sabato 06 marzo 2021

Notizie dal mercato azionario: i tori delle navi da crociera fanno il loro caso

                                         

                                     

                                                                                          

Il mercato azionario è caduto venerdì mattina, ma gli operatori di crociere duramente colpiti hanno in controtendenza.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

Il mercato azionario è caduto venerdì mattina, invertendo la rotta a seguito di un rimbalzo impressionante alla fine di giovedì. I dati economici più recenti mostrano una notevole debolezza nell’economia degli Stati Uniti, con il settore retail che ha registrato uno dei maggiori successi di recente. Le vendite al dettaglio sono diminuite di più di 11% in aprile, un calo record e molto peggio del 12% che la maggior parte degli economisti aveva anticipato. A partire da subito am EDT, il Dow Jones Industrial Average (DJINDICES: ^ DJI) era inattivo 235 punta a 23, 390. Il S&P 500 (SNPINDEX: ^ GSPC ) cadde 30 indica 2, 823 e il Nasdaq Composite (NASDAQINDEX: ^ IXIC) rilasciato 97 punta a 8, 849.

Le prospettive di riaperture locali sono buone per i rivenditori in difficoltà, ma per le scorte di navi da crociera, le sfide persistono. Di fronte a un ordine di non navigazione in corso e alle preoccupazioni su come l’industria sarà in grado di adattarsi alle realtà post-coronavirus, Royal Caribbean (NYSE: RCL) , Norwegian Cruise Line Holdings (NYSE: NCLH) e Carnevale (NYSE: CCL) hanno tutti subito importanti cali in 2020 poiché la loro stessa esistenza è stata messa in discussione. Tuttavia, le tre scorte di navi da crociera sono aumentate del 4% e del 6% all’inizio di questa mattina, con gli investitori rialzisti che sostengono che le compagnie stanno facendo quello che serve per svolgere il lavoro.

I fan della crociera torneranno in mare?

Una delle più grandi paure per le compagnie di navi da crociera è che non saranno in grado di trovare un modo per tornare alle normali operazioni fintanto che ci sono preoccupazioni per COVID- 19 o altre preoccupazioni per la salute. Gli operatori di crociera hanno sofferto di numerosi focolai di alto profilo in passato e ciò ha portato a inchieste del Congresso su ciò che gli operatori di crociera stanno facendo per affrontare i problemi di salute.

Fonte immagine: Norwegian Cruise Line Holdings.

Tuttavia, almeno per ora, gli appassionati di crociere non stanno perdendo la speranza di poter finalmente salpare. Norwegian è solo l’ultima società a riferire sulle prenotazioni e, nonostante abbia dovuto cancellare le navigazioni nei prossimi mesi, la foto anticipata di Norwegian per 2021 sembra vicino alla normalità. È la stessa cosa che hanno detto Carnival e Royal Caribbean, almeno in parte a causa di generose disposizioni per cancellazioni e riprenotazioni nel caso in cui la pandemia rimanga più a lungo della maggior parte delle speranze.

Ad ogni costo

Gli investitori sono anche felici di vedere gli operatori delle navi da crociera prepararsi finanziariamente per qualsiasi cosa possa accadere. I Caraibi reali, il Carnevale e il norvegese hanno ora tutti preso provvedimenti per aumentare i loro livelli di liquidità, aumentare il debito e vendere nuove azioni al fine di mettere più capitale a loro disposizione.

Alcuni osservatori del settore si preoccupano dell’elevato costo del capitale che gli operatori di navi da crociera stanno pagando per ottenere i soldi di cui hanno bisogno. Certo, alti tassi di interesse renderanno più difficile per le aziende raggiungere un flusso di cassa positivo anche quando le cose torneranno alla normalità, mentre l’emissione di nuove azioni diluirà qualsiasi utile risultante per gli azionisti.

C’è ancora molta incertezza nel settore delle crociere e, a meno che non sia disponibile una soluzione permanente come un vaccino, gli azionisti di Carnival, Royal Caribbean e Norwegian dovranno abituarsi volatilità in entrambe le direzioni. Tuttavia, se le cose iniziano ad andare bene, c’è sicuramente la possibilità che i tre giganti delle crociere sopravvivranno alla crisi del coronavirus e alla fine tornino ai precedenti livelli di prosperità di cui godevano in passato questi unici mezzi di trasporto marittimo.                                                                                                                                                                            

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            
Articolo originale di Fool .com