà a preservare il bilancio di Apache in modo che possa rimanere a galla durante questa recessione.

Poiché i trapani stanno tagliando profondamente i loro livelli di spesa e attività, fornitori di servizi come Patterson stanno facendo si muove per preservare la loro flessibilità finanziaria. Sta tagliando il suo dividendo di 40% e piani attuare ulteriori risparmi sui costi per consolidare il proprio bilancio. NexTier ha recentemente fatto alcune mosse simili mentre ha ridotto la sua spesa in conto capitale di $ 100 milioni e ha inutilizzato una parte della sua flotta di macchine da guerra per allineare le sue operazioni alle condizioni di mercato. ProPetro, nel frattempo, ha tagliato gli stipendi di alcuni dei suoi dirigenti questo mese mentre lavora per combattere il grave impatto che la recessione del mercato petrolifero sta avendo sulle sue operazioni e finanze.

Gli investitori, tuttavia, oggi trascurano completamente questa tetra immagine. Invece, si stanno concentrando sul fatto che i prezzi del petrolio stanno aumentando e aumentando le scorte di petrolio, anche se alcuni degli acquisti potrebbero essere dovuti a rivestimento corto .

Ora che cosa

Con negoziazione di greggio a meno di $ 20 un barile, le compagnie petrolifere continueranno probabilmente a tagliare le spese in conto capitale e ritardare la perforazione di nuovi pozzi. Per questo motivo, potrebbe passare un po ‘di tempo prima che le società di servizi vedano un rimbalzo dell’attività. Ciò potrebbe causare un notevole stress finanziario a queste società, con il potenziale per quelle più deboli di unirsi a molte trapani in bancarotta . Per questo motivo, gli investitori dovrebbero evitare questi titoli petroliferi poiché non è chiaro quanti sopravviveranno a questa crisi.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

                     

Articolo originale di Fool.com